testata ADUC
Cocaina. La produzione in Colombia e Perù va oltre i record del 2020
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 giugno 2021 16:24
 
La coltivazione delle foglie di coca e la produzione di cocaina hanno raggiunto cifre record nel 2020 in Colombia e Perù, e hanno toccato i massimi storici anche in Bolivia, secondo le stime pubblicate il 25 giugno dal governo Usa. L'Office of National Drug Control Policy (ONDCP) della Casa Bianca ha citato la violenza nelle aree rurali e le restrizioni imposte dal coronavirus come i motivi principali che hanno impedito alle autorità di controllare la ripresa dei raccolti.

In Colombia, la produzione potenziale di cocaina ha superato per la prima volta le 1.000 tonnellate, con una stima record di 1.010 tonnellate rispetto alle 936 dell'anno precedente. I raccolti sono cresciuti anche aggiungendo una superficie di 245.000 ettari, che rappresenta un aumento di oltre il 15% rispetto al 2019, quando si registrava già il record di 212.000.

Gli Stati Uniti ricordano nel loro rapporto che il governo della Colombia ha sradicato "un record" di 130.000 ettari e sequestrato 580 tonnellate di cocaina nel corso del 2020, sebbene non siano state sufficienti a prevenire aumenti della produzione spinti dalle difficoltà economiche della pandemia. "Queste tendenze mostrano la necessità di aumentare approcci che combinino sviluppo economico, una maggiore presenza del governo, sicurezza dei cittadini, interdizione ed eradicazione nelle aree rurali chiave per ridurre la produzione di cocaina in modo sostenibile e raggiungere la pace nelle aree colpite dal conflitto", ha osservato l'ONDCP.

Il Perù ha subito gli stessi problemi, poiché "la pandemia è stata un grosso ostacolo negli sforzi del governo per fornire mezzi di sussistenza alternativi agli ex coltivatori di coca", ricorda l'ufficio governativo. Secondo l'ONDCP, nel 2020 le piantagioni di coca in Perù hanno raggiunto una dimensione record di 88.200 ettari. In meno di 5 anni le coltivazioni della pianta sono raddoppiate nel Paese, dal momento che nel 2016 la sua estensione non ha raggiunto i 44.000 ettari. La produzione potenziale di cocaina in Perù è stata stimata in 810 tonnellate.

Da parte sua, in Bolivia, la produzione potenziale è leggermente aumentata a 312 tonnellate (rispetto alle 301 dell'anno precedente), nonostante il fatto che gli ettari coltivati ??siano diminuiti da 39.400 nel 2020 (rispetto a 42.180 nel 2019). "Dobbiamo tutti fare di più per frenare il traffico di droga e promuovere politiche basate sull'evidenza", ha affermato il direttore dell'ONDCP Regina LaBelle, osservando che l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta investendo in "strategie di salute pubblica" per prevenire l'uso di droghe e la dipendenza.

Il governo della Colombia ha assicurato che esaminerà con le Nazioni Unite e l'esecutivo degli Stati Uniti la disparità nelle cifre che si occupano di colture illegali nel Paese andino e che mostrano che "la lotta contro la droga" continua ad essere un "enorme sfida". Il dato per l'aumento di oltre il 15% rispetto al 2019 contrasta con quello presentato il 9 giugno a Bogotá, che indica che in Colombia le coltivazioni di coca sono state ridotte nel 2020 a 143.000 ettari, il 7% in meno rispetto alla superficie coltivata nel 2019.

"Data questa disparità nelle cifre dell'ONDCP e dell'UNODC, i tecnici di entrambi i Paesi e le Nazioni Unite li esamineranno per identificare quei criteri metodologici necessari per l'armonizzazione nei prossimi rilievi", ha affermato il governo colombiano in una nota.
Allo stesso modo, l'esecutivo ha ricordato che i governi di entrambi i Paesi hanno riaffermato il 23 giugno il loro impegno nella lotta alla droga e hanno ribadito che problemi complessi come il traffico di droga "sono una responsabilità condivisa che richiede soluzioni a lungo termine e una risposta politica globale".
"Ora abbiamo l'opportunità di raddoppiare i nostri sforzi verso il nostro obiettivo comune di porre fine a questa economia illegale distruttiva. La Colombia e gli Stati Uniti riconoscono che problemi complessi come il traffico di droga richiedono soluzioni a lungo termine e una risposta politica globale", ha aggiunto il governo.

(agenzia Efe)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori