testata ADUC
Honduras. Ex presidente estradato in Usa per narcotraffico
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 marzo 2022 10:02
 
 La Corte Suprema di Giustizia (SCJ) dell'Honduras ha autorizzato lunedì 28 marzo l'estradizione negli Stati Uniti dell'ex presidente Juan Orlando Hernández (2014-2022), dove sarà perseguito per traffico di droga, reato che in quel Paese può essere punito fino all'ergastolo.

Dopo aver analizzato tutti gli elementi, la Corte "ha stabilito che il ricorso presentato [dalla difesa dell'ex presidente] non è stato accolto", il che significa "che la decisione del giudice di primo grado di concedere l'estradizione del cittadino Juan Orlando Hernández", ha detto il portavoce della magistratura, Melvin Duarte.
Dieci giorni fa, un giudice di Tegucigalpa ha concesso l'estradizione negli Stati Uniti dell'ex presidente honduregno Juan Orlando Hernández, che voleva essere perseguito per traffico di droga e uso illegale di armi.

"Il giudice di estradizione di primo grado delibera: accogliere la richiesta di estradizione inviata dalla Corte del Distretto Meridionale di New York per l'ex Presidente della Repubblica Juan Orlando Hernández Alvarado", ha riportato su Twitter la Corte Suprema di Giustizia.

La decisione potrebbe ancora essere impugnata entro tre giorni, aveva detto il portavoce della magistratura Melvin Duarte. In tal caso, sarebbe la plenaria dei magistrati della Suprema Corte ad avere la voce finale.

Nella richiesta di estradizione, gli Stati Uniti hanno accusato Hernández di crimini come "cospirazione (...) per importare sostanze controllate" e "possesso di armi da fuoco, comprese mitragliatrici e ordigni distruttivi, a sostegno della cospirazione per importare stupefacenti".

Secondo la richiesta, tra il 2004 e il 2022 "Hernández ha partecipato alla violenta cospirazione del traffico di droga per ricevere spedizioni di più tonnellate di cocaina inviate in Honduras dalla Colombia e dal Venezuela, tra l'altro, per via aerea e marittima".

"La cospirazione ha comportato il trasporto di più di 500.000 chilogrammi di cocaina attraverso l'Honduras destinata agli Stati Uniti", aggiunge.

Secondo i pubblici ministeri statunitensi che gestiscono il caso a New York, l'ex presidente ha ricevuto milioni di dollari in tangenti e profitti da diverse organizzazioni di traffico di droga in Honduras, Messico e altrove. "In cambio di questo, Hernández ha protetto i trafficanti di droga da indagini, arresti ed estradizioni".
Nel 2013 “Hernández ha accettato circa 1.000.000 di dollari americani di proventi della droga da Joaquín Guzmán Loera, alias “El Chapo”, aggiunge il documento.
I pubblici ministeri di New York hanno collegato l'ex presidente al traffico di droga durante il processo contro suo fratello, l'ex vice "Tony" Hernández, condannato nel marzo 2021 all'ergastolo per lo stesso reato.

JOH, come è conosciuto dalle iniziali del suo nome, è un avvocato di destra di 53 anni, che ha lasciato l'incarico il 27 gennaio a favore di Xiomara Castro, di sinistra. È stato presidente per otto anni e prima ancora ha guidato il Parlamento, in posizioni in cui ha mostrato lealtà agli Stati Uniti nella lotta al traffico di droga.

(Infobae + AFP)
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS