testata ADUC
Processo boss narcos El Chapo a New York. Quanto si è appreso dopo cinque settimane
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 dicembre 2018 0:52
 
 Sangue e denaro sono stati al centro del primo mese di testimonianze nel processo contro Joaquín Guzmán Loera, il trafficante di droga messicano soprannominato El Chapo. Questi problemi sono stati particolarmente intrecciati durante la quarta settimana, in cui due colombiani che hanno detto di essere dei collaboratori di Guzman hanno raccontato come hanno fornito centinaia di tonnellate di cocaina.
Il primo di questi colombiani, Juan Carlos Ramírez Abadía, ha dichiarato di essere il principale contatto del Chapo in Colombia; ha anche raccontato alla giuria nella corte distrettuale federale di Brooklyn di aver partecipato ad almeno 150 omicidi durante la sua permanenza nel Cartel de la Norte del Valle, perpetrati sia in Colombia che in altre parti del Sud America.
Ramírez ha testimoniato di questi omicidi iniziati nei primi anni '90, quando ordinò l'uccisione di diverse persone che lavoravano nelle sue attività di spaccio di droga a New York City. Lo spargimento di sangue è continuato fino al 2017, quando Ramirez è stato arrestato in un condominio di lusso in Brasile.
Le vittime erano procuratori, ex alleati, ladri, ufficiali militari della Colombia e persino un avvocato che una volta aveva parlato di questo business dopo aver bevuto; tuttavia, i dettagli completi delle uccisioni non sono venuti alla luce in aula. Il giudice in capo, Brian Cogan, ha detto alla difesa di El Chapo di non aver bisogno che descrivesse in modo completo tutti gli omicidi a cui Ramírez aveva partecipato per dimostrare di essere un uomo violento.
Riguardo ai soldi, Ramírez ha detto ai giurati che una volta ha pagato 338.776 dollari ai mercenari e che ha annotato le spese in alcuni dei suoi numerosi libri contabili. Ha anche assicurato di aver fatto una serie di pagamenti fino a 10 milioni di dollari in totale ai membri del Congresso colombiano per incoraggiarli a votare contro una legge di estradizione con la quale lo stesso Ramírez è stato poi inviato negli Stati Uniti.
Mercoledì 5 dicembre, un difensore di Ramirez, un avvocato colombiano di nome Germán Rosero, ha detto alla giuria che forse la sua era una delle più tristi storie di come qualcuno finisce coinvolto in tutto il mondo nel traffico di droga. Rosero, ha detto di aver lavorato per decenni come difensore pubblico in Colombia e di aver dovuto chiedere la protezione per le minacce alla vita di Ramirez. Che ha trascorso il resto della vita a ripagare il debito.
Rosero era quasi un ambasciatore per Ramirez. Ha lavorato dal Messico per vendere la cocaina del suo capo a Guzmán Loera e altri membri del cartello di Sinaloa.
Nel corso di due giorni di testimonianze ha descritto come erano gli accordi: si è messo in contatto con alcuni degli uomini del cartello di Sinaloa per concordare la sua cattura in un hotel e portarlo verso l'aeroporto. Quindi è salito su un piccolo aereo nella Sierra Madre alla periferia di Culiacan, Sinaloa.
Guzmán Loera, che a quel tempo era appena scappato dalla prigione, lo stava aspettando in una zona montuosa. Uno di quei nascondigli era una fattoria con una costruzione normale, una staccionata di legno e una piscina con palapa. Già lì, Rosero fece a Guzman un’offerta. Per esempio, di 3000 chilogrammi consegnati in una barca a motore. Il testimone ha detto che El di solito indossava un berretto e stava seduto durante la trattativa.
Guzman Loera, come detto anche da altri testimoni nel processo, aveva un carattere bizzoso quando si sentiva personalmente offeso da qualcuno, ma Rosero ha precisato che rimaneva calmo quando si trattava di business. Sempre Rosero ha ricordato come una volta, l'United States Coast Guard aveva sequestrato un carico di oltre 12 tonnellate di cocaina mentre la portavano ai trafficanti di Sinaloa. E con il cappello in mano, Rosero andò in montagna a dare la cattiva notizia a El Chapo. "Mi disse che dovevamo continuare a muoverci, dovevamo continuare a lavorare."
Una nuova immagine
Nei primi anni 2000, Ramírez viaggiò in Brasile per imparare il portoghese e subì diverse operazioni per farsi cambiare i connotati del viso nel tentativo di sfuggire alle autorità. I dottori cambiarono zigomi e guance; fece un trapianto di capelli, protesi labiali e si fece mettere delle palpebre diverse, insieme ad altre modifiche.
Durante l'interrogatorio sul banco degli imputati, uno degli avvocati della difesa di El Chapo, William Purpura, gli ha chiesto del trapianto di capelli. "Come ha funzionato?". Ramírez, che ha ancora una grande chioma, si è messo a ridere ed ha risposto nei dettagli. Purpura poi ha detto: "Sei stato un bell'uomo". Ma i pubblici ministeri si sono opposti a questa dichiarazione. "Non eri un bell'uomo," ha detto allora Purpura. Ma i pubblici ministeri si sono opposti di nuovo.
Giurato si addormenta
Mercoledì 5 dicembre il giudice Cogan si è lamentato con la giuria prchè prestava poca attenzione. "So che ci sono molte testimonianze da ascoltare", ha detto. "Senza puntare a nessuno in particolare, a volte mi rivolgo a te e mi chiedo se sei concentrato come dovresti essere."
Il giorno dopo ci sono state lunghe dichiarazioni su navi cisterna e cocaina e la sonnolenza ha colpito due membri della giuria, uno di loro mentre guardava il notebook in cui una donna prendeva appunti, si è addormentato. In quella occasione il giudice non ha detto nulla.
I membri della giuria avranno due settimane di ferie per le vacanze di Natale, a partire dal 20 dicembre.

Glossario di El Chapo
Bajadores: una parola usata molto durante il processo, serve a descrivere coloro che hanno restituito il denaro dopo la vendita di droghe.
Confische: Anche se sono state create diverse tecniche innovative per nascondere la droga, come nascondigli in camion e contropareti, diversi funzionari governativi hanno testimoniato nella quarta settimana su come l'Amministrazione della Drug Enforcement Administration (DEA) e la US Coast Guard hanno sequestrato diverse spedizioni di cocaina e marijuana del cartello di Sinaloa. Tra queste un raid del 1999 da 1500 chilogrammi di marijuana e più di 1.000 chilogrammi di cocaina che erano parzialmente nascosti in scatole da scarpe. Nel 2002 ci fu un’altra operazione grazie alla quale furono confiscati 1900 chili di cocaina da un magazzino a Brooklyn e una quantità simile un anno dopo in un sito nel Queens.


(da un articolo di Alan Feuer ed Emily Palmer, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 11/12/2018)

  Qui gli articoli pubblicati sul processo di New York:

- Si apre a New York il processo al narcoboss messicano El Chapo. Miti e leggende (05/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/si+apre+new+york+processo+al+narcoboss+messicano+el_28676.php

- Processo narco El Chapo a New York entra nel vivo. Come i costi lievitano dalla distribuzione al dettaglio (15/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+entra+nel+vivo+come_28729.php

- Processo narcos El Chapo a New York. La metamorfosi dell'arricchito (28/11/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narcos+el+chapo+new+york+metamorfosi+dell_28803.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Le testimonianze (02/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+boss+narcos+el+chapo+new+york_28825.php

- Processo boss narcos El Chapo a New York. Quanto si è appreso dopo cinque settimane (12/12/2018)
articolo qui pubblicato

- Processo El Chapo a New York. Una finestra sulla violenza del narco (16/12/201\8)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+finestra+sulla+violenza_28893.php

- Processo El Chapo a New York. Il narco è una calamita per i turisti (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+narco+calamita+turisti_28905.php

- Processo El Chapo a New York. Il maggior trafficante del narco racconta come lo ha tradito (19/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+maggior+trafficante_28909.php

- Processo El Chapo a New York. La costosa difesa del narco che nessuno sa come verrà pagata (23/12/2018)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+el+chapo+new+york+costosa+difesa+narco+che_28931.php

- Processo narco El Chapo a New York. Riprese le udienze (04/01/219)
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+riprese+udienze_28982.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le intercettazioni (09/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intercettazioni_29007.php

- - Processo narco El Chapo a New York. L’intreccio con sua moglie Emma Coronel e la sua infedeltà (10/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+intreccio+sua_29010.php

- Processo narco El Chapo a New York. Come funzionano le comunicazioni ‘interne’ di un cartello (12/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+come+funzionano_29028.php

- Processo narco El Chapo a New York. Le fughe tra le montagne di Sinaloa (15/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+fughe+montagne_29038.php

- Processo narco El Chapo a New York. Corrotto il presidente messicano? (16/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+corrotto_29040.php

- Processo narco El Chapo a New York. La testimonianza dell’amante e politica dello Stato di Sinaloa (18/01/2019)
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+testimonianza+dell_29045.php

 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori