testata ADUC
Processo El Chapo a New York. La costosa difesa del narco che nessuno sa come verrà pagata
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 dicembre 2018 18:06
 
 Il famoso avvocato di New York Jeffrey Lichtman affronta uno dei testimoni dell'accusa: "Avete bisogno di rinfrescarvi la memoria?". L'avvocato ricorre alla vecchia tattica di mettere in dubbio la credibilità degli interrogati per creare confusione nella giuria. Il suo stile teatrale costringe il giudice a intervenire in più di un'occasione. Lichtman, 53 anni, si siede alla sinistra del suo cliente, Joaquin Guzman Lorea, El Chapo, ex capo del sanguinario cartello messicano di Sinaloa, uno dei più grandi imperi della droga.
L'avvocato è uno dei tre principali che compongono la squadra legale dell'uomo accusato di introdurre 155 tonnellate di cocaina negli Stati Uniti per un quarto di secolo e viene processato in un tribunale di Brooklyn da metà novembre.
Come El Chapo paga ai suoi avvocati non si sa. Si stima che il finanziamento della difesa di un caso di questo calibro possa costare cinque milioni di dollari (4,3 milioni di euro) e il patrimonio dell'imputato, 61 anni, è stato sequestrato. La figura centrale del team legale è l'ecuadoriano Eduardo Balarezo, che siede alla destra di El Chapo durante il processo e mostra in ogni momento un atteggiamento molto paterno nei confronti degli accusati. A un'estremità del tavolo c'è William Purpura, un maestro dell'interrogatorio.
La squadra è completata da un avvocato che lavora con Lichtman e due assistenti. Ci sono un paio di altri assistenti che operano al di fuori del tribunale di Brooklyn.
Durante una pausa nel processo, Balarezo dice: "È quello che vedi", indicando il banco dell'accusa, che supera chiaramente le sue capacità, composto da squadre di New York, della Florida e del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Guzmán è stato arrestato in Messico nel gennaio 2016, quasi sei mesi dopo essere fuggito da un carcere messicano di massima sicurezza. Poi, nel gennaio del 2017, è stato estradato negli Stati Uniti. Per nove mesi ha avuto avvocati che gli hanno fornito assistenza legale.
Lichtman è stato incaricato di presentare gli argomenti iniziali del processo: "Avere una mente aperta", ha implorato la giuria che deve decidere se El Chapo sarà condannato all'ergastolo, come richiesto dall'accusa. "C'è un'altra parte della storia che il governo non vuole sentire", ha detto prima di ricordare l'enorme potere dell'ufficio del procuratore degli Stati Uniti. È stato l'ultimo ad entrare ufficialmente nella squadra, a settembre, sebbene sia già stato visto nelle audizioni dopo l'estradizione di Guzman. L'avvocato è noto per aver rappresentato John Gotti Junior, figlio del leader del clan Gambino, una delle cinque grandi famiglie della mafia di New York. È riuscito a far dichiarare tre prove nulle per la giuria. In una pausa riconosce che da bambino aveva molte paure. "Le ho superate ed eccomi qui", dice il difensore.
I tre avvocati hanno studi legali indipendenti. Ma ci sono un sacco di relazioni tra Balarezo e Purpura dal 2004.
Conflitto di interessi. La causa contro El Chapo è la più complessa, a causa delle sue dimensioni e del profilo degli imputati. L'accusa ha raccolto 300.000 prove documentarie e decine di migliaia di foto, video e registrazioni sonore. "Questo ci costringe a fare tutto", commenta Balarezo, "rivedi le prove, prepara gli interrogatori". "Ma alla fine non è molto diverso dagli altri casi", dice, spiegando che tra i suoi clienti ha avuto Alfredo Beltrán Leyva, uno dei leader e fondatori del cartello di Beltrán Leyva - il ramo armato di Sinaloa - e potenziale testimone dell'accusa. I due capi erano soci e amici, fino a quando non si dichiararono la guerra. Beltrán Leyva è stato estradato negli Stati Uniti nel 2014 e sta scontando l'ergastolo. Balarezo non può usare le informazioni di prima mano che ha sul testimone per difendere El Chapo. Né può condividerle con altri avvocati, il che limita il suo raggio di azione.
Lo stesso conflitto è emerso con Lichtman, che rappresentava trafficanti di droga legati al caso. "Fidati di noi", dice Balarezo, riferendosi a Guzmán. "È calmo e capisce la sua situazione." L'avvocato dice che rivede le prove con loro e propone idee per gli interrogatori.
Il processo è entrato in una pausa di due settimane per Natale. Il primo mese e mezzo è stato pieno di momenti spettrali. E anche molto pesante. In questo caso, gli avvocati del narco sanno come attirare l'attenzione della giuria, che a volte può annoiarsi. In un interrogatorio, Balarezo ha preso con la mano un mattone di cocaina, una delle prove fornite dall'accusa. L'accusa gli ha chiesto di indossare i guanti. L'avvocato ha detto che non era necessario, che sarebbe stato utile essere incoraggiati.
Caos intenzionale che ricorda i film. Il microfono è sulla patta e inizia a scaricare le munizioni mentre si muove nella stanza. La messa in scena sembra caotica. Nulla a che vedere con le domande ripetitive e programmate dei pubblici ministeri, che non si discostano dalla sceneggiatura. Secco, preciso e gradito dalla giuria.
Il narco Juan Carlos Ramírez, uno dei testimoni dell'accusa, gli chiede: "Che cosa significa Chupeta?", Che è il suo pseudonimo. "È una caramella", risponde. "Cioè, schifo," risponde l'avvocato, 66 anni, con l’intento di ridicolizzarlo. La stessa tecnica è stata usata con Tirso Martínez Sánchez quando parlava dei soldi persi nei combattimenti di galli (si dice che abbia persino scommesso $ 100.000 in uno solo). "Il gallo ne viene fuori sempre peggio", gli disse l'avvocato. Persino il giudice Brian Cogan l'ha considerato divertente.
Balarezo, 52 anni, dice di aver appreso la tecnica di Purpura. Lo ha dimostrato quando ha toccato Germán Rosero, l'uomo che Chupeta aveva in Messico per negoziare con il cartello di Sinaloa. Per mostrare il suo tradimento, ha chiesto se aveva visto il film Il Padrino. "Sì, signore", rispose. "E sai chi è Fredo?", Rispose alludendo al traditore fratello di Michael Corleone, che ordina di uccidere. Il magistrato lo ha interrotto.
Limiti. I narcoavvocati spiegano che il loro compito è "smantellare il caso contro El Chapo". "È la procura che deve dimostrare che è colpevole", insiste Balarezo, che ha anche rappresentato l'uomo d'affari cinese messicano Zhenli Ye Gon, legato al cartello di Sinaloa. Dice che apprende in tutte le cause a cui partecipa. "Se pensi di sapere tutto, sei perso". Avere rappresentato altri trafficanti di droga è un vantaggio.
Qualche giorno fa, il giudice ha raccomandato a Balarezo di prestare attenzione ai commenti su Twitter relativi al caso. "Avrà notato che limito i tweet a Trump e Barcellona", ha risposto. È un fervente seguace della squadra di calcio Blaugrana.

(articolo di Sandro Pozzi, pubblicato sul quotidiano El Pais del 23/12/2018)

  Qui gli articoli pubblicati sul processo di New York:

- Si apre a New York il processo al narcoboss messicano El Chapo. Miti e leggende (05/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/si+apre+new+york+processo+al+narcoboss+messicano+el_28676.php

- Processo narco El Chapo a New York entra nel vivo. Come i costi lievitano dalla distribuzione al dettaglio (15/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+entra+nel+vivo+come_28729.php

- Processo narcos El Chapo a New York. La metamorfosi dell'arricchito (28/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narcos+el+chapo+new+york+metamorfosi+dell_28803.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Le testimonianze (02/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+boss+narcos+el+chapo+new+york_28825.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Quanto si è appreso dopo cinque settimane (12/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+boss+narcos+el+chapo+new+york+quanto+si_28866.php

- Processo El Chapo a New York. Una finestra sulla violenza del narco (16/12/201\8)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+finestra+sulla+violenza_28893.php

- Processo El Chapo a New York. Il narco è una calamita per i turisti (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+narco+calamita+turisti_28905.php

- Processo El Chapo a New York. Il maggior trafficante del narco racconta come lo ha tradito (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+maggior+trafficante_28909.php

- Processo El Chapo a New York. La costosa difesa del narco che nessuno sa come verrà pagata (23/12/2018)
 articolo qui pubblicato

- Processo narco El Chapo a New York. Riprese le udienze (04/01/219)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+riprese+udienze_28982.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le intercettazioni (09/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intercettazioni_29007.php

- - Processo narco El Chapo a New York. L’intreccio con sua moglie Emma Coronel e la sua infedeltà (10/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intreccio+sua_29010.php

- Processo narco El Chapo a New York. Come funzionano le comunicazioni ‘interne’ di un cartello (12/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+come+funzionano_29028.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le fughe tra le montagne di Sinaloa (15/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+fughe+montagne_29038.php

- Processo narco El Chapo a New York. Corrotto il presidente messicano? (16/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+corrotto_29040.php

- Processo narco El Chapo a New York. La testimonianza dell’amante e politica dello Stato di Sinaloa (18/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+testimonianza+dell_29045.php
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori