testata ADUC
Giornata mondiale della fibromialgia. La potenzialità della cannabis… boicottata
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
13 maggio 2021 12:47
 
Oggi 13 maggio è la Giornata mondiale della fibromialgia, una malattia che colpisce circa 2 milioni di italiani e che si manifesta con dolori a livello muscolare, provocando spossatezza e affaticamento. Per lenire il danno, abitualmente si usano oppioidi, antidepressivi, antiepilettici e, solo di recente cannabis medica.
L’iniziativa di diverse amministrazione è quella di illuminare i propri palazzi (per esempio Trentino e Toscana) per sensibilizzare. Bene, e poi?

Ognuno ovviamente fa il possibile… ma quanto di questo possibile viene fatto in materia di cannabis terapeutica che, a differenza degli altri rimedi (oppioidi e non solo), non induce dipendenza?

C’è fior fiore di studi in materia (1), e in Italia l’uso terapeutico della cannabis è legale, ma… sono storie di vita quotidiana quelle di malati che, vista la carenza del mercato, o si rivolgono al mercato clandestino senza dirlo a nessuno (la marijuana si trova ad ogni angolo di strada e sulla qualità è più che legittimo il dubbio) o finiscono nei tribunali dove, vista la lunghezza dei processi, vengono spesso assolti dopo aver già scontato la pena con la lunga attesa procedurale (2).

In Italia l’unico Istituto autorizzato alla produzione di cannabis per uso terapeutico è quello Farmaceutico Militare di Firenze, per il resto c’è l’importazione da alcuni Paesi Ue… ma è insufficiente grazie anche al diffuso stigma istituzionale che la colpisce.

Care Regioni e pubbliche istituzioni, caro ministero della Salute, fino a quando continueremo a farci male (incentivazione del mercato nero, pazienti senza sostanze, forze dell’ordine e tribunali coinvolti)? Ognuno per le proprie competenze, non sarebbe il caso di intervenire alla bisogna? O bastano le belle e multicolore illuminazioni dei propri palazzi?

NOTE
1 - https://droghe.aduc.it/notizia/cannabis+terapeutica+fibromialgia_137880.php
2 – il caso De Benedetto è solo uno dei più recenti venuto alle cronache per la mobilitazione civica che lo ha accompagnato: https://droghe.aduc.it/comunicato/cannabis+terapeutica+assoluzione+de+benedetto+chi_32578.php
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori