testata ADUC
 USA - USA - Consumo cannabis. Più d’estate che d’inverno
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 gennaio 2021 0:45
 
Molti consumatori di cannabis fanno una pausa all'inizio dell’anno, ma gradualmente consumano di più con l'avanzare dell'anno. Così uno studio, della New York University (NYU) sulla rivista Drug and Alcohol Dependence.
282.768 adolescenti e adulti vi hanno partecipato tra 2015 e 2019. Nel primo trimestre, l'8,9% ha consumato più che nell'ultimo mese dell’anno precedente. Un dato che cresce ogni trimestre successivo, fino al 10,1% di ottobre/dicembre, +13% rispetto al primo trimestre di ogni anno.
I modi di consumo generalmente variano per età, sesso o reddito, ma qui tutti i gruppi sono quasi uguali. Eccezione per gli adolescenti, che fumano essenzialmente in estate, in calo in autunno col ritorno a scuola.
Chi usa LSD o blunt affumicati consuma più erba nel corso dell'anno. "Il consumo di marijuana è costantemente più alto nel corso dell'anno, con un picco nel tardo autunno o all'inizio dell'inverno prima di diminuire all'inizio dell'anno successivo", ha detto Joseph Palamar, professore associato di salute della popolazione presso la NYU Grossman School of Medicine e autore principale dello studio. "Pensiamo che ciò sia dovuto, in parte, a un 'gennaio secco' in cui alcuni smettono di bere alcolici o di usare marijuana come proposito per il nuovo anno". I ricercatori suggeriscono anche che il clima più freddo potrebbe scoraggiare dall'uscire per fumare. L'erba del mercato nero è anche meno disponibile perché il freddo non favorisce la coltivazione.
Inoltre i consumatori di cannabis ricreativa consumano di più nel corso dell'anno rispetto a quelli di marijuana medica. Risultati logici, perchée alcuni consumatori di cannabis medica seguono dosaggio e frequenza raccomandati dai medici. Buona parte dei programmi di marijuana medica legali limitano anche la quantità di erba da acquistare.
"In definitiva, speriamo che questi risultati possano essere utilizzati da ricercatori e medici", ha detto il coautore dello studio Austin Le, DDS, ricercatore associato presso la NYU Langone Health.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori