testata ADUC
Cannabis terapeutica in Argentina. Si parte con il Comune General La Madrid
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 marzo 2021 12:14
 
 Una piccola città di 12.000 abitanti nel mezzo dell'umida pampa della provincia di Buenos Aires è diventata il primo comune del paese ad ottenere un'autorizzazione dal governo nazionale per coltivare cannabis medicinale.
In una delibera firmata da Carla Vizzotti, il Ministero della Salute ha stabilito che La Madrid può finalmente attivare un progetto che aveva iniziato a delineare sette anni fa, quando pochissimi osavano parlare della pianta di marijuana come benefica per la salute.
È un riconoscimento per l'iniziativa e la condanna del sindaco della città, il medico di quartiere Martín Randazzo, che ha ottenuto il totale consenso della sua città in incontri e dibattiti dopo cinque anni dall'approvazione di un’ordinanza locale.

Cannabis a General La Madrid
General La Madrid, a sud-ovest dell'area centrale della provincia, c'è consenso sulla cannabis medica. I vigili del fuoco, gli insegnanti, i bibliotecari, il prete, i padri, le madri, i bambini, i medici e gli infermieri, i radicali e i peronisti concordano sul fatto che la vecchia pianta proibita aiuta chi soffre.
Il progetto che il ministro Vizzotti ha approvato consiste nell'indagine su due specifici ceppi di cannabis con un alto contenuto di CBD (un cannabinoide non psicoattivo che funziona molto bene, secondo prove scientifiche, con pazienti affetti da epilessia refrattaria, tra gli altri) su il suolo di La Madrid e in diverse condizioni ambientali di coltivazione "in relazione alla resa e al contenuto di cannabinoidi".

Con la collaborazione di INTA Balcarce e le università nazionali di La Plata e Mar del Plata, il comune di General La Madrid inizierà a lavorare all'interno di un sito di 80 per 40 metri più una serra di 10x30 metri su un'ipotesi, come espresso nel progetto presentato al governo nazionale: “Il contenuto di fitocannabinoidi e terpeni (della pianta di cannabis) varia a seconda delle condizioni ambientali a cui sono esposte le piante durante la loro coltivazione. I metodi di estrazione utilizzati influenzano la concentrazione dei composti attivi nella resina”.

Fitocannabinoidi e terpeni sono elementi essenziali nella produzione di oli e tinture per trattamenti medicinali o terapeutici. Per questo, il sindaco Randazzo spera di avere l'autorizzazione dal National Seed Institute per importare, in linea di principio, due varietà ricche di CBD. In origine aveva elaborato una possibile importazione dalla California, Stati Uniti, ma il ritardo ha aperto altre porte, come la Colombia, che negli ultimi anni ha fatto molti progressi nel business della cannabis medica.

Sebbene Randazzo non voglia ammetterlo, comunque, il sindaco ritiene che in un futuro non troppo lontano potranno dei ceppi nazionali (che sarebbe il primo seme di cannabis prodotto in Argentina), una possibiità già prevista nella nuova legge sull'uso medicinale. In tutti i casi, il contenuto di THC - la molecola psicoattiva - delle piante che crescerà su suolo pubblico sarà inferiore all'1%.
“Abbiamo allestito lo spazio fisico nel Parco Industriale, con doppi cablaggi olimpici, illuminazione, monitoraggio della sicurezza, la serra 10x30. È un progetto di ricerca. Oggi il suo apporto è minimo ma l'importante è che pianteremo legalmente. E da lì emergeranno altre cose”, ha ammesso all’agenzia Infobae Randazzo, un chirurgo che ha iniziato ad occuparsi di cannabis terapeutica dopo aver assistito a un discorso del suo collega e amico Marcelo Morante e dello specialista canadese Mark Ware dell'Università di La Plata, nel 2014, quando l'uso medicinale della cannabis in Argentina era un’idea di pochissime persone.
Un anno dopo Randazzo vinse le elezioni a sindaco con il suo partito local “Todos por La Madrid”. I paradossi della politica hanno fatto sì che durante il governo Macri il progetto La Madrid fosse completamente ignorato, presentato in più occasioni durante quell'amministrazione, l'ultima, nel settembre 2019.
“La regolamentazione della legge è cambiata nel 2020 e questo ci ha dato il via. Quando il regolamento è cambiato, il progetto ha intrapreso il suo iter per l’approvazione. Oltre alla legge, le conseguenze sono di uno sviluppo generale, con reddito e lavoro", ha spiegato Randazzo, aggiungendo: “Il nostro sogno è piantare legalmente. Da qui tutto si apre: politiche di salute pubblica per combattere il dolore della nostra gente, poiché sappiamo che la cannabis nelle malattie infiammatorie o oncologiche aiuta molto”.

A La Madrid vedono l'opportunità della cannabis ben oltre il problema "droga" e traffico della stessa. Hanno studiato la materia e sanno che il potenziale economico è un fattore che può essere decisivo per lo sviluppo di questa città nel prossimo futuro.
Uno studio del governo nazionale a cui l’agenzia Infobae ha avuto accesso, stima che il mercato legale della cannabis medica possa muovere, all'inizio, 450 milioni di dollari all'anno. Per questo, sebbene La Madrid sia il primo comune, ci sono già stati provinciali e progetti pubblico-privati ??in corso, come Jujuy, Misiones, San Juan, La Rioja e iniziative simili a quella del comune di Buenos Aires, come quella realizzato a Rio Negro l'INTA Alto Valle grazie all’associazione locale Ciencia Sativa.

(da Infobae America del 26/03/2021, Fernando Soriano)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori