testata ADUC
Processo narco El Chapo a New York. Riprese le udienze
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 gennaio 2019 12:27
 
 Il processo contro Joaquin El Chapo Guzman ha ripreso dopo due settimane di riposo, con l'accusa che ha chiamato alla balaustra Vicente Zambada Niebla, il primogenito di Ismael El Mayo Zambada, il leader del cartello di Sinaloa e che è ancora in fuga.. Vicentillo è uno dei beni più preziosi dell'agenzia anti-droga degli Stati Uniti. La strategia del Procuratore è di provare a dimostrare che Guzmán ha ordinato omicidi come capo dell'organizzazione criminale. E questo è ciò che Zambada Niebla ha detto nella sua prima comparsa dopo aver rispettosamente salutato il capo seduto sulla panchina degli accusati.
Vicente Zambada ha detto che El Chapo ha cercato di ricostruire il suo impero dopo la fuga dalla prigione di massima sicurezza di Puente Grande (Jalisco) nel gennaio 2001. Uno dei presunti ordini che ha dato è stata l'eliminazione, nel settembre 2004, di Rodolfo Carrillo Fuentes, uno dei capi più importanti dell'organizzazione Juarez. Il cosiddetto Golden Boy, fratello del potente Lord of the Skies, Amado Carrillo, era un socio di El Mayo mentre Guzmán era in prigione. Tuttavia, dopo la morte di Amado sotto i ferri in un ospedale mentre veniva eseguita un'operazione estetica, Rodolfo ha iniziato ad eliminare le persone dal cartello di Sinaloa.
I capi di Sinaloa e Juárez hanno provato a sistemare le cose in diversi incontri. L'operazione di Carrillo Fuentes era molto importante per introdurre la droga negli Stati Uniti dalla città di confine di Chihuahua. Ma Rodolfo lasciò uno di quegli incontri trattando male El Chapo. Lì è iniziata la guerra. Guzman ha chiesto il permesso di El Mayo Zambada e di El Azul, un altro leader, di assassinarlo, così come ha testimoniato Vincentillo, che è stato arrestato dalle autorità messicane nel settembre 2009 ed estradato nei mesi successivi negli Stati Uniti. Sointo dalla sua testimonianza, El Mayo ha risposto: "Io sono con voi, abbiamo combattuto”.
El Chapo ordinò quindi ad un sicario soprannominato El Negro di uccidere Rodolfo. L'uomo armato ha tenuto fede all'ordine in un centro commerciale, dove ha ucciso El niño de oro con sua moglie Giovanna Quevedo Gastélum. Vicentillo ha detto che il conflitto tra i due cartelli si è intensificato con questa vicenda. Per vendicarsi, quelli di Juarez ordinarono l'omicidio di uno degli amici più cari di El Chapo ad una festa di compleanno di El Mayo Zambada.
Era passato un decennio da quando i due capi non si erano visti. Vicentillo, 43 anni, ha detto al giudice Brian Cogan come il rapporto tra loro fosse cresciuto da quando suo padre lo aveva presentato a El Chapo quando aveva 15 anni. Vincentillo si riferiva a lui in ogni momento come "il mio compadre". "È il padrino del mio figlio più giovane", ha spiegato Vicentillo.
Zambada Niebla ha iniziato nel settore della droga a Cancun, la stazione termale dello Stato di Quintana Roo, mercato controllato da suo cognato Javier Díaz. Da lui ha appreso come funzionava il business, fino a quando il suo parente è stato ucciso dai fratelli Arellano Félix e si è trasferito a Culiacán per stare con il patriarca. "Mi sono coinvolto così tanto che ho iniziato ad entrare massicciamente nel business", ha spiegato il figlio maggiore di El Mayo. Nel 2001, era già considerato un capo della banda criminale.
"Mio padre è il capo del cartello", ha detto dopo che tre mesi fa si era dichiarato colpevole di molteplici accuse per traffico di droga. Questo è accaduto solo pochi giorni prima dell'inizio del processo contro El Chapo, che lo ha aiutato nell'operazione per introdurre diverse tonnellate di cocaina ed eroina negli Stati Uniti. Ora rischia una condanna all'ergastolo. Ma senza la loro collaborazione non sarebbe stato possibile catturare Guzmán, quindi spera che la sua testimonianza gli possa ridurre la pena.
La fuga da Puente Grande
Vicentillo ha riconosciuto El Chapo come uno dei leader del cartello di Sinaloa, ma con la sua testimonianza ha incriminato anche suo padre. Ha spiegato come entrambi erano partner: "I carichi erano divisi a metà". Il consolidamento di questa società fu fatta nel ranch di Franciso Aceves, noto come Barbarino, dopo la fuga di Guzmán da Puente Grande, nel gennaio 2001.
Vicentillo ha detto che era una bugia che l'allora presidente messicano, Vicente Fox, e l'incaricato della prigione sapevano dei piani di fuga. "Solo tre o quattro persone lo sapevano", ha detto Zambada Niebla, che ha spiegato alla giuria come El Chapo ha raccontato la sua esperienza di quando contava le porte che ha attraversato nascosto in un carrello della lavanderia. "Era eterno finché non ha raggiunto l'ultima barriera." Il motivo della fuga è che Guzmán Loera era stato avvisato giorni prima della sua estradizione negli Stati Uniti.
Vicentillo ha anche spiegato che suo padre ha usato i suoi contatti con le autorità messicane per conoscere le operazioni di polizia che venivano effettuate per trovare le tracce di El Chapo. In particolare si è riferito al colonnello Adams, un responsabile della sicurezza del presidente Fox, uno di quelli che lo avvertirono di spostarsi tra diversi luoghi della Sierra Madre e di eludere le forze dell'ordine dopo la fuga. In cambio, ha detto, ha ricevuto "pagamenti mensili".
Era una questione di tempo prima che prendesse posizione. Suo zio Jesu ReyZambada è stato il primo testimone dell'accusa al processo che è iniziato a metà novembre, ed ha detto che El Chapo aveva ordinato la morte del fratello di El Señor de Los Cielos che gli aveva negato il saluto. Vicentillo ha anche ricordato un episodio scagionando El Chapo: l'assassinio del cardinale Jesus Posada all'aeroporto di Guadalajara, che non era stato eseguito da Guzman ma da alcuni criminali per conto dei suoi rivali, il cartello di Arellano Felix.
Nella sfilata precedente di testimonianze al processo, si è fatta anche fatta menzione anche dell’incontro prima di Natale col narco colombiano Jorge Cifuentes, dove i i leader del cartello si ritrovarono con i rappresentanti della compagnia petrolifera Pemex per le spedizioni di cocaina sulle loro navi. L'idea era venuta da parti di importanti politici e governanti che volevano investire nell'operazione: non ha fatto nessun nome, ma ha specificato che l'idea era di trasportare 100 tonnellate di coca. La cosa poi non ha mai funzionato.

(articolo di Sandro Pozzi, pubblicato sul quotidiano El Pais del 03/01/2019)


 Qui gli articoli pubblicati sul processo di New York:

- Si apre a New York il processo al narcoboss messicano El Chapo. Miti e leggende (05/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/si+apre+new+york+processo+al+narcoboss+messicano+el_28676.php

- Processo narco El Chapo a New York entra nel vivo. Come i costi lievitano dalla distribuzione al dettaglio (15/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+entra+nel+vivo+come_28729.php

- Processo narcos El Chapo a New York. La metamorfosi dell'arricchito (28/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narcos+el+chapo+new+york+metamorfosi+dell_28803.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Le testimonianze (02/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+boss+narcos+el+chapo+new+york_28825.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Quanto si è appreso dopo cinque settimane (12/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+boss+narcos+el+chapo+new+york+quanto+si_28866.php

- Processo El Chapo a New York. Una finestra sulla violenza del narco (16/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+finestra+sulla+violenza_28893.php

- Processo El Chapo a New York. Il narco è una calamita per i turisti (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+narco+calamita+turisti_28905.php

- Processo El Chapo a New York. Il maggior trafficante del narco racconta come lo ha tradito (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+maggior+trafficante_28909.php

- Processo El Chapo a New York. La costosa difesa del narco che nessuno sa come verrà pagata (23/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+costosa+difesa+narco+che_28931.php

- Processo narco El Chapo a New York. Riprese le udienze (04/01/2019)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+riprese+udienze_28982.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le intercettazioni (09/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intercettazioni_29007.php

- Processo narco El Chapo a New York. L’intreccio con sua moglie Emma Coronel e la sua infedeltà (10/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intreccio+sua_29010.php

- Processo narco El Chapo a New York. Come funzionano le comunicazioni ‘interne’ di un cartello (12/01/2019)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+come+funzionano_29028.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le fughe tra le montagne di Sinaloa (15/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+fughe+montagne_29038.php

- Processo narco El Chapo a New York. Corrotto il presidente messicano? (16/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+corrotto_29040.php

- Processo narco El Chapo a New York. La testimonianza dell’amante e politica dello Stato di Sinaloa (18/01/2019)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+testimonianza+dell_29045.php

- Processo narco El Chapo a New York. Tra torture ed esecuzioni dei rivali Los Zetas (25/01/2019)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+torture+esecuzioni_29085.php

- Processo narco El Chapo a New York. Intanto tutto cambia a Sinaloa... per restare uguale (27/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intanto+tutto_29093.php

- Processo narco El Chapo a New York. Uno spettacolo! (30/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+spettacolo_29110.php

- Processo narco El Chapo a New York. E' Zambada il capo del cartello di Sinaloa? (02/02/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chap+new+york+zambada+capo_29127.php

- Processo El Chapo a New York. Un narco giudicato dai gringos (02/02/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+narco+giudicato+dai_29129.php

- Processo narco El Chapo a New York. Slitta il verdetto della giuria (06(02/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+slitta+verdetto_29146.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le chiavi di un processo spettacolo (09/02/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+chiavi+processo_29161.php

- Processo narco a New York. La turbolenta vita di El Chapo (10/02/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+new+york+turbolenta+vita+el+chapo_29163.php

- Processo narco El Capo a New York. Giuria: è colpevole
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+capo+new+york+giuria+colpevole_29173.php
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori