testata ADUC
Italia. Rimini: una settimana di ispezioni nelle scuole
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Alessandro Garzi
7 febbraio 2002 20:50
 
Nell'ambito dei "servizi predisposti dalla questura di Rimini, per contrastare il fenomeno dello spaccio di droga nelle scuole della provincia", agenti di polizia (mica da soli, con tanto di aiuto di unita' cinofile, ben due) hanno ispezionato 18 (diciotto) scuole superiori e tre medie inferiori alla ricerca di droga.
Questa brillante operazione ha portato al sequestro di dieci grammi di marijuana e cinque di hashish. E' bene scriverlo due volte, caso mai un lettore disattento pensasse che si trattasse di un refuso: si parla di grammi, dieci di marijuana e cinque di hashish.
Questo immenso quantitativo di stupefacenti, tale da sterminare generazioni su generazioni, non e' stato trovato addosso a nessuno degli studenti (escluso un "minimo quantitativo"). E' stato trovato nei bagni e in giardino.
Premesso che nelle scuole superiori italiane, da parte specialmente degli studenti, il consumo di cannabis e' quasi nullo (chi si immaginerebbe mai un diciassettenne che fuma?), e quindi il "bottino" recuperato e' tutto sommato una buona "rilevazione" del consumo di cannabis nelle scuole della provincia di Rimini, dobbiamo dire che probabilmente questo tipo di operazioni non rende in quanto a sequestri, arresti e/o segnalazioni, proprio per il modo in cui viene effettuato, per intenderci: i ragazzi sono in bagno durante l'ora di educazione fisica, e si stanno consumando la loro bella canna. Ad un tratto, arriva il settimo cavalleggeri: auto della Polizia, agenti in uniforme, cani. "Vuoi vedere che cercano noi?", dicono i ragazzi, e gettano qualsiasi cosa di "compromettente", nella tazza, vicina.
Se ci siamo arrivati noi a questa conclusione, ci saranno arrivati sicuramente anche i politici che scrivono le leggi e le forze dell'ordine. Ma questo tipo di operazioni hanno un ottimo impatto mediatico: "lo Stato combatte contro la droga", come se quei poliziotti che hanno riportato a casa quindici grammi di droghe, e per giunta leggere, non lo sapessero che gli adolescenti, e dunque gli studenti delle scuole superiori, ne fanno uso ben piu' ampio.
Quanto poi possano costare alla comunita' questi spot effettuati dalla polizia di Stato, e' un interrogativo che sembra non interessare troppo chi scrive le leggi in materia, e non troppo neanche l'opinione pubblica. Anche se basterebbe che, assieme ai soliti dati di sequestri spiccioli effettuati nelle scuole venissero aggiunti anche i dati del costo dell'operazione, ben dettagliato: tanto per le due-tre pattuglie, tantoper i cani, eccetera. Giusto per convincere di quanto costa questa politica. Addirittura negli Usa di Bush, sempre in numero superiore si stanno accorgendo che le leggi in materia di stupefacenti portano ad un costo enorme per la giustizia, oltre che in Gran Bretagna, dove si sta cercando di "declassare" la cannabis.
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS