testata ADUC
 AUSTRALIA - AUSTRALIA - Legalizzazione cannabis. 40% ok
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
29 dicembre 2021 13:04
 
  Oltre il 40% degli australiani ritiene che la marijuana dovrebbe essere legalizzata, una percentuale che è quasi raddoppiata dal 2013.
I ricercatori australiani hanno esaminato i cambiamenti nell'atteggiamento nei confronti del consumo di droga nel tempo, misurato dalle risposte al National Drug Strategy Household Survey.
Le indagini rappresentative a livello nazionale, condotte l'ultima volta nel 2019, raccolgono dati sull'uso e sugli atteggiamenti relativi alla droga ogni due o tre anni dal 1985.
Una revisione dei dati del sondaggio ha mostrato che il 41,1% degli intervistati ha sostenuto la legalizzazione della cannabis per uso personale nel 2019, un aumento significativo rispetto al 25,5% nel 2013.
Don Weatherburn, professore presso il National Drug and Alcohol Research Center dell'Università del NSW e coautore dell'analisi, ha affermato che l'aumento potrebbe essere collegato alla crescita dell'uso di marijuana.
La percentuale di persone che affermano di aver fatto uso di cannabis durante la loro vita è leggermente aumentata negli ultimi 20 anni: dal 33,5% nel 2001 al 38,1% nel 2019.
"È diventato gradualmente più diffuso, probabilmente perché la legge è diventata meno draconiana", ha detto Weatherburn". La maggior parte degli stati ora ha una qualche forma di schema di avvertimento sulla cannabis, che rende la droga un po' meno stigmatizzata di quanto non fosse negli anni '80 e '90.
"È anche in parte vero che le persone che per prime hanno provato la cannabis sono ora in posizioni di potere all'interno e intorno al governo e alle principali istituzioni", ha detto, citando gli Stati Uniti, "dove avevano leggi molto dure contro la cannabis a una situazione ora in cui è possibile venderla legalmente in molti degli stati americani”.

Mentre i ricercatori hanno trovato un forte sostegno alla legalizzazione della marijuana per uso personale, la loro analisi ha mostrato che il supporto per altre droghe illecite era molto più basso.
"Il sostegno alla legalizzazione dell'ecstasy e della cocaina, sebbene ancora basso, è aumentato in modo significativo dal 2013", ha affermato Weatherburn. Nel 2019, le percentuali di persone che volevano legalizzare l'ecstasy e la cocaina erano rispettivamente del 9,5% e dell'8,1%.

L'analisi ha rilevato "un cambiamento significativo nel sostegno alle cure e all'istruzione... lontano dal carcere e dalle sanzioni punitive", ha aggiunto. "Anche se le persone non stanno sostenendo la legalizzazione di queste droghe, stanno sostenendo un diverso tipo di approccio al possesso tradizionale, alle multe elevate e agli ordini supervisionati".
Weatherburn attribuisce il cambiamento dell'atteggiamento pubblico all'avvento dei tribunali antidroga nei primi anni 2000 e al successo dei programmi di trattamento della droga, nonché una distinzione più netta percepita "tra coloro che fanno uso di droghe e coloro che le vendono".
"La gente si è resa conto... che le sanzioni che imponevamo ai tossicodipendenti sono piuttosto severe e che ci sono altre opzioni credibili come il trattamento", ha detto Weatherburn.
"Non sembra esserci stato alcun cambiamento significativo nel livello di sostegno alla legalizzazione dell'eroina o della metanfetamina", ha aggiunto.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Drug and Alcohol Review.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS