testata ADUC
 EMIRATI ARABI UNITI - EMIRATI ARABI UNITI - Dubai, il paradiso perduto dei narcotrafficanti europei
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 gennaio 2022 12:08
 
Dubai, uno dei sette membri della federazione degli Emirati Arabi Uniti, ha una lunga storia di traffico di droga. Molto prima dell'indipendenza della federazione, nel 1971, questo porto era un luogo centrale per il contrabbando marittimo di oro con l'India e il Pakistan, le cui navi tornavano spesso cariche di oppio, persino eroina, in parte passata all'Iran. Lo "shock petrolifero" del 1973, di cui Abu Dhabi, capitale della federazione, trasse immenso profitto, rese obsoleto questo traffico d'altri tempi. Ma le molteplici strutture che il paradiso fiscale di Dubai garantisce ai suoi ricchi ospiti hanno reso l'emirato una base privilegiata di ripiego per i famigerati trafficanti di droga ricercati dalla polizia europea. Almeno questo era vero fino a poco tempo fa una serie di accordi di estradizione ha posto fine all'esilio d'oro a Dubai dei signori della droga europei.

IL "MARCASSIN" E IL "FANTASMA"
Tutto è cambiato nel febbraio 2021 quando Hakim Berrebouh, soprannominato "Le Marcassin", è stato arrestato dalla polizia di Dubai. Nato quarant'anni prima nella città marsigliese di Flamants, questo trafficante francese si era prima rifugiato in Marocco per sfuggire alla guerra tra le "famiglie della droga" della città di Marsiglia. Suo fratello era stato assassinato nel 2014 in pieno giorno da un commando armato di kalashnikov e lui stesso era sfuggito per un soffio a un tentato omicidio nel 2013. Dopo questo esilio forzato, il "Marcassin" ha continuato a gestire l'esportazione di hashish marocchino a Marsiglia a un ritmo di diverse tonnellate al mese, controllando anche un notevole traffico di cocaina. La richiesta di estradizione, inviata a marzo dalle autorità francesi, ha portato, il mese scorso, al trasferimento di Berrebouh a Marsiglia, dove è stato incriminato, tra l'altro, per "importazione di stupefacenti in una banda organizzata".

Nel marzo 2021 è stato proprio Moufid Bouchibi, noto come "The Phantom", ad essere arrestato a Dubai dopo dieci anni di fuga. La polizia di Dubai mostra, in un frenetico video, la caccia al "più importante narcotrafficante francese" e il ringraziamento della polizia giudiziaria francese per tale arresto. Trasferito poco dopo in Francia, Bouchibi è stato condannato lo scorso settembre, dal tribunale di Bordeaux, a sedici anni di reclusione per l'introduzione di diverse tonnellate di hashish in Francia nel 2011. Era già stato condannato a vent'anni di reclusione in contumacia per gli stessi fatti del 2015. Questa sentenza è accompagnata anche da due distinte multe da quattro e due milioni di euro, avendo l'imputato durante il suo interrogatorio considerato di "pagare in contanti" una precedente multa di un milione di euro (il suo avvocato ha subito detto che si trattava di uno "scherzo").

CAMORRA E "MOCRO MAFFIA"
Nell'agosto 2021 la polizia di Dubai ha annunciato l'arresto di Rafaelle Imperiale, famigerato "barone" della camorra, la mafia napoletana, che vive nell'emirato da cinque anni. Imperiale era fuggito a Dubai quando la polizia italiana ha scoperto, in una villa di sua proprietà alla periferia di Napoli, due dipinti di Van Gogh rubati nel 2002 dal Museo Van Gogh di Amsterdam. Accusato di gestire "un'imponente rete di trafficanti internazionali, in particolare di cocaina", Imperiale è stato arrestato insieme al suo braccio destro Raffaelle Mauriello, presentato dalla polizia di Dubai come "responsabile della preparazione e dell'esecuzione di omicidi e 'assassini'. Imperiale ha collaborato anche a Dubai con Ridouan Taghi, uno dei leader più temuti della "Mocro Maffia", come vengono soprannominati in Olanda i narcotrafficanti, spesso di origine marocchina. Arrestato a Dubai nel dicembre 2019, Taghi è stato condannato dai tribunali olandesi all'ergastolo per sei omicidi e tentati omicidi.

La "Mocro Maffia" ha esteso le sue attività al porto di Anversa, divenuto hub del narcotraffico in Europa. "Le Monde" ha appena rivelato, dopo un'indagine approfondita su tali traffici, che la polizia belga si aspetta molto dall'accordo di estradizione firmato appena un mese fa con gli Emirati Arabi Uniti. In vista c'è l'ex portuale Othman El Ballouti, uno dei baroni del traffico di Anversa, che si dice possieda una dozzina di proprietà a Dubai, per una fortuna stimata, secondo la stampa belga, in oltre otto milioni di dollari. È tutt'altro che l'unico "narco" ancora ricercato a Dubai, sulla base di un "avviso rosso" emesso dall'Interpol per i criminali più pericolosi. Anche se la fine dell'impunità a Dubai per un pugno di narcotrafficanti è da accogliere con favore, resta aperta la questione del compiacimento che ha permesso loro per così tanto tempo di prosperare lì e di gestire, da questo emirato, le proprie reti mafiose.

(Jean- Pierre Filiu su Le Monde del 09/01/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS