testata ADUC
 CILE - CILE - I cambiamenti delle politiche sulla cannabis non incidono sul consumo dei 12-21enni. Ricerca
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
1 aprile 2024 12:47
 
Contesto
In Cile, le leggi 19366 e 20000, attuate rispettivamente nel 1995 e nel 2005, regolavano e sanzionavano l’uso personale, la coltivazione e il traffico di cannabis.

Metodo
Abbiamo utilizzato tredici dati di indagini nazionali trasversali semestrali dal 1994 al 2018 per esaminare l'effetto delle leggi 19366 e 20000, utilizzando come proxy il tasso di individui incarcerati per 100.000 abitanti a causa di crimini legati alla droga, sull'età di inizio del consumo di cannabis. col tempo. Stimiamo l'effetto di queste politiche utilizzando un quadro di rischi proporzionali misti che modella la transizione al primo utilizzo di cannabis in 47.832 individui di età compresa tra 12 e 21 anni.

Risultati
Nel complesso, i cambiamenti in queste leggi non hanno influenzato la transizione al primo consumo di cannabis. Tuttavia, l’aumento del tasso di individui incarcerati è stato associato a una diminuzione dell’età di inizio del consumo di cannabis nelle donne e negli individui che vivono in quartieri ricchi o in regioni specifiche.

Conclusione
Non troviamo prove di cambiamenti nelle politiche sulla cannabis che influenzino l’età di inizio del consumo di cannabis in tutti gli individui di età compresa tra 12 e 21 anni. Gli effetti politici associati alla diminuzione dell’età di insorgenza della cannabis nelle donne e negli individui provenienti da quartieri ricchi o regioni specifiche possono essere spiegati utilizzando quadri teorici che riconoscono dinamiche specifiche della domanda e dell’offerta di cannabis.

(International Journal of Drug Policy, volume 127, Maggio 2024)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS