testata ADUC
Cannabis in Francia. Si può andare oltre gli anatemi?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 aprile 2021 14:12
 
Questa settimana, l’agenzia France Press (AFP) ha pubblicato le testimonianze soddisfatte dei primi pazienti che sono stati inclusi nella sperimentazione francese della prescrizione di cannabis terapeutica. Per alcuni professionisti, il lancio di questo programma è un passo importante, anche se speravano in una maggiore velocità. Questo era il senso di un editoriale pubblicato due mesi fa su Le Monde da Eric Correia, rappresentante eletto locale e infermiere anestesista che sollecitava: “Non ci sono vie di mezzo, non ci sono più studi infiniti da svolgere né si applicano moratorie di colpevolezza. Solo una scelta. Una scelta semplice, quella che tutti i decisori politici devono ora fare, alla luce delle nostre conoscenze, delle verifiche empiriche che dimostrano l'innocuità di questa cannabis medica nonché la sua capacità di alleviare sofferenze e disturbi. Alla luce della fiducia che vorremmo riporre nelle zone rurali che, come la Creuse, sanno assumersi le proprie responsabilità e innovare per resistere alla disperazione". Tuttavia, scontrandosi con ciò che voleva descrivere come prova medica, si è rammaricato: "Ma, sembra che lo spettro di una moralità e di una forma di buon pensiero aleggi sul dibattito intorno a questa pianta e alle sue molecole, molto più di qualsiasi altra motivazione giuridica, scientifica o istituzionale”.

Cannabis medica: fragili riscontri
Questa osservazione rivela chiaramente ciò che sembra impedire in Francia un dibattito sereno e costruttivo sulla cannabis. Ciascuno considera sempre che la posizione dell'altro è impregnata solo da considerazioni ideologiche: una morale repressiva da sola guiderebbe i proibizionisti agli occhi dei sostenitori della legalizzazione quando un edonismo inconscio acceca questi ultimi (per i primi). E questa difficoltà ad andare oltre gli anatemi si trova in via preliminare nelle considerazioni sulla cannabis terapeutica. Dovremmo infatti considerare, come suggerisce Eric Correia, che è solo la "moralità" ad ostacolare l'autorizzazione all'uso medico di questa sostanza oggi? Non va dimenticato il limite delle argomentazioni scientifiche, come nota anche il neurochirurgo Marc Lévêque in una rubrica pubblicata dal quotidiano serale: “Nel 2015 l'analisi di undici studi che confrontavano i cannabinoidi con un placebo ha dimostrato ‘un modesto effetto analgesico’ nei dolori non cancerosi. Difficile sapere se questo piccolo beneficio sia da attribuire agli effetti ansiolitici e ipnotici del prodotto o ad un vero e proprio antidolorifico. (...). Nella pratica clinica, la cannabis può essere considerata benefica per alcuni pazienti: quelli con dolore associato a lesioni cerebrali o del midollo spinale associate alla spasticità, come nella sclerosi multipla. Questi modesti risultati non spiegano bene e la domanda è sempre più pressante da parte dei medici di base o dei centri, spesso saturi di dolore cronico”. Inoltre, per Marc Lévêque, è probabile che "Con circa 3.000 volontari, questo esperimento rischia di provocare molta delusione, perché centinaia di migliaia di pazienti sono potenzialmente interessati da queste indicazioni. Un disincanto che rischia di essere condiviso dagli scienziati: con così tante forme di cannabis, così tante indicazioni e in assenza di un gruppo placebo, è improbabile che emergano prove solide, finalmente, sull'efficacia (o meno) di questa pianta".

Legalizzazione della cannabis ricreativa: un inevitabile effetto collaterale dell'autorizzazione della cannabis medica?
Ma Marc Lévêque conclude: "Così concepita, questa fase sperimentale rischia di essere un formidabile teaser con conclusioni inutilizzabili. Alcuni potrebbero sfregarsi le mani con esso". Il nostro ipotizza che la promozione della cannabis medica sia per alcuni (molti?) solo un trampolino di lancio per promuovere la cannabis ricreativa. La cannabis "ricreativa” è una questione sociale importante e un business in forte espansione. Il mercato mondiale potrebbe moltiplicarsi per 2,5 entro il 2022 e coinvolgere 63 miliardi di dollari (quasi 58 miliardi di euro) solo per gli Stati Uniti. Le compagnie di tabacco, alcol e farmaci stanno quindi guardando la marijuana. Le risorse disponibili per fare pressioni sulla cannabis stanno aumentando e, con esse, la pressione dei media per la legalizzazione. Nell'aprile 2019, la Professional Hemp Well-Being Union è diventata la Professional Hemp Union, la prova che i mondi della cannabis "ricreativa" e "terapeutica" non sono completamente sigillati. In questo contesto, potrebbe esserci una grande tentazione di fare affidamento sui milioni di pazienti affetti da dolore cronico per aiutare a sviluppare questo business, con un numero dieci volte inferiore di consumatori regolari di cannabis ricreativa (1,2 milioni)”. Dovremmo sospettare qui che l'autore sia guidato da alcuni presupposti in questa analisi? In ogni caso, sembra che tra coloro che si oppongono alla legalizzazione della cannabis, i timori suscitati dall'autorizzazione della cannabis terapeutica non siano stati messi a tacere. "La sperimentazione dell'uso medico della cannabis, da gennaio 2021 per due anni, non deve essere un pretesto per la legalizzazione del consumo di 'spinelli'" ha scritto un collettivo di pubblici eletti qualche mese sul Journal du Dimanche.

Il riverente e moralista Emmanuel Macron che vieta il dibattito desiderato
Se il prisma della cannabis terapeutica rivela certamente il peso delle considerazioni morali in questo dibattito, neanche i discorsi politici le evitano. In una spettacolare illustrazione del suo mantra ("E allo stesso tempo"), Emmanuel Macron ha convocato la scorsa settimana un dibattito sulla questione del consumo di cannabis mentre si lamentava della depenalizzazione: "gli stupidi hanno bisogno di un freno e non di una pubblicità acrobatica”, lamenta Alain Ehrenberg, sociologo. "Se la depenalizzazione, che è una cattiva soluzione perché non tocca la produzione e il traffico, suscita l'ostilità di Emmanuel Macron, la legalizzazione è ovviamente ancora meno possibile. Eppure è lei che dovrebbe essere al centro di un dibattito politico fino a quel momento inesistente. Purtroppo il Presidente ha adottato quel tono riverente e moralizzatore che ha caratterizzato per decenni il pensiero dei governi che si sono succeduti, un tono che delegittima ogni dibattito in nome del vago slogan della tutela della nostra gioventù. Tuttavia, un dibattito è essenziale in una democrazia perché consente di chiarire al pubblico le ragioni per cambiare o non cambiare le politiche. Questo dibattito è tanto più necessario in quanto i francesi e, soprattutto, i tossicodipendenti (che sono comunque in prima linea per problemi di salute e psicologici) sono favorevoli al cambiamento".

Soldi che non si sprecano in questi tempi difficili
Questo dibattito è in corso da molto tempo e sostenitori e oppositori della legalizzazione cercano (a volte con successo) di costruire le loro argomentazioni lontano dallo spettro moralistico. Pertanto, i sostenitori della legalizzazione sottolineano prima di tutto i suoi vantaggi economici. Questo è stato il primo punto sollevato da un collettivo di eletti e medici che hanno firmato un appello per la legalizzazione sulla rivista Obs: "L'argomento economico è tornato in vigore in un momento in cui si cercano miliardi di euro per far fronte alla salute, all'economia e crisi sociale causata dal Covid-19. La legalizzazione consentirebbe infatti di far entrare nelle casse dello Stato ogni anno tra i 2 e i 2,8 miliardi di euro e creerebbe tra i 30.000 e gli 80.000 posti di lavoro, soprattutto nel settore agricolo", hanno sostenuto.

Evidente inefficacia
Ma è ovviamente l'argomento dell'inefficacia delle politiche attuali, in un Paese che, osserva l'ex ministro dell'Ecologia, Cécile Duflot, riesce nell'impresa di essere allo stesso tempo uno di quelli dell'Europa dove la legislazione è più repressiva e che conosce uno dei consumi più elevati. "Dobbiamo affrontare questi fatti, soprattutto per quanto riguarda il criterio di efficacia delle politiche pubbliche. I governi che si sono succeduti fino ad oggi non hanno mai messo in dubbio l'efficacia dell'azione pubblica. Tuttavia, questa è una domanda essenziale in democrazia. (...) Un rapporto del think tank Terra Nova pubblicato nell'ottobre 2020 mostra che l'attività delle forze dell'ordine implica molto tempo per polizia e magistratura. All'interno dei servizi di polizia "l'impressione generale (...) è di 'svuotare l'oceano con un cucchiaino'", e questo suscita un forte senso di stanchezza tra i funzionari. A livello di giustizia e amministrazione penitenziaria, il 14,7% della popolazione detenuta è dentro per violazione della legislazione sugli stupefacenti, il che implica a monte una serie di atti legali che richiedono tempo e intasano i tribunali”, spiega Alain Ehrenberg. “Questa repressione alimenta la politica dei numeri e porta ad un uso improprio della attività della polizia. Lo esprime molto bene il collettivo di polizia contro il divieto: “È un crimine che si risolve non appena osservato, è un tasso di delucidazione del 100%, e questo è molto prezioso per i dati sulla criminalità. Il 56% dell'iniziativa dei poliziotti è la repressione dell'uso di droghe, per svuotare le tasche e mettere in custodia per un quarto di grammo di hashish che si ha in fondo alla tasca". Le cifre parlano da sole. Tra il 2014 e il 2015, il 56% dei reati rilevati dalle forze dell'ordine, che rappresentano la parte proattiva dell'attività di polizia, erano legati agli stupefacenti, di cui l'85% riguardava il semplice uso e il 90% riguardava la cannabis. Sono questi reati che intasano i tribunali e alimentano il sovraffollamento carcerario, poiché riguardano quasi il 20% dei detenuti (International Prison Observatory). Da notare che nelle condanne legate ai narcotici la tratta occupa una quota marginale, nell'ordine del 2% (Osservatorio francese sulle droghe e le tossicodipendenze)”, ha affermato su Liberation lo scorso settembre Vincent Delhomme, direttore degli studi presso il think tank GenerationLibre.

Tuttavia, alcuni, anche tra coloro che sembrano essere a favore della legalizzazione, osservano "qualificherei l'osservazione perché la funzione delle politiche repressive non è quella di essere efficaci ma di mantenere l'ordine sociale", osserva Michel Kokoreff, professore universitario a Parigi-8 , ricercatore presso CRESPPA-CNRS, intervistato dal sito Mouvement up.

Ma soprattutto, gli oppositori della legalizzazione sono arrabbiati con il disfattismo che sta alla base di questa osservazione. "Solo perché le forze dell'ordine hanno problemi a gestire la tratta non significa che la pratica debba essere legalizzata!" Altrimenti bisognerebbe legalizzare anche il traffico di armi, l'evasione fiscale, la prostituzione e non più perseguire le eccessive velocità al volante!". Eletti repubblicani indignati nel JDD.

La repressione non evita il pericolo e la legalizzazione non implica necessariamente il caos
Per questi ultimi, vale la pena ricordare il "pericolo" che la cannabis rappresenta e sono preoccupati per il grande rischio di banalizzazione "Vediamo nei nostri collegi elettorali genitori sopraffatti vedendo i loro figli dipendenti e famiglie distrutte. Vediamo le amicizie svanire per l'uso di droghe, persone che perdono il lavoro e giovani che cadono nella delinquenza per le loro scorte di cannabis, perché non pagano le loro droghe con la paghetta! Psicosi, schizofrenia, depressione, insuccesso scolastico, abbandono scolastico, desocializzazione ... I drammi legati alla cannabis sono numerosi”, scrivono.

Tuttavia, questo pericolo non è negato da coloro che chiedono il cambiamento. “La ragione principale addotta per non cambiare nulla è che ci sono pericoli nella cannabis, il che è assolutamente corretto. Ma se una politica si fosse basata su questo unico criterio, il tabacco e l'alcol sarebbero stati banditi molto tempo fa” sottolinea Alain Ehrenberg che in seguito insiste ancora sul fatto che la legalizzazione non esclude una forma di repressione e comunque prevenzione. “Ovviamente sarà necessario mantenere o addirittura rafforzare la repressione della tratta (una politica di legalizzazione deve integrare una politica di repressione). La nota dell'Economic Analysis Council, intitolata “Cannabis: take back control?” (Pubblicata a giugno 2019, ndr) propone anche di rafforzare le politiche di prevenzione ed educazione, concentrandosi in particolare sui più giovani. Ricorda che tali politiche funzionano, come dimostra la riduzione del consumo di alcol e tabacco. ”Questo è un elemento chiave nel discorso dei sostenitori della legalizzazione o più certamente della regolamentazione (per usare il termine favorito dalla Federazione delle dipendenze): consente una migliore azione in termini di prevenzione e controllo del consumo dei giovani e della qualità dei prodotti. Tuttavia, questa prevenzione è oggi il parente povero della politica di lotta alla droga: "È necessario sottolineare la debolezza della politica sanitaria nell'insieme della spesa pubblica causata dalla politica di lotta alla droga: la parte dedicata alla salute è pari al 10%, mentre è 20% per un'azione legale e 70% per quella della polizia”, afferma Alain Ehrenberg. Dietro questo desiderio di fare della prevenzione la linea guida, c'è un desiderio di "destigmatizzazione", insiste la Addiction Federation. Infine, questi discorsi ci ricordano spesso che esempi stranieri sosterrebbero la natura positiva della legalizzazione in termini di prevenzione e controllo dei prodotti e dell'accesso.

L'interferenza dell'emozione
Ma questa battaglia appare molto difficile quando oggi il dibattito sulla cannabis è parassitato dall'emozione suscitata dalla sentenza della Corte di Cassazione riguardante l'abolizione del discernimento di un omicidio (riconosciuto come antisemita) commesso sotto gli effetti della cannabis. Un contesto così emotivo può ovviamente solo interferire con una serena riflessione sulla regolamentazione di questo pericoloso prodotto, che merita senza dubbio di essere oggetto di una politica molto più efficace di quella odierna, qualunque essa sia. "È giunto il momento di uscire dal fallimento", conclude la Addiction Federation.

(Aurélie Haroche su JIM, Journal International de Médicine del 24/04/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori