testata ADUC
 MALAWI - MALAWI - Da tabacco a cannabis. Cambiano le coltivazioni
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 maggio 2021 14:44
 
Il presidente del Malawi Lazarus Chakwera ha fatto sapere che la principale fonte di valuta estera del suo paese, il tabacco, è in declino ed ha sollecitato il passaggio a colture ad alta crescita come la cannabis, che è stata legalizzata localmente per alcuni usi lo scorso anno. Il tabacco dovrebbe far guadagnare meno di $ 200 milioni nel 2021, una cifra più o meno simile agli ultimi due anni ma ben al di sotto dei precedenti guadagni annuali che superavano i $ 350 milioni.
Anche il vicino governo dello Zimbabwe ha cambiato le proprie leggi per incoraggiare gli investimenti nella cannabis.
"Chiaramente dobbiamo diversificare e coltivare altre colture come la cannabis, che è stata legalizzata lo scorso anno per uso industriale e medicinale". Il tabacco è una macchia su un settore agricolo altrimenti in forte espansione, che secondo il presidente consentirebbe alla crescita economica di recuperare al 3,8% quest'anno, secondo le ultime previsioni, e spingerla al 5,4% l'anno prossimo.

Decenni di educazione alla salute pubblica hanno gradualmente convinto le persone in tutto il mondo dei pericoli del tabacco, portando a un calo sostenuto delle vendite. Allo stesso tempo, la cannabis ha iniziato ad essere accettata come medicina.
Il parlamento del Malawi ha approvato nel febbraio dello scorso anno un disegno di legge che rende legale la coltivazione e il trattamento della cannabis medicinale e la fibra di canapa utilizzata nell'industria, ma si ferma sulla depenalizzazione dell'uso ricreativo. Chakwera ha detto che il ministero dell'agricoltura "cercherà un paniere di colture alternative in modo che entro il 2030 il Malawi possa farla finita con la sua dipendenza dal tabacco".

I paesi di tutto il mondo stanno legalizzando o allentando le leggi sulla cannabis, tra cui diversi nell'Africa meridionale come Zambia, Lesotho e Zimbabwe. Le nuove norme dello Zimbabwe consentiranno agli investitori di possedere interamente le attività legate alla cannabis, e consentono di produrre cannabis ovunque nel Paese, invece che in luoghi limitati.
(Reuters)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori