testata ADUC
L'Argentina ha creato l'Agenzia nazionale per la cannabis
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 febbraio 2023 0:25
 
 L'emergente industria della cannabis in Argentina si è evoluta a un ritmo rapido rispetto ad altri mercati negli ultimi mesi. Nell'aprile 2022 il Ministero della Salute argentino ha emanato nuove regole relative alla cannabis terapeutica, consentendo alle organizzazioni non profit di ottenere eventualmente le licenze.

Circa un mese dopo l'Argentina ha approvato una misura che ha creato un quadro per un'industria della cannabis terapeutica più solida, comprese disposizioni per aumentare le esportazioni in tutto il mondo.

Sul fronte giudiziario, la Corte Suprema argentina ha emesso una decisione nel luglio 2022 che fornisce alcune tutele legali per la coltivazione domestica da parte dei pazienti con cannabis terapeutica. Più tardi nel 2022, in ottobre, l'Argentina ha rilasciato la prima licenza nazionale di produzione di cannabis terapeutica della nazione.

Nello stesso mese il governo argentino ha lanciato una società pubblica per fornire semi, test e formazione all'industria emergente della cannabis, e ora il governo argentino ha creato un'agenzia per supervisionare l'industria emergente e, si spera, aiutarla a raggiungere il suo pieno potenziale. Per InfoBae:

Nel contesto della legge sancita lo scorso maggio attraverso la quale viene creato il quadro normativo per avviare un processo industriale con la pianta di cannabis in Argentina, finalmente questo lunedì il governo nazionale ha creato l'Agenzia di regolamentazione per l'industria della canapa e la cannabis medicinale (ARICCAME), l'ente statale il cui compito principale sarà quello di convertire la lettera della legge in gestione.

Per ora, il decreto normativo firmato da Juan Manzur, Capo di Gabinetto, e Sergio Tomás Massa, Ministro dell'Economia, annuncia solo la creazione di ARICCAME e la nomina delle sue autorità. Il primo presidente nella storia dell'Agenzia sarà l'attuale sindaco della città di Castelli a Buenos Aires, Francisco Echarren. Il vicepresidente sarà il dottor Marcelo Morante, storico attivista della causa cannabis, e responsabile del funzionamento del registro dei consumatori di medicinali del Ministero della Salute nazionale.

L'Argentina sembra avere un occhio attento alle esportazioni di cannabis, con diversi commenti negli ultimi mesi di vari leader che esprimono un forte desiderio di rendere l'Argentina un importante fornitore internazionale di prodotti a base di cannabis terapeutica.

Solo il tempo dirà se ciò accadrà davvero, con l'Argentina che arriva un po' in ritardo tra gli esportatori di cannabis. Il paese merita il merito di aver proceduto rapidamente negli ultimi mesi, tuttavia, molti altri paesi stanno già esportando prodotti a base di cannabis terapeutica in tutto il mondo. In quanto tale, l'Argentina deve recuperare terreno.

(Hazel Norman su ICBC del 02/02/2023)
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS