testata ADUC
 EUROPA - EUROPA - Cannabis ed ecstasy le più utilizzate durante il covid. EMCDDA
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
20 gennaio 2022 14:00
 
I risultati di nuove indagini pubblicate oggi dall'Agenzia europea per la droga (EMCDDA) rivelano che il consumo di cannabis ed ecstasy sono quelli che hanno più avuto a che fare con le restrizioni COVID-19. L'indagine ha rilevato che, mentre il consumo di cannabis a base di erbe è aumentato, l'uso di MDMA/ecstasy è diminuito. L'indagine si è svolta tra marzo e aprile 2021 in 30 paesi (21 dell'UE e 9 non dell'UE) quando molte popolazioni erano soggette a blocchi legati al COVID-19. Rivolto a persone di età pari o superiore a 18 anni che hanno fatto uso di droghe, l'indagine mira a migliorare la comprensione dei modelli di consumo di droga in Europa e contribuire a plasmare le politiche e gli interventi futuri in materia di droga.

Risultati chiave di 50.000 europei
Quasi 50 000 adulti (48.469) hanno risposto al sondaggio da 21 Stati membri dell'UE e dalla Svizzera. La cannabis è stata la droga più utilizzata, con il 93% degli intervistati che ha riferito di averla usata nei 12 mesi precedenti e con poche variazioni tra i paesi. MDMA/ecstasy (35%), cocaina (35%) e anfetamine (28%) sono state le successive sostanze illecite più segnalate, con l'ordine delle tre droghe che variava a seconda del paese. Circa un terzo degli intervistati (32%) ha riferito di aver utilizzato più cannabis (a base di erbe) e il 42% meno di MDMA/ecstasy.

Un quinto (20%) del campione ha riferito di aver fatto uso di LSD nell'ultimo anno, il 16% di nuove sostanze psicoattive (NPS) e il 13% di ketamina. Il consumo di eroina è stato segnalato dal 3% degli intervistati. Sebbene il campione che riportava il consumo di eroina fosse piccolo, oltre un quarto di questi intervistati (26%) ha riferito di aver usato di più questa droga durante il periodo analizzato.

I dati presentati oggi si riferiscono a un campione auto-selezionato che ha fatto uso di almeno una droga illegale nei 12 mesi precedenti l'indagine. Sebbene i sondaggi web non siano rappresentativi della popolazione generale, se condotti con attenzione e combinati con i metodi tradizionali di raccolta dei dati, possono aiutare a tracciare un quadro più dettagliato, realistico e tempestivo del consumo di droga e dei mercati della droga in Europa. All'iniziativa hanno preso parte oltre 100 organizzazioni, inclusi i punti focali nazionali Reitox, università e ONG.

Balcani occidentali: i risultati rispecchiano i risultati dei paesi dell'UE
Una novità del 2021 è stata la partecipazione dei partner dell'agenzia dei Balcani occidentali, attraverso un progetto di assistenza tecnica dell'EMCDDA.
Hanno risposto al sondaggio oltre 2 000 adulti (2.174) provenienti da Albania, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia. La maggior parte degli intervistati (91%) ha riferito di aver consumato cannabis nei 12 mesi precedenti, seguita da cocaina (38%), MDMA/ecstasy (22%) e anfetamine (20%). Anche in questo caso, circa un terzo degli intervistati (32%) ha riferito di aver utilizzato più cannabis (a base di erbe) e il 34% di meno MDMA/ecstasy.
Quasi un intervistato su sei (17%) ha riferito di aver utilizzato NPS nell'ultimo anno, mentre il 9% ha riferito di aver fatto uso di LSD. L'uso di eroina e metanfetamina è stato segnalato dall'8% degli intervistati.

Dalla vita notturna alla vita domestica
Il proprio domicilio è stato segnalato come l'ambiente più comune per il consumo di droga durante il periodo (85% degli intervistati nel sondaggio UE-Svizzera e 72% nei Balcani occidentali), un modello accentuato dal blocco del COVID-19 e dalla chiusura dei locali notturni. La motivazione per l'uso di diverse sostanze fa luce su questi risultati. Le motivazioni più comunemente riportate per l'uso di cannabis erano il rilassamento, lo sballo e il sonno, mentre per l'MDMA/ecstasy erano i suoi effetti euforici e socializzanti.

Il direttore dell'OEDT, Alexis Goosdeel, afferma: "I sondaggi web sono un ingrediente chiave nel nostro monitoraggio del problema mutevole della droga in Europa. Ci aiutano a raggiungere un target importante attraverso metodi online innovativi. I risultati odierni rivelano l'ampia varietà di droghe disponibili in tutta Europa e forniscono informazioni preziose sulle tendenze emergenti e sui modelli di utilizzo in evoluzione durante la pandemia di COVID-19. Questa volta ben 100 organizzazioni si sono unite a noi per costruire, tradurre e diffondere il sondaggio, assicurando che questo sia ora uno strumento inestimabile per aiutare ad adattare le nostre risposte e modellare le future politiche sulle droghe”.

Nel 2021 hanno partecipato per la prima volta all'indagine anche tre paesi della politica europea di vicinato (Georgia, Libano, Ucraina), attraverso un progetto di assistenza tecnica dell'EMCDDA (EU4MD). Questi risultati saranno pubblicati in primavera. Nei paesi extra UE, l'EMCDDA ha collaborato alle indagini con punti di contatto nazionali e ONG.
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS