testata ADUC
Gli americani considerano la marijuana meno dannosa di alcol e tabacco
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 agosto 2023 13:06
 
 Secondo i nuovi dati Gallup, gli americani considerano la marijuana meno dannosa dell’alcol, delle sigarette, dei vaporizzatori e di altri prodotti del tabacco. E allo stesso tempo, il consumo di cannabis ha “superato quello delle sigarette negli Stati Uniti, mentre lo svapo è ancora dietro a entrambi”, afferma la società di sondaggi.

L’indagine rappresenta la continuazione di una tendenza durata anni, con i maggiorenni americani che abbandonano sempre più le sigarette man mano che aumenta la consapevolezza dei rischi per la salute pubblica. I dati mostrano una tendenza opposta per la marijuana, con la percezione del danno in diminuzione man mano che sempre più stati ne legalizzano l’uso e sempre più persone si considerano consumatori attivi.
Agli intervistati è stato chiesto quali fossero sette diverse sostanze e se le considerassero “molto”, “abbastanza” o “non troppo/per niente” dannose. Due americani su cinque (40%) hanno affermato che la marijuana non è troppo, o per niente, dannosa.

Si tratta di un numero 10 volte superiore di persone che affermano che le sigarette sono relativamente innocue (4%) e più del doppio della percentuale che dice la stessa cosa riguardo all’alcol (16%).
Nel frattempo, solo il 23% degli intervistati ha affermato che la marijuana è “molto dannosa”, rispetto al 76% per le sigarette, al 54% per le sigarette elettroniche, al 39% per i sigari e al 30% per l’alcol.

"La marijuana ha raccolto il livello più basso di preoccupazione per la salute rispetto ad altre sostanze, ma una ricerca Gallup separata ha dimostrato che tre statunitensi su quattro sono molto o abbastanza preoccupati per gli effetti che la marijuana ha sui giovani adulti e sugli adolescenti che la usano regolarmente", afferma l'azienda.

L’indagine – che ha coinvolto 1.015 maggiorenni americani dal 3 al 27 luglio, con un margine di errore di +/- quattro punti percentuali – è stata citata anche in un rapporto Gallup separato sull’uso di sigarette e cannabis pubblicato venerdì.

Il sondaggio ha rilevato che l’uso delle sigarette rimane stabile al minimo storico, con solo il 12% che afferma di aver fumato una sigaretta nell’ultima settimana. Parte di questa tendenza riflette un maggiore utilizzo delle sigarette elettroniche da parte dei giovani maggiorenni, il 18% dei quali afferma di svapare.

"Ma il consumo di marijuana supera entrambi questi prodotti tra i giovani maggiorenni", ha detto Gallup. "dal 2019, una media del 27% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni ha affermato di fumare marijuana."

Nel complesso, una buona metà dei maggiorenni americani afferma di aver provato la cannabis almeno una volta e il 17% afferma di fumare marijuana, una percentuale superiore di cinque punti percentuali rispetto all’attuale consumo di sigarette. Va notato che il sondaggio chiedeva informazioni sul “fumo” di cannabis, quindi il totale probabilmente esclude gli attuali consumatori di cannabis che usano prodotti non inalabili come commestibili e oli.

“Le sigarette continuano a perdere il favore degli americani, poiché solo un adulto americano su otto le fuma. Il consumo di marijuana ha superato quello di sigarette negli Stati Uniti, mentre lo svapo è ancora in coda a entrambi”, ha affermato Gallup. “Questi cambiamenti sembrano essere guidati dal cambiamento delle abitudini tra i giovani maggiorenni, che hanno più probabilità di fumare marijuana e sigarette elettroniche rispetto alle sigarette, e molto meno propensi rispetto ai giovani maggiorenni dei decenni passati a fumare sigarette”.

"Il fatto che gli americani generalmente considerino le sigarette come le più dannose delle tre, suggerisce che gli sforzi di sanità pubblica per scoraggiare il fumo di sigarette abbiano avuto successo", afferma il rapporto. “Tuttavia, la maggior parte degli americani considera lo svapo e la marijuana almeno in qualche modo dannosi per la salute, e gli esperti di sanità pubblica che sono d’accordo potrebbero voler assicurarsi che anche i giovani maggiorenni ricevano questi messaggi”.

( Kyle Jaeger su Marijuana Moment del 22/08/2023)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS