testata ADUC
Violenze e droghe illegali. Rapporto EMCDDA e Europol
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
7 marzo 2024 16:07
 
 La violenza estrema legata alla droga sta mettendo a dura prova le comunità locali e la società, e la corruzione facilita il traffico di droga e compromette lo stato di diritto. Questi sono alcuni degli approfondimenti condivisi in EU Drug Markets: Key insights for policy and practice, pubblicato oggi dall’Agenzia europea per la droga (EMCDDA) e da Europol.

Il nuovo rapporto offre una sintesi strategica e di alto livello del mercato della droga nell’UE, basata su una solida conoscenza dell’attuale panorama della droga e delle minacce emergenti. Fornisce inoltre una panoramica degli sviluppi chiave per ogni droga e delinea le azioni per affrontare le minacce attuali e aumentare la preparazione.

Il rapporto è il modulo finale del più ampio rapporto sui mercati della droga nell’UE: analisi approfondita delle due agenzie, la loro quarta panoramica completa dei mercati delle droghe illecite nell’UE dal 2013.

Un mercato della droga multiforme in un mondo globalizzato
Si stima che il mercato al dettaglio della droga nell’UE valga più di 30 miliardi di euro all’anno, il che lo rende un’importante fonte di reddito per la criminalità organizzata. L’Europa occupa una posizione centrale nell’offerta e nel traffico di droga, come dimostrano la produzione su larga scala di cannabis e droghe sintetiche all’interno dell’UE e gli enormi volumi di cocaina in arrivo dall’America Latina.

Il mercato della droga nell’UE si interseca anche con altri settori criminali, come il traffico di armi da fuoco e il riciclaggio di denaro. Alcuni Stati membri dell’UE stanno attualmente sperimentando livelli senza precedenti di violenza legata al mercato della droga, tra cui omicidi, torture, rapimenti e intimidazioni. Ciò avviene spesso tra reti criminali, anche se le vittime sono anche persone innocenti, aumentando la percezione di insicurezza pubblica.

Anche la corruzione rappresenta una minaccia fondamentale nell’UE, poiché le reti criminali fanno affidamento su di essa a tutti i livelli del mercato della droga per facilitare le proprie attività e mitigare i rischi. La corruzione ha un effetto corrosivo sul tessuto sociale, minando la governance, la sicurezza e lo Stato di diritto.

Un’ulteriore preoccupazione è il fatto che le reti criminali che operano nel mercato della droga dell’UE sono altamente adattabili, innovative e resilienti alle crisi globali, all’instabilità e ai cambiamenti politici ed economici significativi. Esempi recenti di tali shock includono la pandemia di Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina e l’ascesa al potere dei talebani in Afghanistan. In risposta, le reti criminali si sono adattate, modificando le rotte del traffico e diversificando i propri metodi.

Affrontare le minacce attuali e rafforzare la resilienza
Il nuovo rapporto evidenzia le principali aree di intervento a livello dell’UE e degli Stati membri per affrontare le attuali minacce del mercato della droga illegale. Questi includono: migliorare il monitoraggio e l’analisi della violenza legata al mercato della droga; dare ulteriore priorità alle attività operative volte a smantellare le reti criminali; e rafforzare la cooperazione internazionale. Vengono inoltre sottolineati: l'aumento delle risorse umane e finanziarie per gli interventi operativi e strategici e il rafforzamento delle risposte politiche, di salute pubblica e di sicurezza.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS