testata ADUC
 USA - USA - La depenalizzazione della marijuana ha ridotto del 20% la gravità della violenza domestica
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
19 maggio 2019 19:44
 
Uno studio della University of Pennsylvania ha esaminato 25 Stati degli Usa dal 2005 al 2016. Sebbene i tassi di violenza domestica non siano cambiati dopo la depenalizzazione, i ricercatori hanno scoperto che gli Stati con leggi sulla cannabis più liberali mostravano che la violenza domestica era meno grave. Anche l'uso delle armi nei casi di violenza domestica è diminuito.
"In altre parole, la depenalizzazione della marijuana potrebbe potenzialmente salvare la vita di innumerevoli persone: ogni mese negli Stati Uniti, 50 donne vengono uccise dai propri partner domestici", ha scritto Kimberly Lawson sul Marijuana Moment (https://www.marijuanamoment.net/serious-injuries-from-domestic-violence-dropped-after-marijuana-decriminalization-study-finds/).
In che modo la depenalizzazione ha reso possibile questo? I ricercatori non ne sono sicuri, ma credono che le persone, lì dove la marijuana è legale, potrebbero usarla al posto dell’alcool.
"Considerando l'evidenza che l'alcol è una sostanza che aggrava la violenza, la scoperta di alcool suggerisce: (a) la marijuana e l'alcol sono sostituti piuttosto che complementari, e (b) l'uso sostitutivo della marijuana probabilmente mitiga la gravità delle violenze".
La prova maggiore viene dalle analisi dei ricercatori stessi: da quando la cannabis è depenalizzata c’è stato un calo del 40% negli episodi di violenza domestica che coinvolgono l'alcol. Altri studi hanno dimostrato che gli Stati che legalizzano l'erba spesso registrano crolli nelle vendite di alcool.
I ricercatori sostengono anche che gli effetti sedativi della cannabis possano aver contribuito al calo di queste lesioni da violenza domestica.
"Nonostante il dibattito in corso da diverso tempo sull'eventualità che la marijuana contribuisca alla violenza, la letteratura medica suggerisce che la marijuana è efficace come aiuto a breve termine per il sonno e può contribuire a una notevole tranquillità diurna". "Rendendo gli eventuali assalitori più sonnolenti, il consumo di marijuana potrebbe rendere la natura degli assalti e le lesioni meno gravi. Questa è probabilmente la spiegazione più semplice anche se è certamente incompleta."
Lo studio conclude che solo la depenalizzazione sembra avere questo effetto di riduzione della violenza. Gli Stati con programmi di marijuana medica non hanno seguito la stessa tendenza perché lì l'accesso alla cannabis è fortemente regolamentato e limitato.

(articolo di Randy Robinson, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 17/05/2019)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori