testata ADUC
Perché i porti africani sono un serbatoio per i vaccini covid contraffatti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
7 aprile 2021 19:51
 
 Macchie di muffa verde-nere ricoprono le facciate di edifici che un tempo erano bianchi. La città è un labirinto di vicoli, alcuni lastricati con bordi di mare compattati dai secoli che sono trascorsi dalla loro costruzione. L'aria, sempre umida, profuma di spezie dolci e pesce bagnati nell'acqua salata del vicino mare. La cacofonia dei tanti mercati e dei muezzin che invitano alla preghiera si aggiunge a un'atmosfera già traboccante per i sensi.
Il trambusto della città vecchia ha il suo ritmo, anche se non convenzionale e persino caotico.
Siamo a Mombasa, il quinto porto più trafficato dell'Africa secondo un rapporto della società di consulenza finanziaria Okan e dell'Africa CEO Forum. Merci destinate a tutta la parte orientale del continente e parte del centro circolano attraverso il porto principale del Kenya. Per la sua posizione strategica, Mombasa è stata un luogo di conflitto almeno dal 1300: arabi, persiani, portoghesi e turchi vi hanno combattuto guerre. Tradizionalmente è anche servito da rifugio per tutti i tipi di malfattori.
Negli anni '60 era uno dei ritrovi preferiti del famigerato mercenario Mad Mike Hoare e della sua truppa di Wild Geese. Più recentemente, Mombasa ha ospitato uno dei sospettati di terrorismo più ricercati al mondo: Samantha Lewthwaite. La vedova bianca, sospetta membro di Al Shabab, è ricercata per accuse relative a diversi attacchi terroristici in Africa orientale ed è stata implicata nella morte di centinaia di persone.
Oggi, la città conserva la sua reputazione di parte inseparabile della malavita africana e un importante punto di ingresso per le droghe dal Medio Oriente e i prodotti farmaceutici illegali dall'Asia. Negli ultimi 12 mesi, il ruolo che può svolgere nel facilitare le spedizioni di vaccini covid-19 contraffatti e non conformi, è stato sempre più presente nei rapporti nelle forze dell'ordine dell'Africa orientale e nei circoli dei servizi segreti.
 Le numerose bande della criminalità organizzata di Mombasa non hanno mai esitato a cogliere nuove opportunità, cosa che certamente non è scarsa. Secondo un rapporto diffuso a settembre dall'Enact Anti-Crime Initiative, le forze dell'ordine keniote hanno stimato a 132 il numero di gruppi criminali organizzati che operano nel paese. La maggior parte si dedica al traffico di cocaina ed eroina dall'Asia e dall'America Latina.

Il porto è attualmente sulla buona strada per diventare la principale porta di accesso per le forniture di vaccini dall'India e dalla Cina ai paesi dell'Africa orientale senza sbocco sul mare come l'Uganda, il Ruanda e il Burundi, nonché il Sud Sudan, la Somalia e la Repubblica Democratica del Congo.
Più merci e meno ispezioni rendono tutto più facile per i criminali
John-Patrick Broome, analista e ricercatore dell'Interpol East Africa, definisce Mombasa "un'infrastruttura chiave" per il contrabbando di farmaci contraffatti e non conformi. Secondo Broome, le ispezioni nel porto di Mombasa e in altri porti della zona sono già state notevolmente ridotte. Questo è un effetto collaterale inevitabile della pandemia. Il porto ha bisogno di ricevere medicine e sostegno da tutto il mondo in modo che l'Africa orientale possa far fronte al covid-19.

"I regimi di ispezione sono stati ridotti per facilitare la movimentazione transfrontaliera delle merci destinate a essere distribuite sul territorio", spiega l'analista. Tuttavia, ciò consente anche alle organizzazioni criminali di "facilitare il movimento di droghe illegali", la maggior parte delle quali dall'Asia. Lo conferma un ispettore portuale che ha parlato in modo anonimo con il media sanitario Bhekisisa. “Adesso controlliamo solo una piccola parte delle merci in arrivo. Questo perché i nostri sistemi sono sovraccarichi di prodotti. Arrivano così tanti carichi che abbiamo approntato treni in grado di trasportare due piani di container”.
“Nei prossimi mesi inizieranno ad arrivare in Africa grandi spedizioni di vaccini, compresi quelli acquistati tramite il meccanismo di approvvigionamento internazionale Covax. È probabile che gli aerei cargo non siano in grado di gestire tali volumi, quindi saranno trasportati via nave in alcune delle numerose zone di libero scambio del paese, tra cui Mombasa.
Secondo gli analisti dell'attività criminale, le organizzazioni internazionali per la lotta alla criminalità e la polizia, queste zone franche sono dove la catena di approvvigionamento del vaccino sarà più esposta ai criminali che introducono preparati fraudolenti o di scarsa qualità.

Cos'è una zona di libero scambio?
La fondazione statunitense Global Financial Integrity (GFI), che analizza la criminalità finanziaria in tutto il mondo, ha chiamato gli ZLC "il vaso di Pandora del denaro sporco" e "rifugio per la criminalità incontrollata". Secondo la GFI, le zone di libero scambio, note anche come porti franchi, sono “zone economiche speciali che beneficiano di esenzioni fiscali. Sebbene geograficamente si trovino all'interno di un Paese, in pratica sono fiscalmente fuori dai suoi confini”.

L'African Free Trade Zone Association riferisce che, nel 2019, il continente ospitava 189 aree di libera circolazione delle merci in 47 dei suoi 54 paesi. Dieci di loro sono in Sud Africa. Sebbene siano spesso situati nei porti, possono anche essere centri strategici situati nell'entroterra, come nel caso della Zona Economica Speciale Musina-Makhado del Limpopo, vicino al confine sudafricano-Zimbabwe.
I paesi in via di sviluppo sono quelli che promuovono maggiormente l'esistenza delle zone franche, poiché consentono loro di attrarre aziende esportatrici e investimenti esteri e creare posti di lavoro.

Ma il rapporto Global Financial Integrity avverte che “i criminali vedono in loro il luogo perfetto per produrre e trasportare merci illegali, poiché i controlli e le verifiche da parte delle autorità sono spesso irregolari o inesistenti. Le autorità difficilmente vigilano, o non vigilano affatto su ciò che accade in una zona di libero scambio, ispezionano raramente le merci e le aziende che vi operano tendono a beneficiare dei pochi requisiti per dichiararsi ed essere trasparenti”.

Tangenti agli agenti di frontiera dopo la crisi economica del covid-19
Il 1 gennaio, nel bel mezzo di una pandemia, l'Unione Africana (UA) ha lanciato la African Continental Free Trade Area (AfCFTA). Con 54 firmatari, è il più grande blocco commerciale per numero di aderenti. Secondo l'African Center for Economic Transformation, l'AfCFTA potrebbe costituire un conglomerato economico con un PIL complessivo compreso tra 3,4 e 4 miliardi di miliardi di dollari e aumentare il commercio interno del continente del 33%. L'accordo è più di un semplice accordo di libero scambio. "È il veicolo per la trasformazione economica dell'Africa", osserva il centro. "Attraverso i suoi vari protocolli, faciliterà la circolazione delle persone e del lavoro, la concorrenza, gli investimenti e la proprietà intellettuale".
Tuttavia, un ex trafficante di droga illegale che ora sta collaborando con la polizia che indaga sulla criminalità in Africa occidentale, avverte: "Sono sicuro che l'Unione africana ha buone intenzioni di trasformare il continente in un'enorme area di libero scambio, ma quello sarà un paradiso per bande che stanno già portando droghe illegali nel continente. È come mettere un cartello che li accoglie in Africa".

Questo non vuol dire che prima che l'AfCFTA fosse messo in funzione non c'erano rischi. Come sostengono gli avvocati della proprietà intellettuale Marius Schneider e Nora Ho Tu Nam, la pletora africana di zone di libero scambio in precedenza attirava il traffico di droga illegale da parte della criminalità organizzata.

Schneider e Ho Tu Nam sono consiglieri di alcune delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo e in maggio hanno pubblicato un rapporto in cui avvertivano la possibilità che in Africa fossero distribuiti vaccini covid contraffatti. "In porti come Mombasa e in altre zone di libero scambio, i prodotti farmaceutici vengono imballati e riconfezionati in modo tale che la loro origine sia mascherata", spiega Schneider. “Non c'è dubbio che l'uso di ZLC faciliti e incoraggia il commercio di medicinali fraudolenti. Se mi chiedi se queste aree giocano un ruolo nel crimine che circonda i vaccini covid, a tutto tondo, sì. Il motivo è che, in base alla nostra esperienza, non sono ben controllati e, inoltre, sono altamente esposti alla corruzione”.

Broome afferma che dall'inizio della pandemia, bande organizzate hanno cercato di "corrompere" i funzionari portuali dell'Africa orientale facendogli ricevere spedizioni di falsi dispositivi di protezione individuale. “Lo sfortunato contesto del covid-19 in termini di impatto socioeconomico ha portato a una situazione in cui le persone temono per il proprio lavoro. Abbiamo visto come le bande offrissero denaro ad alcune persone per poter accedere alle scarse risorse disponibili per l'ispezione nei porti”.

La fine della via della seta e il possibile inizio di un oscuro viaggio con falsi vaccini
Schneider afferma che Gibuti, che funge da porto dell'Etiopia, è anche una possibile fonte di preoccupazione. "Si trova alla fine della Via della seta cinese ed è un importante punto di ingresso per i prodotti cinesi in Africa", spiega. “Pertanto, occupa una posizione molto strategica. Fa parte di una delle rotte commerciali marittime più trafficate del mondo, che collega l'Asia con l'Africa e il Medio Oriente”.
Nel 2018, questo piccolo paese del Corno d'Africa ha aperto quella che sarà la più grande area di libero scambio in Africa. Le sue varie fasi di sviluppo, finanziate dalla Cina, sono costate circa 3,5 miliardi di dollari.

Diverse fonti relative alla raccolta di informazioni e alla prevenzione della criminalità in Africa orientale esprimono preoccupazione per Gibuti. Secondo queste fonti, non avendo un registro doganale ufficiale (un registro elettronico dei marchi che entrano in un territorio nazionale), il paese è perfetto per la criminalità organizzata per beneficiare delle spedizioni di vaccini.
“Le autorità di Gibuti non registrano i marchi. Ciò significa che non fanno nulla per avvisare l'azienda quando c'è una spedizione sospetta”, ammette una delle fonti, che chiede che il suo nome non venga menzionato. "Naturalmente, i criminali sanno molto bene che ci sono punti di ingresso come questo, con carenze da cui possono trarre vantaggio".

I tentativi di Bhekisisa di parlare con le autorità doganali di Gibuti non hanno avuto successo, ma Schneider conferma che non è una regola informare le aziende in caso di sospetto sull'autenticità delle merci.
L'avvocato afferma di aver recentemente indagato presso le autorità di Gibuti. “C'è la possibilità di firmare una specie di protocollo d'intesa con il servizio doganale. Quindi possono prendersi cura dei prodotti del firmatario", spiega. “Ma non è qualcosa che viene pianificato o che viene automaticamente messo in pratica. D'altra parte, in alcuni paesi, come il Sudafrica e le Mauritius, la cooperazione con le dogane per il sequestro di merci illegali funziona molto bene”.

Lo scorso luglio, il rapporto di uno studio condotto dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc) ha identificato anche i porti di Lomé (Togo) e Cotonou (Benin) come punti chiave per l'ingresso di farmaci contraffatti e scadenti legati alla pandemia di covid-19.
Secondo Mark Micallef della Global Initiative Against Transnational Organized Crime, la Libia è attualmente l'"epicentro" del traffico di prodotti farmaceutici rubati, contraffatti e di bassa qualità in Nord Africa e nella regione del Sahel. “Il traffico di droga in generale è cresciuto in modo esponenziale in Libia a partire dal 2011 [quando il regime di Muammar Gheddafi fu rovesciato], con nuovi attori, lo sviluppo di nuovi mercati e droghe e farmaci contraffatti come un grande settore mercantile in crescita. Anche il mercato interno, che prima della rivoluzione era molto più strettamente controllato dal regime, è cresciuto molto velocemente”.
Micallef osserva che "nei porti e nelle aree strategiche di confine ci sono nodi chiave perfettamente operativi per il business criminale" che potrebbero funzionare senza problemi come canali per introdurre vaccini covid-19 contraffatti.

L'approvvigionamento da paesi senza sbocco sul mare esercita un'enorme pressione sui punti di ingresso
Come altri funzionari della dogana con cui Bhekisisa ha parlato in varie parti dell'Africa, un ispettore di Mombasa afferma di avere "ordini severi" per "prendere di mira le spedizioni in arrivo dall'Asia" per cercare di individuare possibili vaccini contraffatti.
Ma le istruzioni ricevute generano frustrazione e scoraggiamento. "Oggi tutto arriva dalla Cina", osserva. “Non abbiamo la capacità di ispezionare tutto ciò che proviene dall'Asia. È impossibile. Possiamo rivedere solo una piccola parte, quindi molte merci illegali ci passano accanto, ma non possiamo fare nulla.

Ho Tu Nam prevede che se i vaccini incontrano ostacoli ai punti di ingresso in Africa, la criminalità organizzata cercherà di capitalizzare il caos. "Circa un terzo del continente è senza sbocco sul mare, quindi ci sono pochi porti [come Mombasa e Durban] che servono molti paesi", dice.
Sei paesi dell'entroterra dipenderanno dai punti di ingresso sudafricani per elaborare e distribuire grandi spedizioni di vaccini, principalmente dalla Cina e dall'India: Botswana, Lesotho, Malawi, Swaziland, Zambia e Zimbabwe. Secondo il Dipartimento dei trasporti del KwaZulu-Natal, Durban è il terminal marittimo più grande e trafficato dell'Africa sub-sahariana e il quarto terminal container più grande dell'emisfero meridionale, che collega "Estremo Oriente, Medio Oriente, Australasia, Sud America, Nord America ed Europa. Funziona anche come hub di trasbordo per l'Africa orientale e le isole dell'Oceano Indiano”.

Ho Tu Nam ritiene che la criminalità organizzata potrebbe sfruttare i punti di ingresso più trafficati per etichettare in modo fraudolento le spedizioni di medicinali di scarsa qualità e contraffatti come merci "in transito".
“Abbiamo osservato che molti contraffattori marchiano prodotti che passano, ad esempio, per il porto di Mombasa destinati al Sud Sudan, come destinati al Rwanda. Gli agenti doganali hanno così tanto lavoro da fare e sono così concentrati sui prodotti contrassegnati per la distribuzione nel proprio paese che non controllano quelli etichettati "in transito". Una volta che i prodotti di marca falsa vengono messi in circolazione, vengono dirottati verso i mercati locali".

La minaccia del "piccolo farmacista"
In Africa orientale, diversi agenti di polizia hanno detto a Bkekisisa di essere preoccupati che vaccini covid contraffatti, irregolari e rubati possano essere distribuiti da alcune delle migliaia di "farmacisti" senza titolo nella zona.
Secondo l'Interpol, hanno motivo di preoccuparsi. "Il numero di farmacie senza licenza è aumentato nell'area durante il covid-19", denuncia Broome. “Un esempio di ciò, è che durante questo periodo ci sono stati 56 arresti in Uganda e 1.526 stabilimenti sono stati chiusi. In essi puoi vendere, ad esempio, falsi antivirali dall'Asia”. L'analista denuncia che membri di bande organizzate stanno cercando di “concedere in franchising” farmacie illegali in tutta l'Africa orientale “per dare loro una maggiore apparenza di legalità”.

Tuttavia, secondo Micallef, sia le farmacie legali che quelle illegali costituiscono canali importanti per il flusso di farmaci illeciti in tutto il Nord Africa, e in particolare nei paesi del Maghreb, vale a dire Algeria, Libia, Mauritania, Marocco e Tunisia.
In tutto il continente, aziende individuali o familiari che spesso operano in periferia o utilizzano mezzi mobili, come il retro di un camioncino, forniscono una fonte significativa di medicinali autentici più economici alle popolazioni che, altrimenti, non potrebbero permettersi il trattamento. La polizia riferisce che i criminali spesso utilizzano queste farmacie come "copertura" e "canale" per i farmaci illegali.
L'analista e investigatore criminologo Maurice Ogbonnaya, un ex agente di sicurezza dell'Assemblea nazionale nigeriana, afferma: "Sfortunatamente, sono difficili da controllare, perché si muovono, e se la polizia inizia a ispezionarli, chiudono per una stagione e poi riaprono, o vanno in un altro posto”.

Senza repressione e pene, non c'è paura di produrre farmaci contraffatti
L'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine ammette che nell'ultimo decennio sono stati compiuti progressi nello sviluppo di quadri per prodotti medici contraffatti e scadenti. Tuttavia, "pochi paesi hanno un sistema legale e regolamentare adeguato e funzionante per affrontare i crimini relativi a prodotti farmaceutici di scarsa qualità e contraffatti associati a covid-19".
Inoltre, secondo Schneider, l'esperienza dice che, in Africa, le persone sorprese a distribuire vaccini falsi non riceveranno punizioni severe. "In molte parti del mondo, compresa l'Africa, i farmaci contraffatti sono spesso considerati una violazione dei diritti di proprietà intellettuale, ma non un crimine", afferma.

Cyntia Genolet, Associate Director for Africa Engagement presso l'International Federation of Pharmaceutical Manufacturers and Associations, sospetta che questa sia precisamente la causa che potrebbe incoraggiare la criminalità organizzata a investire in vaccini contraffatti e di scarsa qualità. “Se non viene imposta alcuna punizione [reale], la persona si limita a correre il rischio. Forse poi passerà tre giorni in galera, pagherà una piccola multa e poi potrà continuare”, ironizza.
Un rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico pubblicato nel 2018 ha identificato l'Egitto come una piattaforma continentale per il traffico e la produzione di merci illegali. Tuttavia, quello stesso anno nel paese c’è stato un solo arresto per produzione di farmaci contraffatti.

Un fatto preoccupante è che quel singolo arresto è stato sufficiente per collocare l'Egitto tra i primi 10 paesi per numero di arresti per questo crimine. "Questo la dice lunga sulla serietà con cui non solo l'Africa, ma il mondo intero, hanno finora affrontato il problema", lamenta Schneider. "Se qualcuno viene sorpreso a vendere prodotti farmaceutici nelle Comore, ad esempio, lo lasceranno andare con una multa e gli permetteranno di prendere i prodotti fraudolenti".

Un raid milionario e libertà per i criminali
Andy Gray, farmacista veterano dell'Università del KwaZulu-Natal in Sud Africa, ricorda quello che, purtroppo, è probabilmente il caso di traffico di farmaci contraffatti più famoso in cui gli autori se la sono cavata benissimo: nel 2000 la polizia ha compiuto un raid su una fabbrica di Potchefstroom e sequestrato prodotti farmaceutici, molti dei quali contrabbandati dall'India, il cui valore di mercato è stato successivamente stimato a R95 milioni, più di € 5 milioni.
Dopo due anni, un giudice ha concluso che Derrick Adlam, Deon de Beer e Joham du Toit, tre farmacisti di quella città nella provincia del nord-ovest, avevano gestito una mafia che riconfezionava e distribuiva farmaci. Articoli contraffatti, rubati e scaduti. Tutti e tre si sono dichiarati colpevoli, ma solo per violazione del copyright dei marchi. Hanno ricevuto una condanna a cinque anni con sospensione della pena e, dopo aver pagato una multa, sono stati rapidamente rilasciati.

I vaccini di scarsa qualità e contraffatti avranno un effetto inibitorio
Secondo Ogbonnaya, alcune agenzie governative, soprattutto in Africa occidentale, cercano di contrastare il traffico di prodotti farmaceutici illegali, ma la maggior parte delle misure vengono prese dai singoli governi che si concentrano solo sulla criminalità locale.
La criminalità organizzata, sottolinea l'analista, opera su scala regionale, continentale e globale. Questo è il motivo per cui è necessaria una corrispondente cooperazione transfrontaliera. “In questo momento, in alcuni paesi africani ci sono incursioni e arresti ogni pochi mesi, o addirittura anni e, per esempio, la chiusura di farmacie illegali. Poi, dopo pochi mesi, i criminali tornano alla loro attività”, si lamenta.
“È un sistema molto radicato e non finirà con pochi arresti qua e là. La sua conclusione richiede una cooperazione su larga scala tra la polizia, i governi, i produttori farmaceutici e molte altre parti interessate. Ed è quello che manca attualmente: il coordinamento. L'Africa e il mondo hanno bisogno di un sistema unico incentrato sul traffico di farmaci illegali, e noi non ce l'abbiamo”.

Nel 2010, il Consiglio d'Europa ha redatto e adottato la Convenzione Medicrime (sulla contraffazione di prodotti medici e reati simili che rappresentano una minaccia per la salute pubblica), l'unico strumento giuridico internazionale che fornisce i mezzi per criminalizzare la contraffazione di prodotti medici come una minaccia per salute pubblica. Tuttavia, finora solo 18 paesi l'hanno ratificato. Tre di loro sono africani: Benin, Burkina Faso e Guinea. "Sono gli unici tre [paesi] in Africa che in realtà criminalizzano la contraffazione di farmaci", sottolinea Genolet. Tuttavia, si spera che altri lo ratifichino presto.

Ruona Meyer, produttrice di Sweet, Sweet Codeine, un documentario candidato all'Emmy Award sul traffico illegale di droga in Nigeria, afferma che vorrebbe vedere che venga comminata una lezione alla prima persona, o al primo gruppo sorpreso a distribuire in Africa contraffazione, furto o falsi vaccini covid, ovunque si sia verificato l'evento. "Sarebbe di grande aiuto se le autorità di polizia spegnessero il fuoco dei vaccini falsi non appena sono scoppiate le prime fiamme", dice. “Questi trafficanti devono essere assicurati alla giustizia e incarcerati il ??prima possibile per scoraggiare la criminalità organizzata. I processi per i vaccini falsi devono essere snelliti e devono essere assolutamente pubblici".
Salim Abdul Karim, co-presidente del comitato consultivo scientifico ministeriale sudafricano, avverte che la stessa contraffazione potrebbe causare "enormi danni" alla fiducia delle persone nella sicurezza dei preparativi.

Qualcosa di simile pensa Andy Grey. Il farmacista pensa che, in Sud Africa, basterebbe un'ondata di vaccini contraffatti per avere "un reale effetto inibitorio sulla fiducia delle persone sia nel governo che nell'autorità di regolamentazione".
“In questo Paese abbiamo già genitori e cittadini in generale riluttanti ai vaccini. Se vogliamo finire per vaccinare il 70% della popolazione, non possiamo permetterci che un terzo o un quarto respinga l'iniezione. Tutto ciò che infrange la fiducia, sia che si tratti di un trattamento improprio degli effetti avversi dopo aver ricevuto un vaccino autentico o del contatto con un vaccino contraffatto, o di trovare improvvisamente luoghi inaspettati dove le persone vengono vaccinate sui marciapiedi, arriverà immediatamente alla stampa, e penso che potrebbe essere davvero dannoso".

Articolo pubblicato da Bhekisisa, pubblicazione sudafricana specializzata in salute.

(Darren Taylor su Planeta Futuro, Johannesburg del 07/04/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori