testata ADUC
 POLONIA - POLONIA - Cannabis contro l'invecchiamento? Funziona con le api
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
10 maggio 2022 20:04
 
 Una nuova ricerca ha scoperto che le api integrate con estratto di canapa invecchiano più lentamente di quelle che seguono una alimentazione normale.

Invecchiare smette di essere divertente a un certo punto. Almeno, so che è stato così per me. Quando sei più giovane non vedi l'ora di diventare abbastanza grande per andare a scuola, o abbastanza grande per prendere una bicicletta, o abbastanza grande per guidare, o abbastanza grande per andare in bar/dispensari, ecc.
Ma a un certo punto l'invecchiamento diventa gravoso. Le cose iniziano a far male come non mai, i capelli smettono di crescere in alcuni punti e iniziano a crescere in altri posti, e non sei in grado di fare alcune delle cose fisiche a cui eri abituato. Per le cose fisiche che puoi ancora fare, le fai più lentamente e dopo tutto è dolorante per molto più tempo.

Gli esseri umani si sforzano molto di ritardare o addirittura provare a invertire il processo di invecchiamento. È anche un grande affare. Secondo Statista, "Nel 2020, il mercato globale anti-invecchiamento è stato stimato in circa 58,5 miliardi di dollari USA. Si stima che il mercato anti-invecchiamento vedrà un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 7% tra il 2021 e il 2026".

Ovviamente, non tutti i prodotti ant-ietà funzionano. La stragrande maggioranza di loro non è altro che olio di serpente glorificato che viene utilizzato per depredare finanziariamente le persone che vogliono invecchiare più lentamente e vivere più a lungo. Tuttavia, c'è una cosa là fuori che potrebbe avere qualche promessa per i cercatori di prodotti antietà: la canapa.

I ricercatori del Dipartimento di Ecofisiologia e Biologia Sperimentale degli Invertebrati dell'Università di Scienze della Vita di Lublino, in Polonia, hanno recentemente esplorato la relazione tra le api mellifere e il consumo di estratti di canapa.

"Abbiamo esaminato l'effetto dell'estratto di canapa sull'attività del sistema antiossidante (catalasi, perossidasi, glutatione, superossido dismutasi e capacità antiossidante totale) nell'emolinfa delle api adulte (Apis mellifera)", hanno affermato i ricercatori.

Lo studio ha coinvolto ricercatori che hanno diviso le api in tre gruppi:
uno sperimentale alimentato con sciroppo di zucchero puro con strisce di cotone imbevute di estratto di canapa poste all'interno della gabbia;
uno sperimentale alimentato con una miscela di sciroppo di zucchero con estratto di canapa;
uno di controllo alimentato con una miscela di zucchero e una soluzione di acqua-glicerina.
I ricercatori hanno raccolto campioni di emolinfa il primo giorno dello studio e ogni settimana successiva fino alla morte di tutte le api. I ricercatori hanno quindi esaminato le api decedute.

“Le attività di tutti gli enzimi antiossidanti erano più elevate per i gruppi sperimentali, rispetto a quelle del gruppo di controllo. Le attività antiossidanti più elevate sono state notate nel gruppo integrato con cannabis con l'uso di siringhe", hanno affermato i ricercatori.

“L'integrazione con la canapa ha anche aumentato la durata della vita delle api in questo gruppo rispetto a quello delle api che consumano solo sciroppo di zucchero (controllo: 35 giorni), con 49 e 52 giorni rispettivamente per i gruppi di cannabis in strisce e sciroppata. L'estratto di canapa, grazie alle sue proprietà antiossidanti, ha aumentato le attività dei principali enzimi antiossidanti che proteggono gli organismi delle api dai radicali liberi e quindi ritardano i processi di invecchiamento", hanno concluso i ricercatori.

Ovviamente, le api non sono la stessa cosa degli esseri umani, quindi come questo si applica alla specie umana è qualcosa che deve essere ricercato prima di poter trarre conclusioni applicabili. Tuttavia, i risultati relativi alle api sono ancora molto perspicaci. Gli estratti di canapa sono perfettamente sicuri per le api e per l'uomo, quindi aumentare il consumo di estratti di canapa in entrambe le specie è una indicazione da non perdere.

Non è un segreto che la popolazione mondiale di api sta diminuendo e che potrebbe portare a effetti catastrofici sugli ecosistemi mondiali. Aiutare le api a rimanere in vita più a lungo è sempre una buona cosa. Da questo punto di vista, i risultati di questo studio sono davvero notevoli e si spera vengano utilizzati per aiutare efficacemente la popolazione mondiale di api.

(Johnny Green su International Cannabis Chronicle del 30/04/2022)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS