testata ADUC
Legalizzazione cannabis. Le tappe del 2018
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 dicembre 2018 11:42
 
Il 2018 è stato un grande anno per la legalizzazione della cannabis.
Ci è voluta meno di una settimana perché l'amministrazione Trump mettesse il silenziatore al considerevole ronzio creato il 1 gennaio quando la legge della California sulla legalizzazione della marijuana è entrata in vigore, creando il più grande mercato legale di cannabis negli Stati Uniti. E il procuratore generale, Jeff Sessions, ha revocato le norme che proteggevano gli operatori di marijuana medica con licenza statale dalle iniziative giudiziarie federali contro la droga. Un’iniziativa che ha notevolmente preoccupato il nascente mercato legale. Ma alla fine ha avuto scarso impatto perché i procuratori federali in tutto il Paese hanno mostrato scarso interesse nel rivolgersi a chi operava legalmente. Sessions, convinto oppositore della marijuana, ha lasciato il suo incarico e l'industria della cannabis ha prosperato in un anno estremamente significativo per il movimento favorevole alla legalizzazione, negli Stati Uniti e non solo.
Ecco alcuni momenti salienti:
- 1 gennaio: la legge della California è entrata in vigore, consentendo alle persone di 21 anni di consumare marijuana.
- 4 gennaio: revoca, da parte di Sessions, delle norme che proteggevano gli operatori statali legali
- 22 gennaio: Il parlamento del Vermont legalizza la marijuana ricreativa. È la prima volta che un Parlamento statale, piuttosto che gli elettori con un referendum, approva una legge del genere.
- 25 giugno: Le autorità sanitarie degli Stati Uniti approvano il primo farmaco da prescrizione, derivato dalla marijuana. Il farmaco, Epidiolex, è usato per trattare due forme rare di epilessia nei bambini piccoli.
- 28 giugno: l'Oklahoma diventa il 30mo Stato a legalizzare l'uso di marijuana medica.
- 19 luglio: una società canadese, la Tilray Inc., è la prima azienda di marijuana a completare un'offerta pubblica iniziale su una delle principali borse statunitensi, raccogliendo $ 153 milioni dopo aver iniziato a negoziare sulla borsa del Nasdaq.
- 15 agosto: Constellation Brands Inc., la casa madre della birra Corona e altre bevande alcoliche, fa un investimento di $ 4 miliardi in Canopy Growth Corp., un importante produttore canadese di cannabis.
- 17 ottobre: ??il Canada legalizza l'uso di marijuana per persone di almeno 19 anni nella maggior parte delle province. È il secondo Paese dopo l'Uruguay a legalizzare la marijuana, e il suo status di nazione del primo mondo aggiunge maggiore credibilità al mercato globale della marijuana.
- 31 ottobre: ??la Corte Suprema del Messico stabilisce che le persone possono consumare marijuana come esercizio dei diritti delle proprie attività ricreative. La decisione mette il Paese in un’ottima posizione per poter poi decidere un’ampia legalizzazione.
- 7 novembre: gli elettori fanno del Michigan il primo Stato del Midwest e il 10mo in assoluto ad aver legalizzato il consumo ricreativo della marijuana. Missouri e Utah approvano la marijuana terapeutica.
- 7 dicembre: il produttore di sigarette americano Altria (Marboro) investe $ 2,4 miliardi nella società canadese di marijuana Cronos Group.
- 10 dicembre: la Nuova Zelanda approva una legge che rende ampiamente disponibile la marijuana medica. Un referendum nazionale sulla cannabis ricreativa è previsto entro due anni.
- 20 dicembre: il presidente Donald Trump firma un disegno di legge sull'agricoltura che rimuove la canapa, la pianta della cannabis “cugina” della marijuana, dalla lista delle sostanze controllate a livello federale.

(da un lancio dell’agenzia Associated Press – AP - del 27/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori