testata ADUC
Guerra alla droga. Una favela di Rio de Janeiro sotto choc
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 maggio 2021 10:18
 
Invece di far squillare il cellulare, Tatiana (i nomi sono stati cambiati per motivi di sicurezza) si è svegliata giovedì 6 maggio al fragore dei proiettili. Nel cielo grigio della favela ruggisce un elicottero. Nei vicoli umidi, la polizia avanza lentamente, incappucciata, armata di fucili. A Jacarezinho è iniziata un'operazione antidroga. Tatiana, che sente il pericolo in arrivo, riunisce la famiglia. "Ci siamo subito nascosti sul retro della casa, mio ??padre, mia madre, mio ??figlio di 9 anni", ha detto la 27enne. Rapidamente, le raffiche si fondono, si moltiplicano. Si avvicinano. Tatiana e la sua famiglia si nascondono. "Ma all'improvviso abbiamo sentito dei rumori sul tetto della casa", ricorda. Emergono due giovani, appena ventenni. Uno ha gravi ferite da arma da fuoco alla schiena. “Stava sanguinando molto. Mi hanno implorato di aiutarli, di nasconderli. Hanno detto che non volevano morire. Quello che è stato ferito stava piangendo. Ha detto che sua moglie era incinta, che era una bambina e che voleva vederla nascere ... ". Tatiana lascia che i due uomini si nascondano al terzo piano e si chiude con la sua famiglia in una stanza al secondo.
Il tempo passa, prima che le forze dell'ordine aprano la porta di casa. La famiglia ascolta, paralizzata, il rumore degli stivali sulle scale. Urla. Poi i colpi. "Bam! Bam! », urla il giovane figlio di Tatiana, che ha sentito tutto, poi visto tutto: i fori dei proiettili nel muro dipinto di beige; il divano, i cuscini, le borse, i quadri, le piastrelle ricoperte di sangue.

Carneficina
Molto sangue è stato versato il 6 maggio a Rio: almeno 29 persone (tra cui un poliziotto) sono rimaste uccise durante l'aggressione compiuta dalla polizia nella favela di Jacarezinho, situata nel nord della metropoli, ovvero il più alto numero di vittime umane mai registrato per un'operazione di questo tipo in città. Qui, all'evento è stato rapidamente dato il nome di “chacina”, vale a dire carneficina o bagno di sangue. L'assalto è iniziato intorno alle 6 del mattino, quando i 40.000 residenti stimati della favela erano scesi in strada per andare a lavorare. Duecento membri della polizia civile sono poi entrati nella favela, supportati da veicoli blindati ed elicotteri. Si scambiano colpi e, rapidamente, la situazione si aggrava. Un poliziotto viene colpito alla testa e l'operazione di droga si trasforma in una faida. Le forze dell'ordine stanno correndo nei vicoli, inseguendo trafficanti e mitragliatrici. Uno skytrain, costeggiando la favela, viene colpito da proiettili vaganti. Due passeggeri sono feriti. Le strade si riempiono di cadaveri insanguinati. Giovani uomini, neri o di razza mista, in bermuda, marcel o magliette da calcio: tante scene spaventose, fotografate, filmate e trasmesse in tempo reale e in massa sui social network di Rio.
Alcuni, secondo le famiglie delle vittime, sono stati uccisi con i coltelli. Subito sopraffatti, i trafficanti si ritirano. La fuga avviene attraverso le case, saltando di tetto in tetto, le armi tenute a distanza di un braccio. I testimoni dicono di aver visto le forze dell'ordine sparare dagli elicotteri. La polizia decide di inseguire fino in fondo i fuggitivi e di invadere le case. E la barbarie continua: i presunti trafficanti vengono massacrati nelle cucine e talvolta anche nelle stanze dei bambini. "Ne hanno giustiziati tre qui nel nostro soggiorno!", Spiega Miguel, 47 anni, che ci riceve a casa sua, sulla scena della tragedia. "Questi ragazzi erano a terra, disarmati, hanno detto che volevano arrendersi. Ma li hanno uccisi lo stesso… È stato terribile, c'erano grossi pezzi di esseri umani, organi, fegato, dappertutto… Abbiamo dovuto raccogliere tutto e lavare da soli con gli stracci”, descrive Miguel, sconvolto.

Stato di shock
L'operazione ha diffuso il terrore per nove lunghe ore nella favela. Il giorno dopo venerdì, Jacarezinho ha conservato le cicatrici dei combattimenti: involucri dorati luccicavano su tutto il fondo delle pozzanghere di pioggia. Porte e pareti crivellate di fori di proiettile, a volte a gruppi di dozzine. Qua e là le vetrine dei negozi giacciono per terra, in mille pezzi, esplose dalle granate della polizia. Negli alloggi, nonostante il lavaggio con abbondante acqua, non è stato ancora possibile rimuovere tutte le macchie di sangue coagulato. La favela è sotto shock, sbalordita dallo scoppio della violenza. I negozi hanno riaperto, ovviamente, ma le strade sono silenziose, spaventate. “Non menzionare il nostro nome nel tuo articolo. La polizia vorrà vendetta, questo è certo", sostiene una persona preoccupata per le ritorsioni.
Più avanti lungo un vicolo dello shopping, si profila una donna di colore, con gli occhi bagnati di lacrime. "Perchè lo hai fatto?" Perché hai ucciso i nostri figli? Lei urla. I passanti la evitano a occhi chiusi.
Ufficialmente, secondo la polizia, l'operazione aveva lo scopo di indebolire il Comando Vermelho ("comando rosso", CV), il più potente gruppo di trafficanti di droga di Rio, che domina il quartiere. Si trattava di sequestrare armi, "neutralizzare" alcuni leader. Ma il bilancio della giornata si rivela tanto pesante nelle vite umane quanto leggero nelle lamentele: l'operazione ha provocato il sequestro di sole sedici pistole, sette fucili, dodici granate e un mitra. Una sciocchezza. Dei ventuno trafficanti ricercati ufficialmente dalla polizia nella favela, solo tre sono stati fatti prigionieri e altri tre sono stati uccisi.
"Lo stato qui entra, uccide e se ne va. Non siamo considerati veri cittadini! Protesta Leonardo Pimentel, 34 anni, giovane presidente dell'associazione degli abitanti della favela. Insieme ad altre figure locali, si è incontrato il 7 maggio nella scuola di samba Jacarezinho, situata all'ingresso del quartiere. In questo grande hangar, battuto dalla pioggia, sorvolato dalle linee ferroviarie, ci consoliamo davanti a un po' di caffè e qualche sorriso.
“Nessuno si aspettava un'operazione del genere. È incomprensibile! Aggiunge Leonardo. E per una buona ragione: nel giugno 2020, una decisione del Tribunale federale, il massimo organo giudiziario del Paese, ha sospeso, salvo casi eccezionali, le operazioni di polizia nelle favela per tutta la durata dell'epidemia di Covid-19. Ma la disposizione ha avuto scarso effetto: in un anno, secondo il sito di notizie G1, almeno 944 residenti di Rio sarebbero morti durante gli interventi della polizia.

"Altre operazioni arriveranno"
Quest'ultima spazza via le critiche. Le 27 vittime civili della favela sono "trafficanti che hanno aggredito la vita di agenti di polizia e sono stati quindi neutralizzati", hanno affermato venerdì, nel corso di una conferenza stampa, i capi delle forze di polizia locali. L'operazione, preparata "per dieci mesi", sarebbe un successo clamoroso. "Dobbiamo smetterla con questo discorso (...) che fa sembrare vittime questi criminali", ha addirittura lanciato Rodrigo Oliveira, alto funzionario del Coordinamento delle risorse speciali (CORE), l'unità di intervento della polizia civile di Rio.
Queste dichiarazioni hanno fatto arrabbiare gran parte dei carioca. “[I giovani delle favelas] stanno morendo, generazioni si stanno perdendo e le famiglie sono distrutte!", Denunciato su Twitter Marcelo Freixo, deputato federale di Rio e membro del Partito Socialismo e Libertà (PSOL, di sinistra), molto coinvolto nelle questioni di violenza della polizia, evocando "innocenti assassinati". La sera di venerdì nella favela si sono svolte diverse manifestazioni, che hanno riunito alcune migliaia di persone.
Ma per la polizia più sanguinosa del mondo (3 abitanti uccisi in media al giorno a Rio, ovvero 1.239 nel 2020: più che per tutti gli Stati Uniti), non si tratta di cambiare metodo. Le forze dell'ordine hanno l'appoggio del governatore dello stato Claudio Castro, di destra, al capo dello stato Jair Bolsonaro. Il vicepresidente Hamilton Mourao ha detto venerdì che le morti civili di Jacarezinho erano "tutti banditi". La giustizia viene sequestrata per processare possibili esecuzioni arbitrarie. Ma i corpi delle vittime sono stati rimossi molto rapidamente dalla polizia (a volte in semplici teli), ostacolando la raccolta delle prove ... A Jacarezinho, l'aggressione è terminata, il traffico di droga ha subito ripreso i propri spazi. Il giorno dopo sembra il giorno prima. “Le indagini continuano. “Arriveranno altre operazioni”, ha minacciato il capo della polizia Rodrigo Oliveira.

Bruno Meyerfeld (Rio de Janeiro, corrispondente per Le Monde, 08/05/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori