testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. La fragilità dello Stato di fronte ai narcos
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
11 luglio 2021 19:41
 
 Una carovana di uomini armati si muove liberamente lungo un'autostrada a Michoacán, nel Messico occidentale. Dicono di essere coltivatori di avocadoimoegnati contro l'assedio dei narcotrafficanti, la cui violenza è nuovamente aumentata nel Paese.
Con fucili emitragliatori in dei camion, gli uomini incappucciati viaggiano tra le piantagioni nel comune di Ario de Rosales, dove mantengono posti di blocco e costruiscono trincee di pietra.
"Prima che i carri degli avocado venissero rubati e ora che le barricate sono state erette, nulla è perduto (...). Ci sono state estorsioni, rapimenti",così un membro del gruppo Pueblos Unidos, nato alcuni mesi fa, che dice che in tutto sono 700 come lui..
"Dobbiamo essere armati per difenderci (...). Prima, disarmati, venivano a fare di noi quello che volevano e questo non accade più", aggiunge l'uomo, cherimane anonimo e porta una coccarda che recita "Nazioni Unite, abbasso l'ingiustizia, non più morti".

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador (sinistra) combatte i gruppi di autodifesa - un fenomeno che risale al 2013 - poiché assicura che sono diventati una facciata per i criminali.
Infastidito, un miliziano invita il presidente a "sporcarsi le scarpe" in modo chepossa conoscere la realtà di questa zona dove operano il cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG), uno dei più potenti, e Los Viagras.
Polizia e militari "temevano i criminali o li pagavano per non fare nulla", dice Martín, un altro combattente.
Si stima che in Messico ci siano cinquanta gruppi di autodifesa.
Queste organizzazioni affermano di contenere i cartelli, che hanno intensificato i loro attacchi negli stati di Michoacán, Tamaulipas (nord-est, al confine con gli Stati Uniti) e Zacatecas (nord).
A maggio ci sono stati 2.963 omicidivolontari in Messico, e da gennaio nesono stati registrati un totale di 14.243, secondo il governo.
In uno degli eventi più gravi, il 19 giugno, presunti uomini armati del cartello del Golfo hanno ucciso 15 persone a Reynosa (Tamaulipas). Quattro aggressori sono stati uccisi dai poliziotti.
Uno dei sicari arrestati ha dichiarato che la strage ha cercato di "riscaldare la piazza", una forma di uccisioni casuali per attirare l'attenzione delle autorità su alcune zone e distoglierla da altre.
Il 29 giugno, nove corpi sono stati trovati vicino a Ciudad Miguel Alemán (Tamaulipas), dove i criminali contestano il controllo di un ponte di confine con il Texas, negli Stati Uniti,attraverso il quale passano droga, armi e migranti privi di documenti, secondo una fonte di intelligence.
In quei giorni, uno scontro tra presunti uomini armati dei cartelli della droga ha provocato 18 morti a Zacatecas, dove i corpi di due poliziotti sono stati appesi a un ponte.

Nonostante ciò, López Obrador si rifiuta di dichiarare guerra ai cartelli, sostenendo che questa politica è fallita. Ha anche invitato gli Stati Uniti, il principale Paese consumatore di droga, a porre fine alla cooperazione militare ed a frenare il traffico di armi.
"Non si puòcontrastare la violenza con la violenza", ha detto venerdì a proposito della situazione ad Aguililla, un altro comune del Michoacán assediato dalla criminalità.

Dal dicembre 2006, quando il governo di Felipe Calderón ha lanciato un'offensiva militare antidroga con il sostegno degli Stati Uniti, il Messico ha accumulato circa 300.000 omicidi.
In quel periodo, i grandi cartelli si sonorafforzati al punto che circa 200 gruppi ora operano nel paese, secondo Insight Crime.
Per evitare che i giovani vengano reclutati da queste bande, López Obrador, la cui popolarità si aggira intorno al 60%, è impegnato in maggiori investimenti sociali nelle zone dei conflitti.
Ma la sua politica è criticata. Ad aprile, l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Messico Christopher Landau ha affermato che il presidente vede i cartelli come una "distrazione" dalla sua ambiziosa agenda sociale.
"Ha adottato un atteggiamento piuttosto laissez-faire nei loro confronti", ha detto l'ex rappresentante di Donald Trump.
La strategia "abbracci, non proiettili" favorisce "vuoti di potere in cui comandano i capi di fatto e non le autorità", afferma José Reveles, specialistadi traffici di droga.
Il presidente sta valutando di mettere alla prova la sua strategia ad Aguililla, dove i residenti hanno recentemente attaccato una guarnigione con esplosivi artigianali per fare pressione sui militari affinché ristabiliscano l'attraversamento stradale, bloccato dal CJNG e dai Cartelli Uniti, nemici l'uno dell'altro.
Giovedì, gli abitanti del villaggio hanno anche danneggiato un eliporto con dei bulldozer.
Entrambi i cartelli cercano di impedire al proprio rivale di fornire benzina e cibo, a caro prezzo per la popolazione, che non può uscire a comprare cibo. "Ci hanno lasciato isolati", ha detto all'Afp Eugenia, 35 anni.
Nemesio Oseguera ("El Mencho"), leader del CJNG, è nato ad Aguililla,e i suoi uomini hanno sfilato per la città in una dimostrazione di forza ad aprile, hanno riferito i residenti.
"Mentre il governo diceva che le cose andavano bene (...), li vedevamo tutti i giorni, con armi molto potenti, perché il governo guarda sempre dall'altra parte", lamenta un altro residente.


(Agence France Press – AFP del 11/07/2021)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori