testata ADUC
 USA - USA - Coronavirus e dipendenze. San Francisco pratica la riduzione del danno
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 maggio 2020 11:10
 
San Francisco sta usando donazioni private per consegnare alcolici, tabacco e marijuana medica a poche decine di persone che sono soggette a dipendenza e che sono isolate o in quarantena nelle camere d'albergo affittate durante la pandemia. Ci sono circa 270 persone, per lo più senzatetto, che alloggiano nelle camere d'albergo per riprendersi da COVID-19 o per far fronte alla possibile esposizione al virus. Quasi una dozzina di persone hanno ricevuto alcolici e più di due dozzine hanno ricevuto tabacco, secondo il San Francisco Chronicle. Le autorità della città hanno fatto sapere che le donazioni private servono a gestire la dipendenza da nicotina, oppioidi e alcol e grantisce che le persone in recupero non escano e possibilmente infettino gli altri. La dott.ssa Grant Colfax, direttore della sanità pubblica di San Francisco,sostiene che l'approccio alla riduzione del danno è diffuso e basato su decenni di solide politiche di salute pubblica: “Il nostro obiettivo deve essere quello di supportarli''. Per le persone che soffrono di astinenza da alcol, il Dipartimento di sanità pubblica calcola la quantità minima necessaria e lo consegna loro durante i pasti. Il dipartimento provvede anche per la consegna di farmaci per le persone che cercano di disintossicarsi dell'eroina. Il dipartimento, però, non aiuta a procurarsi marijuana ricreativa.
(AP)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori