testata ADUC
Perché legalizzare la cocaina. Australia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 agosto 2023 13:23
 
Un altro giorno, un'altra sfacciata sparatoria a Cocaine City. Sembra l'inizio di un succoso romanzo poliziesco noir. Ma questa non è finzione, questa è Sydney in questo momento - la scorsa settimana e i mesi precedenti. Undici morti di cui siamo a conoscenza. In risposta, un approccio decennale del governo – la guerra alla droga – continua a fallire.

Le nostre comunità sono vulnerabili, le nostre strade insicure, perché questa politica dà potere alle bande di narcotrafficanti invece di fermarle. Sicuramente, è oltre il tempo per prendere in considerazione nuovi approcci, incluso uno che può, e farà fallire le bande di droga organizzate dall'oggi al domani: la legalizzazione.

Due commenti da insider della polizia la scorsa settimana rivelano perché. Gli alti poliziotti hanno ammesso che le loro operazioni potrebbero essere in parte responsabili delle recenti violenze legate alle bande, affermando ai media che le retate per droga che non si traducono in arresti possono portare i criminali a cercare ritorsioni. Quindi, una fonte anonima della polizia ha detto a questo giornale alla fine della scorsa settimana: "Questi gangster entreranno nel Centrelink tra sei mesi se legalizzate le droghe".

In netto contrasto, gli alti burocrati della polizia, i media e i politici hanno invece tutti affermato la stessa cosa: che Sydney ha un problema di droga e non funziona far diventare più dura la risposta.

Il ministro della polizia ha chiesto "centinaia e centinaia" di agenti di polizia in più, anche se i migliori poliziotti hanno affermato che non erano necessari, mentre annunciava una task force Magnus frettolosamente riunita che in realtà non ha fatto nulla di nuovo se non unire otto forze d'attacco esistenti. Utopia, mangia il tuo cuore.

Nonostante le crescenti prove del suo miserabile fallimento, l'inutile ciclo della guerra alla droga continua. Niente dal governo del NSW (ndr Nuovo Galles del Sud. Stato in cui la capitale è Sydney), dai burocrati di polizia o dai media conservatori è diverso da quanto è stato detto o tentato negli ultimi decenni.

Nel frattempo, continuano ad essere spacciate le stesse narrazioni sulla droga. La cocaina è una droga mortale e pericolosa che deve essere tenuta lontana dalle nostre strade, insieme a cannabis, ketamina, MDMA, funghi magici e altri.

Ogni anno muoiono molte più persone per overdose da droghe legali come alcol, oppiacei da prescrizione e antidepressivi che per cocaina. Nel 2021, il National Drug and Alcohol Research Center ha riferito che il tasso di decessi per overdose di droga che coinvolgono oppioidi in Australia è raddoppiato tra il 2002 e il 2019, con 1008 decessi per overdose segnalati solo quell'anno.

Nello stesso anno, 183 sono morti involontariamente a causa del consumo di alcol, mentre 77 sono morti di cocaina. Alcune morti per cocaina sono state il risultato di sostanze mortali con cui era stata tagliata, come la lidocaina, che può fermare il battito del cuore se assunta in grandi dosi.

L'alcol uccide 3 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l'OMS. Nel 2021, in Australia ci sono stati 1559 decessi per lesioni correlate all'alcol e 30.000 ricoveri, il numero maggiore riportato in 10 anni.

È ora di dichiarare guerra all'alcol e renderlo illegale? Ci abbiamo provato e non è andata bene. Quindi regoliamo l'alcol, assicurandoci che le bottiglie siano chiaramente etichettate, con avvertenze sanitarie e contenuto alcolico su ogni bottiglia. Si consiglia alle donne incinte di non consumarlo. Prendiamo sul serio il servizio responsabile degli alcolici. E aumentiamo il budget federale di circa 8 miliardi di dollari di tasse ogni anno.

Perché alcune droghe sono legali e altre no? Non è certamente a causa del danno che causano. La coca è stata usata dai gruppi indigeni per migliaia di anni. È usato come medicina per alleviare il dolore, combattere il mal di montagna e migliorare la concentrazione e per sentirsi bene. Certo, troppa cocaina può metterti nei guai e persino causare la morte. Proprio come l'alcool e il Panadol.

Secondo le ultime stime, gli australiani consumano circa 5,6 tonnellate di cocaina ogni anno, ovvero 5,6 milioni di buste. La quantità che stiamo consumando è raddoppiata in un decennio. Chiunque dica che dobbiamo solo continuare a dire alle persone di non assumere droghe ha delle pietre in testa.

Le uniche persone che beneficiano di questa mentalità stupida e pericolosa sono i criminali, il sindacato di polizia e i burocrati che richiedono più risorse di cui non hanno bisogno. Hanno già abbastanza per affrontare il problema.

Non è il momento di chiederci che danno ci sarebbe se creassimo un mercato della cocaina strettamente regolamentato? Diremmo addio al mercato nero e le risorse della polizia potrebbero essere impiegate altrove per concentrarsi su altri problemi molto urgenti come la violenza familiare.

Scomparirebbe anche l'emozione di comprare qualcosa al mercato nero (sì, davvero), non ci sarebbero sostanze sconosciute mescolate e ci sarebbero avvertenze sanitarie obbligatorie.

Quindi, supponiamo che il governo venga tassato al 50% (il tabacco è tassato al 65%), potremmo pagare di più gli infermieri e finanziare più servizi sanitari inclusi quelli per alcol e altri centri per il trattamento della droga, in particolare nelle regioni in cui sono estremamente necessari.

Abbiamo urgente bisogno di un nuovo approccio, a cominciare dal riconoscere che la guerra alla droga è fallita. Quindi tutte le opzioni devono essere sul tavolo, incluso dare ai signori della malavita ciò che temono di più: il Centrelink.

(Cate Faehrmann - deputata dei Verdi e portavoce della riforma della legge sulla droga e della riduzione del danno - su The Sydney Morning Herald del 01/08/2023)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS