testata ADUC
La straordinaria storia dell'uomo che ha creato l'ultimo narco-stato nelle Americhe e di come gli Usa lo hanno aiutato in ogni fase del suo percorso - fino ad ora
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 marzo 2024 17:08
 
 Quando Juan Orlando Hernández è stato condannato da una giuria federale a Manhattan all'inizio di marzo 2024, ha segnato una spettacolare caduta in disgrazia: dall'essere corteggiato negli Stati Uniti come capo di stato amico all'affrontare il resto della sua vita dietro le sbarre, condannato per cocaina e reati relativi all'importazione e alle armi.

"Juan Orlando Hernández ha abusato della sua posizione di presidente dell'Honduras per gestire il paese come un narco-stato in cui i trafficanti di droga violenti erano ammessi con virtuale impunità", ha dichiarato il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland dopo la condanna della giuria. Anne Milgram, amministratrice della Drug Enforcement Administration, ha aggiunto: “Quando il leader dell’Honduras e il leader del cartello di Sinaloa lavorano fianco a fianco per inviare droghe mortali negli Stati Uniti, entrambi meritano di essere responsabili”.

La condanna è stata una vittoria per il Dipartimento di Giustizia e la DEA. Secondo la procura statunitense, durante i due mandati di Hernández, dal 2014 al 2022, lui e i suoi accoliti hanno trasportato più di 400 tonnellate di cocaina negli Stati Uniti. L'ex capo di Stato rischia ora una pena fino a 40 anni di carcere; La sentenza è prevista per il 26 giugno.

Ma c'è molto di più di questa storia.

Come esploro nel libro 21st Century Democracy Promotion in the Americas: Standing Up for the Polity”, scritto in collaborazione con Britta Weiffen della Open University, l’Honduras è un tragico esempio di ciò che accade quando un paese diventa un narco-stato. Mentre la sua popolazione ne subisce le conseguenze – la Banca Mondiale riferisce che circa la metà del paese vive attualmente in condizioni di povertà – i suoi leader si arricchiscono attraverso il traffico di droga.

Inoltre, il modo in cui Hernández è salito al potere e ha mantenuto quella posizione per così tanto tempo potrebbe costituire la “dimostrazione A” di qualsiasi atto d’accusa nei confronti della politica statunitense verso l’America Centrale – e dell’America Latina più in generale – negli ultimi decenni.

Crescenti legami con i cartelli
Fino all’arresto di Hernández a Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras, e all’estradizione negli Stati Uniti nel gennaio 2022, il suo più grande facilitatore era stato niente meno che lo stesso governo degli Stati Uniti.

I presidenti Barack Obama, Donald Trump e Joe Biden hanno tutti sostenuto Hernández e gli hanno permesso di infliggere enormi danni all’Honduras e agli Stati Uniti.

Come mai? Per rispondere a questa domanda sono necessari alcuni retroscena.

Il 28 giugno 2009 in Honduras ha avuto luogo un classico colpo di stato militare. Nelle prime ore del mattino, mentre era ancora in pigiama, il presidente Manuel “Mel” Zelaya è stato scortato senza tante cerimonie da soldati armati fuori dalla sua casa e trasportato in aereo in un paese vicino. I golpisti hanno affermato di voler indire un referendum sulla riforma della Costituzione dell’Honduras, e il governo si stava muovendo verso la rimozione del limite di un mandato presidenziale sancito dalla carta del paese e aprendo la porta all’autoritarismo.

Inizialmente l’allora presidente Barack Obama protestò contro il colpo di stato e adottò misure contro i responsabili, gli oppositori di destra di Zelaya.

Ma alla fine l’amministrazione cedette e permise ai golpisti di prevalere, in gran parte grazie alle pressioni dei repubblicani, che vedevano Zelaya troppo vicino al venezuelano Hugo Chavez, la cui agenda di sinistra era considerata dal GOP una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti.

I golpisti hanno semplicemente spostato il tempo rispetto alla data imminente delle elezioni e hanno insediato alla presidenza il proprio candidato, Porfirio Lobo del Partito Nazionale, il cui figlio Fabio è stato successivamente condannato anche lui per traffico di cocaina.

Washington guarda dall’altra parte
Lobo gettò le basi dell’Honduras come primo narco-stato del nuovo secolo, consentendo ai cartelli della droga di infiltrarsi nelle più alte sfere del governo e dell’apparato di sicurezza mentre il commercio di cocaina diventava un pilastro sempre più centrale dell’economia del paese.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno investito decine di milioni di dollari nel rafforzamento della polizia e dell’esercito dell’Honduras, nonostante le diffuse accuse di essere coinvolti nella corruzione, complici nel traffico di droga e coinvolti in violazioni dei diritti umani.

I dollari continuarono a fluire quando a Lobo successe nel 2013 il suo amico e collega membro del Partito Nazionale, Juan Orlando Hernández.

Nel 2017, Hernández – un ardente sostenitore del colpo di stato del 2009 – si è candidato per un secondo mandato dopo che la Corte Suprema dell’Honduras aveva dichiarato che ciò era perfettamente legale.

Molti honduregni credono che Hernández abbia rubato le elezioni del novembre 2017. Il conteggio dei voti è stato sospeso nel cuore della notte perché Hernández era in ritardo, e quando le urne si sono aperte la mattina, è miracolosamente uscito vincitore.

Nonostante le diffuse accuse di frode elettorale, gli Stati Uniti hanno subito riconosciuto il risultato, congratulandosi con Hernández per la sua vittoria.

Incoraggiato dal suo successo, Hernández ha continuato a trasformare l’Honduras nel primo narcostato americano del nuovo secolo.

Nel 2018, il fratello del presidente, Juan Antonio “Tony” Hernández, ex deputato del parlamento honduregno, è stato arrestato negli Stati Uniti per la sua associazione con il Cartel de Sinaloa, il cartello messicano della droga. Questa entità apprezzava così tanto i suoi servizi che gli diedero il nome di un particolare ceppo di cocaina, timbrando le buste come "TH". Tony Hernández è stato giudicato colpevole di quattro capi d'accusa nel 2019, condannato a 30 anni di carcere e da allora si trova in una prigione federale degli Stati Uniti.

Il presidente Hernández ha negato qualsiasi associazione con il cartello, ma le prove hanno dimostrato il contrario. Come riportato dall’Economist, in un processo a New York City, un trafficante di droga accusato ha affermato che Hernández ha accettato tangenti per “aiutare la cocaina a raggiungere gli Stati Uniti”. Un altro testimone ha testimoniato che il presidente aveva accettato due tangenti nel 2013, prima di essere eletto; un ex leader del cartello ha testimoniato che il presidente era stato pagato 250.000 dollari per proteggerlo dall'arresto.

“Complici o creduloni”
Considerata la storia di Hernández in Honduras, le ripetute affermazioni dei funzionari governativi statunitensi secondo cui semplicemente non erano a conoscenza dei suoi crimini suonano vuote.

L’Honduras è diventato un narco-stato, in parte, perché i politici statunitensi hanno guardato dall’altra parte. Hanno abbracciato Hernández perché era ideologicamente più appetibile e sottomesso ai desideri di Washington rispetto al suo rivale Zelaya. Ma come chiarisce il verdetto del processo di Manhattan, si è trattato di una decisione dalle conseguenze disastrose.

Come ha affermato un funzionario del Dipartimento di Stato, “il verdetto di oggi fa sembrare tutti noi che abbiamo collaborato con (Hernández) complici o creduloni”.

Quest'ultima potrebbe essere la valutazione più caritatevole. Ma la verità è più scomoda.


(Jorge Heine - Interim Director of the Frederick S. Pardee Center for the Study of the Longer-Range Future, Boston University -, su The Conversation del 28/03/2024)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS