testata ADUC
L’impegno dei Talebani per vietare l’oppio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 agosto 2021 15:48
 
I leader talebani, in cerca di accettazione internazionale dopo aver preso il potere in Afghanistan, hanno intimato agli agricoltori di smettere di coltivare papaveri da oppio, così come fanno sapere gli abitanti di alcune delle principali aree di coltivazione del papavero. Questo ha causato l'impennata dei prezzi dell'oppio grezzo in tutto il paese.
Nei giorni scorsi, i rappresentanti dei talebani hanno iniziato a dire alle assemblee di abitanti dei villaggi nella provincia meridionale di Kandahar, una delle principali regioni produttrici di oppio del paese, che il raccolto, parte cruciale dell'economia locale, sarebbe stato ora vietato.
Ciò ha fatto seguito a una dichiarazione del portavoce talebano Zabiullah Mujahid in una conferenza stampa del 18 agosto a Kabul secondo cui i nuovi governanti del paese non permetteranno il traffico di droga. Mujahid non ha però fornito dettagli su come intendono far rispettare il divieto.
Gli agricoltori locali nelle province di Kandahar, Uruzgan e Helman fanno sapere che i prezzi dell'oppio grezzo sono triplicati, da circa $ 70 a circa $ 200 al chilogrammo, a causa dell'incertezza sulla produzione futura. Nella città settentrionale di Mazar-e-Sharif, il prezzo dell'oppio è raddoppiato, hanno detto gli abitanti. L'oppio grezzo viene poi trasformato in eroina.

I talebani sono stati a lungo uno dei principali beneficiari dell'industria dei narcotici, utilizzando la tassazione del business della droga per finanziare la loro insurrezione ventennale, così come sostengono i governi occidentali. L'Afghanistan rappresenta circa l'80% delle esportazioni mondiali di oppiacei illeciti e la stagione della semina del papavero inizia tra circa un mese.
Due decenni di tentativi degli Stati Uniti di frenare il business della droga in Afghanistan sono falliti, in parte a causa dell'enorme costo politico dell'alienazione degli agricoltori afgani che dipendono dai raccolti di papavero per il proprio sostentamento.
I tentativi dei talebani di fare lo stesso potrebbero minare il sostegno pubblico a talebani stessi e privare la sua nuova amministrazione di un'importante fonte di entrate, in un momento in cui l'Afghanistan è tagliato fuori dal sistema finanziario globale e dagli aiuti esteri.

Un coltivatore di oppio a Kandahar, che ha partecipato a un recente incontro tra gli abitanti del villaggio e i talebani, ha detto in un'intervista telefonica che i contadini sono scontenti ma non avrebbero altra scelta che obbedire se i talebani si impegneranno per far rispettare il divieto.
"Non possiamo opporci alla decisione dei talebani", ha detto. "Loro sono il governo". L'agricoltore ha detto che i talebani hanno detto alla gente di dedicarsi ad altre colture, come lo zafferano. "Ci hanno detto che quando vieteranno i papaveri, ci assicureranno un raccolto alternativo".

Con le strade dissestate dell'Afghanistan, le scarse infrastrutture di stoccaggio e pochi sbocchi per l'esportazione, i papaveri sono una delle poche colture disponibili per gli agricoltori locali. Lo zafferano, che era un elemento chiave degli sforzi antidroga degli Stati Uniti in Afghanistan, è un altro, ma non è neanche lontanamente così redditizio o facile da vendere.
"Se i talebani proibiscono la coltivazione del papavero, la gente morirà di fame, soprattutto quando gli aiuti internazionali si fermeranno", ha detto in un'intervista telefonica un coltivatore di papaveri nel distretto di Chora, nell'Uruzgan. "Speriamo ancora che ci lascino coltivare i papaveri. Niente può compensare il reddito che otteniamo dalla coltivazione dei papaveri".

Quando i talebani erano al potere prima dell'invasione degli Stati Uniti del 2001, inizialmente vietarono anche la produzione di oppio, ma in seguito punirono solo il consumo di droghe, non la loro coltivazione e il loro commercio. I talebani, tuttavia, hanno drasticamente represso la coltivazione dell'oppio nel 2000, quando hanno cercato l'accettazione internazionale del loro regime.
Tale divieto ha ridotto la produzione del 90%, ha affermato Vanda Felhab-Brown, un membro anziano della Brookings Institution che segue l'Afghanistan. Tuttavia, ha avuto un costo politico enorme per il gruppo.
Nella primavera del 2001, gli agricoltori afghani stavano violando il divieto perché non potevano farcela, ha detto Felhab-Brown. Quella iniziativa per frenare i raccolti di oppio, ha aggiunto, si è trasformata in una delle ragioni principali per cui "nessuno si era schierato dalla parte dei talebani durante l'invasione degli Stati Uniti".

Dopo il 2001, gli Stati Uniti hanno speso circa 9 miliardi di dollari in 20 anni cercando di impedire all'Afghanistan di rifornire il mondo di eroina, senza alcun risultato. Guidati principalmente dal Dipartimento di Stato e dalla Drug Enforcement Administration, gli sforzi degli Stati Uniti hanno incluso il pagamento degli agricoltori per distruggere i loro papaveri, una politica che ha alimentato il mercato del papavero per cercare di trarne profitti al massimo.
Gli Stati Uniti hanno anche finanziato squadre afghane di eradicazione che hanno trasformato i raccolti degli agricoltori impoveriti in fanghiglia, facendo infuriare le comunità.

Washington ha rinunciato allo sradicamento nel 2010, in parte perché lo sforzo ha spinto gran parte della popolazione rurale ad unirsi ai talebani. L'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale ha lavorato per convincere gli agricoltori afghani a coltivare invece zafferano, pistacchi o melograni. Ma le opportunità di esportazione per quei prodotti erano scarse.
L'anno scorso, i contadini afghani hanno coltivato papaveri su terreni quattro volte più grandi di quelli che facevano nel 2002.
Un nuovo divieto talebano sull'oppio sarebbe un rischio politico per il gruppo islamico. Potrebbe dare loro una certa gratitudine dai governi stranieri, in particolare in Europa, Russia e Iran, i principali mercati dell'eroina afghana.

A differenza degli anni '90, quando i talebani dovettero vedersela con potenti milizie dell'Alleanza del Nord appoggiate da Paesi stranieri che mantenevano il controllo del nord-est del paese, il movimento islamista oggi non deve affrontare alcuna seria sfida militare per il suo dominio. Tuttavia, deve fare i conti con il potenziale malcontento causato dalla crisi economica del Paese.
Con il congelamento degli asset della banca centrale da parte degli Stati Uniti e l'a fine di miliardi di dollari di aiuti esteri, le nuove autorità talebane a Kabul hanno difficoltà a evitare il collasso economico. I prezzi dei prodotti di base come l'olio da cucina sono già aumentati, mentre le importazioni stanno diventando scarse.

Secondo i governi occidentali e le Nazioni Unite, i talebani, in quanto movimento insorgente, hanno tratto grandi profitti dal commercio dell'oppio negli ultimi due decenni. Hanno istituito governi ombra in tutto il paese, costruendo un'economia parallela che è stata sostenuta in gran parte dal traffico di droga e dal contrabbando di carburante e beni di consumo.
Non solo oppio e suoi derivati. L'Afghanistan ha anche visto l'emergere di una produzione di metanfetamine su larga scala. Secondo David Mansfield, socio-economista indipendente ed esperto di Afghanistan, in un distretto, Bakwa, nella provincia sudoccidentale di Farah, la produzione di metanfetamina è diventata un'attività artigianale.
Il suo team di ricercatori ha documentato più di 300 sospetti laboratori in grado di produrre metanfetamine di crystal ogni anno per un valore di circa 240 milioni di dollari. Circa 4 milioni dei quali sono andati ai talebani, principalmente attraverso le tasse, ha stimato Mansfield.

Le autorità iraniane hanno sequestrato 17 tonnellate di metanfetamina da marzo 2019 a marzo 2020 e altre 10 tonnellate da marzo 2020 a novembre 2020, la maggior parte delle quali provenivano dall'Afghanistan, secondo Alexander Soderholm, un consulente indipendente che studia i flussi di droga illeciti attraverso l'Iran presso la London School of Economics.
Ai più alti livelli della leadership talebana, i funzionari sembravano considerare il traffico di droga come un'impresa vitale. Durante i colloqui di pace con gli Stati Uniti nel 2020, i negoziatori talebani hanno chiesto il rilascio di Hajji Bashar Noorzai, un boss della droga imprigionato negli Stati Uniti, che l'ormai deposto governo afghano ha definito un tentativo di rafforzare le capacità di contrabbando di droga degli insorti.
"Non ha altre possibilità", ha detto Khalid Mohid, che è stato portavoce dell'Afghan Counter Narcotics Justice Center, un organismo investigativo e giudiziario antidroga della deposta repubblica afghana. Ma Noorzai, condannato da un giudice federale degli Stati Uniti nel 2009 all'ergastolo con l'accusa di traffico di eroina, rimane dietro le sbarre.

(Sune Engel Rasmussen, Zamir Saar, James Marson su The Wall Stret Journal del 28/08/2021)

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS