testata ADUC
 USA - USA - Cannabis legale. Favorisce i posti lavoro in agricoltura
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
3 gennaio 2023 14:08
 
Nonostante le argomentazioni proibizioniste secondo cui la legalizzazione della marijuana danneggia la forza lavoro, un nuovo studio pubblicato dal National Bureau of Economic Research (NBER) ha rilevato che, semmai, la riforma aumenta effettivamente le opportunità di lavoro.

I ricercatori della San Diego State University e della Bentley University hanno affermato che il loro studio è "il primo a esplorare l'impatto della legalizzazione della marijuana ricreativa (RML) sui risultati del mercato del lavoro delle persone in età lavorativa", analizzando le tendenze occupazionali e salariali negli stati che hanno e che non hanno promulgato la legalizzazione ricreativa

Se ciò che i proibizionisti sostengono – che la legalizzazione creerebbe problemi di salute e sicurezza, rallentando i risultati del lavoro e le opportunità di lavoro – fosse vero, lo studio avrebbe mostrato “sostanziali impatti negativi” sull'economia e sulla forza lavoro. Ma l'analisi non ha prodotto prove a sostegno di tali affermazioni.

"Invece, i nostri risultati mostrano alcune prove che l'adozione di RML è associata a piccoli aumenti dell'occupazione adulta nel settore agricolo, coerente con l'apertura di un nuovo mercato legale per produrre e coltivare marijuana", afferma il documento. "Tra i primi stati dove c'è legalizzazione, la California, il Colorado e (in misura minore) l'Oregon hanno registrato un aumento del lavoro agricolo".

Lo studio ha anche trovato "alcune prove del fatto che l'adozione di RML è associata a guadagni occupazionali modesti (spesso a breve termine) per gli ispanici e le persone di età superiore ai 30 anni".

I ricercatori hanno affermato che "gli effetti sull'occupazione (e sui guadagni) in gran parte nulli e occasionalmente positivi sono robusti" in quanto
1) hanno utilizzato analisi di studi di eventi che hanno testato sia le tendenze pre-legalizzazione sia le valutazioni delle "dinamiche post-trattamento negli effetti del mercato del lavoro ”,
2) controllato per le tendenze negli stati confinanti con quelli dove c'è stata legalizzazione,
3) utilizzato “metodi differenti di nuova concezione” che riducono al minimo i pregiudizi di studio e
4) inclusa “analisi di controllo sintetico degli stati che per primi hanno legalizzato e che consentono un'indagine degli effetti economici di lungo periodo”.

"Insieme, concludiamo che la legalizzazione della marijuana ricreativa ha, al massimo, effetti attenuati sul benessere economico delle persone in età lavorativa", hanno affermato.

"Le nostre stime mostrano che l'adozione di RML è associata a un aumento dell'occupazione agricola, coerente con l'apertura di un nuovo mercato legale".

I ricercatori hanno anche esaminato il motivo per cui la legalizzazione ricreativa potrebbe avere maggiori vantaggi economici rispetto alle leggi sulla marijuana medica (MML). In virtù dell'ampliamento dell'accesso a più persone, ciò "può aumentare la domanda di lavoro e offrire nuove opportunità economiche", ad esempio.

Ma la legalizzazione ricreativa è anche più comunemente emanata con alcune riforme della giustizia penale come la cancellazione dei precedenti specifici. E così, "riducendo in modo più ampio la probabilità di avere precedenti penali, è più probabile che le RML abbiano effetti importanti sull'occupazione e sulle opportunità di guadagno di quei giovani con una propensione relativamente più alta all'arresto per possesso di marijuana".

"Quindi, ci si potrebbe aspettare che le LRM possano avere effetti maggiori su coloro che sono stati danneggiati in modo sproporzionato dalla proibizione della marijuana: giovani uomini neri e ispanici", afferma.

“Infine, poiché gli RML espandono ampiamente il mercato della marijuana attraverso un insieme potenziale di consumatori molto più ampio rispetto agli MML, le espansioni nella produzione e coltivazione di marijuana possono essere molto più sostanziali. Pertanto, vi è un maggiore spazio per l'aumento dell'occupazione nell'agricoltura e nelle vendite al dettaglio (forse insieme ai salari dei lavoratori) in risposta a questo nuovo mercato legale.

L'introduzione del documento di lavoro ha contrastato le diverse prospettive sulla questione citando il miliardario Elon Musk e l'attore e sostenitore della riforma Seth Rogen. Il primo ha affermato nel 2018 di non fumare regolarmente cannabis perché ritiene che non sia "molto buono per la produttività". Quest'ultimo, invece, ha dichiarato nel 2011 di fumare "molta erba quando scrivo".

Tuttavia, lo studio non ha tentato di accertare se il consumo proattivo di cannabis migliora le prestazioni lavorative. Piuttosto, ha esaminato le tendenze economiche più ampie in seguito alla legalizzazione, che ha associato a un uso medio leggermente maggiore.

La legalizzazione "potrebbe avere effetti positivi sull'occupazione e sui salari", affermano gli autori. "L'introduzione di una nuova industria legale, che può includere la coltivazione e la produzione di marijuana, nonché la vendita legale di marijuana nei dispensari ricreativi, può aumentare l'occupazione".

"Inoltre, se l'accesso legale alla marijuana induce la sostituzione di sostanze che hanno un impatto negativo sulla produttività, inclusi gli oppioidi o il consumo eccessivo di alcol, i risultati del mercato del lavoro potrebbero migliorare (o almeno non peggiorare)", ha continuato. "Inoltre, se la marijuana è efficace nell'alleviare i disturbi della salute fisica, alleviare lo stress o migliorare la salute psicologica, tali miglioramenti della salute potrebbero generare ricadute positive sul mercato del lavoro".

I risultati sono generalmente coerenti con le analisi passate, inclusa una del 2021 che ha rilevato che la legalizzazione è associata a un aumento della produttività della forza lavoro e diminuzione degli infortuni sul lavoro.

Politiche rigorose che vietano l'uso di cannabis fuori servizio da parte dei datori di lavoro sono state anche collegate a pool di posti di lavoro inferiori per i datori di lavoro e numerose aziende hanno iniziato a modificare le loro politiche sui test antidroga nel corso della legalizzazione statale.

Anche a livello federale, dove la marijuana è severamente vietata, l'Office of Personnel Management (OPM) ha recentemente proposto di sostituire una serie di moduli di domanda di lavoro per i potenziali lavoratori in modo che tratterebbe il consumo passato di cannabis in modo molto più indulgente rispetto alla politica attuale.

(Marijuana Moment del 02/01/2023)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS