testata ADUC
Cannabis coltivata in casa: boom mondiale grazie al covid
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
11 marzo 2021 11:01
 
Ai tempi in cui la "puzzola" era principalmente associata a Pepé Le Pew e l'idroponica era un modo per migliorare i cetrioli, la maggior parte della fornitura di cannabis del Regno Unito veniva importata da luoghi come il Marocco e il Libano. La situazione è cambiata negli ultimi due o tre decenni nel Regno Unito e in molti altri paesi quando le bande criminali organizzate hanno messo in atto sempre più operazioni vicino a casa. La cannabis era ancora coltivata e distribuita su larga scala dai luoghi più esotici, in particolare quando si trattava di resina, ma una discreta quantità di produzione riesce a soddisfare la domanda in un processo che gli economisti chiamano sostituzione delle importazioni. È difficile misurarlo con precisione, ma l'”Independent Drug Monitoring Unit” ha stimato che entro il 2012, l'80% della cannabis utilizzata nel Regno Unito è stata coltivata in patria, rispetto al 30% della fine degli anni '90. Probabilmente ora è ben oltre il 90%. Ma negli ultimi anni, la cannabis ha subito un altro importante cambiamento. Una quota considerevole della domanda è ora soddisfatta dai piccoli coltivatori, che coltivano principalmente per se stessi, amici e conoscenti. Ciò è diventato possibile per vari motivi, inclusi miglioramenti alla tecnologia di coltivazione, nuove varietà più adatte alla coltivazione indoor e la ricchezza di informazioni e competenze su Internet.
Molti consumatori di cannabis non dipendono più dagli spacciatori tradizionali. Questa tendenza ha preso slancio durante la pandemia. Si tratta di una tendenza permanente o le vecchie catene di approvvigionamento si riaffermeranno quando i paesi torneranno a una sorta di normalità?
Tenere il passo con la cannabis
Io e un gruppo di ricercatori sulla cannabis che la pensano allo stesso modo in Europa, Nord America e Australasia abbiamo formato il Global Cannabis Cultivation Research Consortium nel 2009 per monitorare la crescita della coltivazione domestica e come si stavano evolvendo i mercati della cannabis.
Nel 2012, abbiamo intervistato coltivatori in Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Germania, Paesi Bassi, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti per saperne di più sulla coltivazione su piccola scala e su come e perché queste persone sono state coinvolte. La maggior parte si è rivelata essere persone normali - con lavori normali, normali accordi familiari e nessun coinvolgimento nello spaccio di droga o in altri crimini più di qualsiasi altra persona.
Da allora la politica sulla cannabis è cambiata in tutto il mondo. Un elenco sempre crescente di paesi l’ha legalizzata, in qualche forma, per uso medico. Alcuni hanno cambiato le loro leggi in modo che il possesso di cannabis (e, in alcuni casi, la coltivazione per uso personale) non sia più un reato. Più significativamente, il Canada, l'Uruguay e vari stati degli Usa hanno legalizzato non solo l'uso medico ma anche ricreativo.
Nel 2020, abbiamo lanciato il nostro secondo sondaggio internazionale per vedere come la coltivazione è stata influenzata da questo scenario mutevole. Questa volta abbiamo esaminato 18 paesi, aggiungendo Francia, Georgia, Israele, Italia, Nuova Zelanda, Portogallo e Uruguay agli 11 originali, mentre eseguivamo anche un sondaggio per le persone nei paesi non partecipanti.
Una pandemia globale e blocchi nazionali non erano stati parte della nostra pianificazione, ma ovviamente abbiamo aggiunto domande per scoprirne gli effetti.
Le nuove scoperte
Dal momento che il COVID-19 ha influenzato quasi ogni area della vita, è normale aspettarsi che abbia un impatto sull'uso e sui mercati della droga. Le persone trascorrono più tempo a casa. Le interazioni sociali sono state limitate, comprese le opportunità di assumere droghe con gli amici o di ottenerle dalle fonti usuali. Nel frattempo, le reti di approvvigionamento di droga nazionali e internazionali sono state interrotte. I nostri risultati preliminari suggeriscono che il COVID-19 ha influenzato la coltivazione domestica di cannabis in tutto il mondo. Con quasi 5.000 partecipanti al momento della scrittura, il 16% riferisce di essere stato coinvolto nella coltivazione della cannabis solo dopo la pandemia. L'11% degli intervistati afferma che avere più tempo a casa era il motivo per cui si dedicava alla coltivazione, mentre l'8% cita l'aumento dei prezzi della cannabis durante la pandemia come fattore motivante. Più di un terzo degli intervistati ha riferito che era più difficile incontrare dal vivo gli amici o ottenere cannabis attraverso i social network personali o il loro solito rivenditore. Tuttavia, meno di uno su dieci ha riferito che era più difficile procurarsi semi di cannabis, attrezzature per la coltivazione o altre forniture come i fertilizzanti.
C'è qualche variazione interessante tra i paesi nei risultati. In Italia, più di un quarto degli intervistati ha iniziato a coltivare dall'inizio della pandemia, notevolmente al di sopra della media globale. Nel frattempo, un terzo degli intervistati portoghesi ha citato la carenza di cannabis durante il COVID-19 come motivo per coltivare la propria.
Oltre alla pandemia, la maggior parte dei coltivatori domestici in tutto il mondo ha indicato altre motivazioni che erano in linea con i nostri risultati del 2012: desiderare un prodotto più sano ed economico, evitando il contatto con i criminali. Tre quarti degli intervistati riferiscono di coltivare cannabis perché ne traggono piacere. Quasi la metà riferisce di coltivare per il proprio uso medico. E mentre il 15% dichiara di coltivare per evitare altri prodotti, i coltivatori di cannabis per uso medico e il 15% forniscono altri per uso ricreativo... i nostri coltivatori non agiscono come spacciatori di droga: solo il 4% ha dichiarato di vendere cannabis a scopo di lucro.
Ma se il lockdown ha portato un numero significativo di persone a iniziare a coltivare la propria cannabis, è anche importante notare che la stragrande maggioranza dei nostri partecipanti la stava già coltivando. E mentre molti intervistati (18%) hanno riferito di coltivare di più in condizioni di lockdown, uno su dieci ha affermato di coltivare di meno o di essersi fermato del tutto.
Nel frattempo, la criminalità organizzata continua a rifornire una grossa fetta del mercato della cannabis nel Regno Unito. Va sottolineato che questi sono solo risultati preliminari. Vogliamo raddoppiare il numero di intervistati fino ad almeno 10.000 nei prossimi mesi e pubblicheremo i risultati finali all'inizio del 2022. Quindi intendiamo portare avanti la nostra ricerca per vedere se queste tendenze continuano mentre la pandemia si allontana. Sospettiamo fortemente che lo farà: una volta che le persone avranno preso l'abitudine di coltivare in proprio, ci sono poche ragioni per tornare a comprare dai rivenditori.

(di Gary Potter - Reader in Criminology, Lancaster University – su The Conversation del 10/03/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori