testata ADUC
Cannabis Usa. Le peripezie commerciali della Delta8-THC
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 luglio 2021 14:44
 
  Un parente prossimo chimico del principale ingrediente inebriante della marijuana è diventato popolare nell'ultimo anno, e l'industria della cannabis e i governi statali si stanno affrettando a prenderlo in considerazione in merito alla sua legalità..
La sostanza, chiamata delta-8 THC, è preparata per produrre un effetto più lieve rispetto al più noto delta-9 THC, ed è spesso commercializzata come legale anche dove la marijuana non lo è. Questo deriva dal fatto che la maggior parte del delta-8 è sintetizzata dal CBD, una popolare sostanza chimica non intossicante prevalente nella canapa, una forma di cannabis che il Congresso ha legalizzato nel 2018.

L'ascesa del Delta-8 è "un fenomeno che ha preso d'assalto l'industria", afferma John Kagia della società di analisi del settore della cannabis New Frontier Data, e offre "una visione affascinante di alcuni dei problemi della crescita del mercato".

Non ci sono statistiche precise sulle vendite di delta-8, che è disponibile in vape, gummies e altre forme. È stato il segmento in più rapida crescita del mercato dei prodotti chimici a base di canapa per circa l'ultimo anno, dopo che i prezzi all'ingrosso del CBD sono crollati a causa dell'eccesso di offerta e di altri problemi, afferma Ian Laird della società di analisi dati Hemp Benchmarks.
Dopo alcuni anni nel settore del CBD, William Goodall e la sua partner Katiana Kay hanno iniziato a vendere i prodotti delta-8 attraverso il loro negozio online Bay Smokes a dicembre. Ed è diventato rapidamente una delle principali fonti di reddito.

Goodall ha affermato che dopo aver parlato con avvocati e chimici dei fornitori, è sicuro che i prodotti Bay Smokes siano sicuri e legali a livello federale (altri avvocati si dividono su quanto sia rischioso vendere delta-8). Ma la società con sede a Miami ha dovuto filtrare i clienti da un elenco crescente di Stati che vietano il delta-8.

Tuttavia, sta rispettando le leggi, immaginando che i mercati legali dureranno almeno negli Stati in cui è consentita la marijuana.

"In definitiva, penso che delta-8 sia un ottimo prodotto", afferma.

Ma alcune altre aziende di canapa si stanno allontanando.

"Il denaro facile è allettante, ma non è una strada che volevamo percorrere", afferma Gair Laucius, direttore scientifico di High Purity Natural Products, produttore di CBD con sede a Southbridge, nel Massachusetts. "C'erano troppe incognite".

La legge federale del 2018 che approvava i prodotti a base di canapa dice che non possono essere più dello 0,3% delta-9, ma non dice nulla sul delta-8.

Gli appassionati interpretano quel silenzio come una luce verde per delta-8, e anche alcune autorità vedono un'apertura per questo. Il Consiglio legislativo del Wisconsin, un servizio di ricerca per i legislatori stessi, ha concluso l'anno scorso che i prodotti delta-8 possono essere considerati canapa se sono al di sotto della soglia delta-9, sebbene il consiglio abbia avvertito che non stava fornendo consulenza legale.

Ma nell'ultimo anno, la Federal Drug Enforcement Administration ha affermato che THC e delta-8 "derivati ??sinteticamente" sono specificamente sostanze controllate di alto livello - effettivamente illegali, tranne che per la ricerca strettamente limitata.
Non c'è molta ricerca sul delta-8, specialmente per gli effetti persone, anche se un piccolo studio del 1995 ha ottenuto risultati promettenti come trattamento anti-nausea nei malati di cancro infantile. Ma le autorità di Stati come il Colorado e Washington temono che la conversione del CBD in delta-8 possa produrre sottoprodotti dannosi, almeno in alcuni casi.

Questa primavera, le autorità di Washington hanno fatto sapere che la produzione o la vendita di delta-8 derivato sinteticamente è contro la legge statale, mentre il Colorado sostiene che il delta-8 prodotto non è consentito negli alimenti, negli integratori alimentari o nei cosmetici e non si qualifica come canapa. Il Kentucky e il Vermont hanno detto ai coltivatori di canapa che la vendita di delta-8 rischia di essere perseguita penalmente.

Oltre 10 elenchi di sostanze controllate di altri Stati includono delta-8, a volte con un nome diverso. I legislatori in più di una dozzina di altri stati, dall'Alabama alle Hawaii, hanno fatto o preso in considerazione qualche iniziativa sul delta-8 quest'anno.

Alcuni hanno cercato di vietarlo senza eccezioni. Altri hanno mirato a consentirlo ma con regole molto simili ai loro mercati legali di marijuana, preoccupati che gli inebrianti prodotti con delta-8 venissero venduti nelle stazioni di servizio, nei minimarket e altrove senza gli stessi standard e limiti che si applicano ai dispensari di marijuana.

"È ancora una forma di cannabis che può farti sballare, ed è non regolamentata e non testata", afferma Jacqueline McGowan, consulente di licenze per la cannabis della California e candidata a governatore. La legislazione proposta in California richiederebbe test e tassazione dei "cannabinoidi non cannabis" consumabili, incluso il delta-8.

In Oregon, la legislazione appena approvata conferisce alla Commissione statale per il controllo dei liquori l'autorità di limitare il THC, di qualsiasi tipo, nei prodotti venduti ai minori. Il direttore della ricerca della Commissione TJ Sheehy afferma che garantirà la sicurezza dei consumatori senza mettere al bando il delta-8 per gli adulti.

I legislatori del Texas sono entrati in un'impasse questa primavera su una misura che secondo i produttori avrebbe escluso il delta-8 dai prodotti di canapa consumabili.

Lo sponsor della casa, Rep. Tracy King, un democratico di un distretto rurale, dice che "voleva solo fare qualcosa per aiutare i coltivatori e i trasformatori" eliminando quella misura dalla proposta di legge sulla canapa che stava andando verso l'approvazione. Ma alla fine si è bloccato alla fine della sessione legislativa.

La U.S. Hemp Roundtable, un gruppo industriale, teme che considerare i prodotti delta-8 come canapa con un effetto alto possa mettere a repentaglio lo status legale federale della pianta conquistato a fatica. Ma un altro gruppo, la Hemp Industries Association, teme che i legislatori si stiano affrettando a reprimere.

Anche Delta-8 sta entrando nel mirino delle forze dell'ordine, provocando incursioni nei negozi in più Stati.

Nel Wisconsin, le autorità della contea di Waukesha hanno fatto sapere ad aprile che un negozio di CBD offriva prodotti etichettati come delta-8 THC, ma che in realtà contenevano quantità illegali di delta-9. Le autorità affermano di aver iniziato a indagare dopo che due bambini hanno ingerito accidentalmente prodotti che i loro genitori hanno acquistato nel negozio Superstar Buds a Menomonee Falls, vicino a Milwaukee.

Il proprietario del negozio Chris Syrrakos nega le accuse e afferma che le autorità non gli hanno fornito risultati dettagliati dei test. Finora non sono state presentate accuse penali, sebbene i pubblici ministeri abbiano intentato una causa di confisca civile che coinvolge circa $ 14.000 sequestrati nell'ambito dell'indagine.

"Delta-8 è venuta in soccorso e ci ha salvato la vita" come azienda, consentendo sei nuove assunzioni, ha affermato Syrrakos. "Poi, all'improvviso, tutto è crollato con il raid della polizia".

Da allora ha chiuso il negozio ma ne ha aperto uno nuovo a Milwaukee.

(Scott Bauer per Associated Press del 28/07/2021)
 

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS