testata ADUC
I narcocartelli degli Stati Uniti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
2 agosto 2020 17:31
 
 Un pacchetto di cocaina arriva su un aereo commerciale all'aeroporto internazionale di Città del Messico, dall'America centrale. Da lì, la merce viene trasportata a Tijuana via terra. Un commerciante nasconde parte dellla droga nel serbatoio della sua auto e attraversa il confine per San Diego, dove consegna il carico. Ritorna in Messico con tre AK-47 e munizioni, oltre a fasci di dollari.
Centinaia di storie di traffico di droga negli Stati Uniti, il più grande consumatore del mondo, sono simili a queste ogni giorno. La cosa interessante è che attraversando il confine il percorso si perde. Non è chiaro come milioni di dosi raggiungano le mani di centinaia di utenti in tutte le città di quel paese, attraverso un'enorme ed efficiente rete di distribuzione che genera profitti per miliardi di dollari.
Difficilmente possiamo credere che siano le organizzazioni criminali messicane a controllare la vendita di droghe nelle grandi città degli Stati Uniti, come New York o Chicago, senza che le loro autorità siano in grado di impedirlo.
Come se le mafie americane consentissero il controllo del mercato da parte dei messicani che vivono nascosti nelle montagne o da una città all'altra e mentre fuggono dalle autorità locali e dai loro avversari, sono responsabili delle reti di distribuzione nelle strade e nei bar di Manhattan.

Siamo vittime delle stesse diagnosi e storie di stupefacenti.
Lo stesso mito è iniziato 50 anni fa grazie al presidente Nixon la sua "guerra alla droga" e che la narcoserie e i film di Hollywood hanno riproposto. Quelli che parlano dei famosi cartelli messicani come Félix Gallardo, El Señor de los Cielos o El Chapo Guzmán.
La narrativa e le trame sono perfetti se il problema si sposta da questa parte del confine e smette di parlare di cartelli negli Stati Uniti, che pur assumendo meno rischi, prendono i maggiori profitti che si riversano nel loro sistema finanziario.
Naturalmente, in Messico e in Centro e Sud America ci prendiamo cura della nostra parte. Siamo bravi negli affari e non abbiamo scrupoli a ucciderci a vicenda in modi inimmaginabili - ogni giorno, quasi 100 messicani vengono uccisi in relazione al traffico di droga - con i milioni di armi inviate dal nord per perpetuare il circolo vizioso e continuare l'operazione. Ma questa è un'altra storia.
Il problema non è solo che gli Stati Uniti cercano di gestire, piuttosto che porre fine a questa attività milionaria, ma che è stato incaricato di nascondere l'esistenza dei propri cartelli.

Dopo decenni di lotta al traffico di droga in Messico, tutto indica che non sappiamo assolutamente nulla sull'argomento.
Le nostre autorità non sono riuscite - o hanno voluto - capirlo, e rimangono parte di un gioco, il cui unico risultato è l'assurdo spargimento di sangue su questo lato del confine. Mettiamo le pedine, ma i pezzi si spostano dagli Stati Uniti.
Come paese, dobbiamo iniziare a porci le domande giuste. Comprendere gli incentivi che guidano il business della droga. Analizzare esattamente dove indirizzare gli sforzi e come farlo. Comprendendo che non sappiamo nemmeno chi sta tirando le corde e ciò che vediamo è la punta dell'iceberg.
In fondo, non possiamo combattere qualcosa che non capiamo, e per questo, dobbiamo rivolgerci al nostro vicino a nord.


(Articolo di Vanessa Lozano, Insegnante di Amministrazione Pubblica all'Università di Harvard e docente alla Universidad  Panamericana, pubblicato sul quotidiano messicano Excelsior del 01/08/2020)


CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori