testata ADUC
Guerra alla droga in Mexico. Elezioni 6 Giugno. 83 candidati uccisi
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
18 maggio 2021 10:12
 
Ha distribuito volantini con il suo team durante la campagna. Un individuo armato si è avvicinato silenziosamente. Abel Murrieta, candidato sindaco di Cajeme nello stato di Sonora, nel nord-ovest del Messico, è stato assassinato giovedì 13 maggio, in pieno giorno, in una strada trafficata di questa città afflitta dal traffico di droga.
È il trentaduesimo candidato alle elezioni legislative e locali del 6 giugno che cade sotto i colpi dei suoi aggressori.
Nella "terra dei narcos", i cartelli cercano di influenzare il voto col sangue. "Non sono spaventato!”. Questo slogan della campagna è stato fatale per Murrieta. L'avvocato 58enne, ex procuratore di Sonora (2004-2012), ha promesso di affrontare le mafie locali. Il candidato del piccolo partito Movimiento Ciudadano (MC, socialdemocratico) ha ricevuto dieci proiettili, di cui uno alla testa. L'aggressore ha anche ferito uno dei suoi collaboratori prima di fuggire.

La morte di Murrieta si aggiunge al bilancio delle vittime mentre si avvicina il più grande voto nella storia recente. Un totale di 83 attivisti e leader di partito sono stati uccisi dall'inizio del meccanismo elettorale otto mesi prima, secondo la società di gestione dei rischi Etellekt. I messicani voteranno il 6 giugno per rinnovare più di 2.000 mandati, inclusi 15 governatorati, 500 deputati federali e uffici locali nella maggior parte dei 2.469 comuni del Paese.

"Infiltrarsi nelle istituzioni"
"L'entità del ballottaggio fa temere un massacro", preoccupa Ruben Salazar, direttore di Etellekt. Il suo barometro della violenza elettorale conta anche 563 attacchi contro attivisti o leader politici tra il 7 settembre 2020 e il 13 maggio 2021. “Le organizzazioni mafiose non esitano a eliminare un candidato che non si addice loro per garantire l'impunità del loro traffico”, spiega Salazar. “Prima lo minacciano, poi lo attaccano, bruciano la sua casa o il quartier generale della sua campagna ... Se non capisce, rapiscono un membro della sua famiglia. Se continua a non capire, lo uccidono". I politici locali sono i più esposti: 27 dei 32 candidati uccisi aspiravano a un mandato da sindaco. Nessuna festa è risparmiata. Ma l'85% degli assassinati erano oppositori del potere locale che cercavano di scalzare, secondo Etellekt.

"Ai cartelli non piace l'alternanza politica che li costringe a rinegoziare i patti con il potere locale", ha detto Alejandro Hope, ex membro dei servizi segreti messicani, ora analista della sicurezza pubblica. Oltre al controllo del territorio, i cartelli cercano di infiltrarsi nelle istituzioni, la polizia municipale in testa. Abbastanza per entrare in possesso di bilanci ma anche di appalti pubblici per riciclare denaro sporco in attività legali, come ad esempio l'edilizia.

"La guerra dei cartelli per il controllo di aree strategiche di produzione e traffico di droga verso gli Stati Uniti, il maggior consumatore mondiale, non aiuta. Ogni anno vengono perpetrati più di 34.000 omicidi, alcuni dei quali barbari. Il massacro di tre donne e sei bambini di una comunità mormone nel novembre 2019 su una strada a Sonora ha causato scompiglio oltre i confini del Messico, rivelando la crudeltà di una banda locale legata al cartello Juarez. Murrieta era l'avvocato della famiglia della vittima. Questo è un altro possibile motivo per il suo assassinio”.

Funzionari eletti legati alla criminalità organizzata
La campagna elettorale è comunque la seconda più violenta dopo quella del 2018. All'epoca furono assassinati 152 politici, di cui 48 candidati, prima di una votazione presidenziale, legislativa e comunale allo stesso tempo. "Questi crimini non sono tutti perpetrati dai cartelli", dice Salazar. Alcuni eletti locali stanno approfittando della violenza circostante, non esitando a chiamare gli assassini per estromettere un concorrente politico".

Questa è la storia di Juan Carlos Jimenez Badillo, direttore dei trasporti per la città di Santa Cruz de Juventino Rosas, nello stato occidentale di Guanajuato, arrestato il 7 aprile dalle autorità federali. Candidato sindaco di questa città di 80.000 abitanti, il funzionario aveva istigato l'assassinio, tre mesi prima, del suo principale oppositore elettorale. Il giorno del suo arresto, Jimenez Badillo era accompagnato da due uomini armati, sospetti membri del cartello locale di Santa Rosa de Lima.
Secondo la stampa messicana, alla fine di aprile almeno 370 dei 62mila candidati in corsa erano indagati per legami con la criminalità organizzata.

Protezione statale inefficace
"Fare della violenza uno strumento elettorale mina lo Stato di diritto", ha affermato Hope. La leadership del partito Movimiento Ciudadano ha incolpato il presidente del paese, Andres Manuel Lopez Obrador ("AMLO", di sinistra) per la morte di Murrieta giovedì. Il giorno dopo, AMLO ha denunciato "l'opportunismo di alcuni in questi tempi elettorali". Il presidente ha ricordato che il suo governo "protegge i candidati che sono minacciati”. Lanciato all'inizio di marzo, il suo piano contro la violenza politica prevede in particolare il rafforzamento della sicurezza nelle regioni più esposte, il coordinamento delle istituzioni di polizia locali e nazionali, una valutazione settimanale dei rischi e l'uso di guardie del corpo per i casi più gravi. Oltre 90 candidati sono iscritti a questo programma di protezione. Tuttavia, il numero di attacchi continua a crescere con l'avvicinarsi delle elezioni. “Questa strategia è tardiva e insufficiente, critica Hope. È solo reattiva, durante la campagna, e non propositiva nell'anticipare ulteriori aree di tensione in regioni da troppo tempo abbandonate dallo Stato centrale. Per settimane, AMLO ha promesso "indagini complete" per "punire i responsabili" di questi crimini. Ma la maggior parte degli sponsor non è mai preoccupata, in un paese in cui regna l'impunità con meno del 10% dei crimini denunciati. E Salazar: "In un comune in cui un candidato è stato ucciso, a volte è solo dopo il risultato del voto che si può rispondere alla domanda: chi trae vantaggio dal delitto?".

(Frédéric Saliba, corrispondente dal Mexico, Le Monde del 18/05/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori