testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Un adolescente su cinque ha fumato cannabis
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
17 novembre 2009 14:43
 
Il 20,8% degli adolescenti italiani ammette di aver fumato cannabis o marijuana, contro un'ampia fascia di ragazzi che non ha mai avuto esperienze di questo tipo (79,2%). E' quanto risulta dal decimo "Rapporto Nazionale sulla Condizione dell'Infanzia e dell'Adolescenza", presentato oggi a Roma da Eurispes e Telefono Azzurro, che ha interpellato circa 2.500 bambini (7-11 anni) e ragazzi (12-19 anni)
In particolare, il 25,7% dei ragazzi ha fatto uso di marijuana o hashish contro il 18,5 delle coetanee del sesso opposto. La maggior parte (46,2%) dei ragazzi che hanno ammesso di fumare canne potrebbe essere definito un fumatore occasionale, dal momento che dichiara di consumare marijuana circa una o due volte l'anno. A tale percentuale si affianca quella di coloro che lo fanno una volta al mese (21,7%).
Piu' assiduo nel consumo di cannabis e' il 12,2% dei ragazzi che afferma di fumarne una a settimana.
Gli abitue' del consumo di cannabis sono il 10,8% e ne fanno uso piu' volte al giorno. Scende, invece, la percentuale di coloro che fumano canne una volta al giorno (4,2%). L'abitudine all'uso di sostanze stupefacenti appare maggiormente evidente nei ragazzi che hanno un'eta' compresa tra i 12 e i 15 anni. Nel complesso (42,8% dei casi), infatti, essi dichiarano di fumare canne con una frequenza che varia da una volta a settimana (14,3%) a una (6,1%) o piu' volte al giorno (22,4%). Secondo le opinioni raccolte, non esiste un luogo in particolare dove piu' frequentemente i ragazzi si ritrovano per fumare canne. Il 40,6%, infatti, dice di consumarle ovunque gli capiti. Per il 20,3%, invece, il luogo migliore e' la strada o i giardini pubblici. Una percentuale pari al 18,9%, poi, lo fa spesso in casa di amici. Altri luoghi, come la discoteca (5,6%) o la scuola (4,5%), non sono considerati dagli adolescenti il posto migliore per 'rilassarsi' aspirando un po' di marijuana o di hashish. L'1% lo fa tranquillamente in casa propria.
Per approfondire ulteriormente il discorso sulla diffusione delle droghe leggere, agli autori dell'indagine e' sembrato opportuno chiedere al campione di esprimere un'opinione personale sull'argomento. La maggior parte degli adolescenti (36%) non e' attratto da questo tipo di esperienza che, nel 27,3% dei casi, viene considerata un comportamento sbagliato e pericoloso. Non manca comunque chi ritiene che fumare canne senza esagerare non procuri alcun danno (19,7%).
I ragazzi ad ogni modo hanno una buona conoscenza riguardo alle conseguenze che l'uso di cannabis puo' comportare: l'84,5% afferma che uno dei rischi piu' probabili e' rappresentato dai danni neurologici, l'83,4 che canne possa compromettere la capacita' di mantenere alta l'attenzione mentre si guida, l'81,8% ritiene che ci siano effetti dannosi sulla capacita' della memoria e di concentrazione (81,6%).
Buona parte dei ragazzi, inoltre, ritiene che fumare canne voglia dire assumere sostanze psicotrope che producono dipendenza (74,7%) e sono capaci di rendere il carattere piu' irritabile (66,2%). Su valori percentuali tendenzialmente piu' contenuti si trova l'opinione di coloro che ritengono che fumare canne aiuti a rilassarsi (37,4%) e alleggerisca lo stress di situazioni complicate (28,4%). Il 28% e' dell'idea che fare uso di cannabis conferisca a chi adotta tale pratica un atteggiamento 'da grande' e che, in alcuni casi, rappresenti un modo per socializzare all'interno del gruppo dei pari (18,8%).
Ancora in materia di fumo, ma per quanto riguarda il solo tabacco, il 30,8% dei ragazzi ammette di fumare, ma la maggior parte di loro si dichiara non fumatore (69,8%). Ad avere questa abitudine sono prevalentemente le ragazze (31,6%), parallelamente i ragazzi tendono ad evitare tale comportamento (70,8%). Al Nord-Est e' piu' facile che i ragazzi accendano una sigaretta (42,7%), ma si riscontrano percentuali abbastanza consistenti anche nelle Isole (39,5%) e nel Centro (32%). Al crescere dell'eta' dei ragazzi aumenta anche la propensione a fumare: lo fa il 39,3% dei 16-19enni, contro il 17,9% dei piu' piccoli. La maggior parte del campione, il 40%, fuma una sigaretta ogni tanto. Inoltre, esiste un'elevata percentuale di ragazzi che ammette di fumare meno di dieci sigarette al giorno (31,9%).
Inferiore appare la percentuale di coloro che hanno l'abitudine di fumare tra le dieci e le 15 sigarette nell'arco di una giornata (16,8%). I valori continuano a scendere ulteriormente man mano che aumenta la quantita' nicotina assunta: appena il 6,9% consuma quasi un pacchetto al giorno e solo il 2,6% si spinge oltre tale livello.
Moltissimi (67,4%) hanno acceso la prima sigaretta spinti dalla curiosita' di provare la sensazione di aspirarne una boccata. Gli altri perche' il gesto di tenere tra le dita la sigaretta dava loro la sensazione di essere piu' grandi (10,9%), per emulazione degli atteggiamenti osservati in famiglia (7,8%) o nel gruppo dei pari (3,8%). Nel 6,6% dei casi, poi, i ragazzi affermano che hanno assunto l'abitudine di fumare perche' e' un gesto che rilassa e ammazza la noia (1,4%).
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori