testata ADUC
 USA - USA - Cannabis consumata da più di un terzo dei programmatori di software
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
28 dicembre 2021 13:43
 
Più di un terzo dei programmatori di software afferma di aver usato marijuana mentre lavorava, e molti hanno scoperto che aiuta a promuovere la creatività e a portarli nella "zona di programmazione".
I ricercatori dell'Università del Michigan fanno sapere che programma ha maggiori probabilità di usare cannabis sul posto di lavoro, quindi hanno condotto il "primo sondaggio su larga scala" in materia, chiedendo a 803 sviluppatori di specificare come la marijuana entra in gioco nel loro lavoro.
Una delle motivazioni principali dello studio è che i test antidroga sono diffusi nel settore della programmazione, discriminando per l’assunzione di tecnici. Anche se l'ex direttore dell'FBI James Comey, nel 2014 aveva reso meno frequenti questi test perché alcuni tecnici "volevano comunque conbsumarla". "Questo divieto ha contribuito a una carenza di assunzioni per alcuni lavori di programmazione del governo degli Stati Uniti", afferma lo studio.
Comunque, il 35% dei partecipanti al sondaggio ha affermato di aver "provato la cannabis durante la programmazione o il completamento di un'altra attività relativa all'ingegneria del software". Il 73% di quel gruppo ha dichiarato di aver consumato marijuana mentre lavorava nell'ultimo anno.
Lo studio, intitolato "Hashing It Out: A Survey of Programmers' Cannabis Usage, Perception, and Motivation" e pubblicato questo mese su arXiv della Cornell University, ha anche esaminato la frequenza di questo consumo.
Il 53% ha dichiarato di aver consumato cannabis durante la programmazione almeno 12 volte, il 27% ha affermato di usarla almeno due volte a settimana e il 4% ha dichiarato di usarla mentre lavorava quasi quotidianamente.
Gli autori dello studio volevano capire meglio perché anche i programmatori scegliessero di consumare marijuana. E hanno scoperto che i compiti più comuni per cui le persone usavano la marijuana erano il brainstorming, la prototipazione, la codifica e il test.
"Nel complesso, abbiamo scoperto che i programmatori erano più propensi a segnalare il divertimento o le motivazioni per il miglioramento della programmazione rispetto alle motivazioni per il benessere: i motivi più comuni erano "rendere più piacevoli le attività relative alla programmazione" (61%) e "pensare a soluzioni di programmazione più creative" (53%)”. “In effetti, tutti i motivi di miglioramento della programmazione sono stati selezionati da almeno il 30% degli intervistati. D'altra parte, le ragioni relative al benessere generale (come mitigare il dolore e l'ansia) sono state tutte citate da meno del 30% degli intervistati. Quindi, mentre il benessere motiva un po' di consumo di cannabis durante la programmazione, non è la motivazione più comune".
Sebbene vi sia una notevole prevalenza del consumo di cannabis tra i programmatori, anche la maggior parte di coloro che non usano la marijuana è favorevole alla legalizzazione, secondo lo studio.
"Il novantuno percento dei nostri partecipanti afferma che l'uso di marijuana dovrebbe essere legale sia per uso ricreativo che medicinale rispetto al 60 percento della popolazione generale degli Stati Uniti nel 2021", hanno scritto gli autori.
Lo studio ha anche scoperto che "l'uso di cannabis durante la programmazione avviene con percentuali simili negli impiegati, dirigenti e studenti".
"I nostri risultati hanno implicazioni per la programmazione delle politiche sulle droghe per il lavoro e motivano la ricerca futura sull'uso di cannabis durante la programmazione", afferma lo studio.
Le politiche sui test antidroga sono diventate un argomento scottante poiché sempre più stati promuovono la legalizzazione.
Dopo che New York ha deciso di porre fine al proibizionismo quest'anno, ad esempio, il Dipartimento del Lavoro di stato ha annunciato che la maggior parte dei datori di lavoro non è più autorizzata a sottoporre a test antidroga la maggior parte dei lavoratori.
Amazon ha recentemente affermato che anche la sua precedente decisione di porre fine ai test antidroga per la cannabis sarà retroattiva, il che significa che gli ex lavoratori e candidati che sono stati puniti per essere risultati positivi al THC vedranno ripristinata la loro idoneità al lavoro.

(da Marijuana Moment del 27/12/2021)
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS