testata ADUC
Usa. Stato che vai legge che trovi
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
17 febbraio 2002 18:28
 
"Illicit Drug Policies. Selected Laws From the 50 States", e' il nome di un rapporto di 140 pagine, prodotto da un team di economisti, psicologi, sociologi, avvocati, epidemiologi e altri, facente parte di un programma anti-droga della Robert Wood Johnson Foundation, messo in opera dalla University of Illinois di Chicago.
Il documento spiega le differenze tra Stato e Stato, facendo delle valutazioni sui diversi approcci al pericolo e all'aspetto medico delle droghe, nonche' sulle diverse relazioni che le stesse droghe hanno con il crimine.
La constatazione principale e' che la massima pena che possa essere inflitta per la vendita di una quantita' standard di cocaina, metamfetamina o ecstasy, va da 1 anno all'ergastolo.
Per esempio, in un tribunale del North Carolina, per la vendita di 1 grammo di cocaina, al massimo si potra' avere 1 anno di prigione. Mentre lo stesso crimine, commesso in Montana, vedra' una pena di 50 mila Usd oltre all'ergastolo.
In Minnesota, una persona che viene trovata con 10 grammi di metamfetamine, avra' la possibilita' di vedersi condannare a 500 mila Usd di ammenda e 25 anni di prigione. La stessa persona, in Virginia, commettendo lo stesso identico reato, si vedra' applicare un'ammenda di 1.000 Usd e sei mesi di prigione.
La legge federale stabilisce che la marijuana sia una sostanza illegale, senza alcuna eccezione anche per il suo uso medico. Nel frattempo, 24 Stati e lo stesso Distretto di Columbia hanno trovato il metodo per muoversi ai limiti del divieto, e in alcuni di questi hanno approvato piu' di una eccezione alla legge.
In quattordici Stati sono autorizzati dei programmi di ricerca terapeutica, dove i pazienti consumano marijuana. In tre Stati la stessa marijuana e un farmaco legale, mentre in 11 i medici lo possono prescrivere, e in 7, i pazienti accusati di abusare di questa droga, possono difendersi richiamandosi alla necessita' medica.
L'ecsatsy, i cui effetti pericolosi sono stati riconosciuti da diversi rapporti medici, e' comunemente usata nei "rave-party", e in particolare dai ragazzi dei licei. In 11 Stati, poi, non e' neanche vietata, nonostante non sia previsto un suo uso farmacologico e sia bandita dal Governo federale. In quegli Stati che la vietano, il possesso di una sola pillola di ecstasy puo' provocare una ammenda da 5 mila a 1 milione di Usd, e anche una sentenza di ergastolo.
Inoltre una legge federale fa distinzione tra la polvere di cocaina (che e' quella tipicamente sniffata) e il piu' pericoloso crack, che e' la stessa cocaina trattata per essere fumata. Solo in 11 Stati ci sono diverse pene per il possesso e la vendita di crack e polvere di cocaina.
Insomma, chi viola la legge per gli stessi crimini in diversi Stati, e' soggetto all'applicazione di standard differenti.
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS