testata ADUC
Dopo l’euforia, brutale discesa della cannabis a Wall Street nel 2019
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 gennaio 2020 19:58
 
 Le aziende della cannabis hanno scatenato l'euforia a Wall Street nel 2018, ma il settore non è cresciuto così rapidamente come previsto in Canada e sta ancora affrontando una regolamentazione indecisa negli Stati Uniti, minando le sue prestazioni nel 2019.

Le più grandi compagnie quotate alla Borsa di New York, per lo più produttori canadesi di marijuana, sono rimaste deluse.
Canopy Growth ha quotato lunedì sera circa il 30% in calo su base annua, Tilray il 78%, Cronos il 26% mentre il prezzo delle azioni di Aurora Cannabis è stato ridotto di oltre la metà.
Tutte, comunque, hanno registrato una crescita di oltre il 10% martedì 31 dicembre per l'ultima sessione dell'anno.
La disillusione ha colpito anche i principali fondi negoziati in borsa (ETF) che riuniscono varie società del settore, ETFMG Alternative Harvest ha perso ad esempio circa il 30%. Mentre l'indice che rappresenta le 500 maggiori società quotate a Wall Street, l'S & P 500, è aumentato di circa il 28% nello stesso periodo.

Gli investitori avevano massicciamente speculato sul crescente entusiasmo per la cannabis mentre diversi Stati americani ne avevano autorizzato l'uso medico, e in alcuno anche quello ricreativo, mentre Ottawa si stava preparando a legalizzare, nell'ottobre 2018, l'uso ricreativo in tutto il Paese.
Ma in Canada "il primo anno ha sofferto per la lenta apertura dei negozi, difficoltà a competere col mercato nero, mancanza di offerta, normative diverse per provincia e restrizioni sul tipo di prodotti che potrebbero essere legalmente venduti", ha dichiarato Jessica Rabe di DataTrek in una nota recente.
Gli operatori canadesi hanno successivamente affrontato "una domanda deludente e troppa alta", ha dichiarato Bobby Burleson di Canaccord Genuity in un’altra nota.

Allo stesso tempo, negli Stati Uniti, la speranza di un aumento delle vendite della pianta, per fumare, svapare, mangiare sotto forma di caramelle o applicare in crema, è stata delusa.
"Le vendite di marijuana ricreativa continuano a crescere fortemente in Colorado", il primo Stato americano ad averla autorizzata nel 2014, riferisce Jessica Rabe di DataTrek. E questa solida progressione del settore in Colorado più di cinque anni dopo i suoi inizi "spiega perché l'entusiasmo degli investitori era inizialmente così vivace".
"Il problema è che si sono entusiasmati un po' troppo, non capendo davvero tutte le questioni normative tra il patchwork di leggi a livello statale, tra quelli che avevano già autorizzato la cannabis e una legalizzazione che negli altri Stati procedeva in modo più lento del previsto”, aggiunge lo specialista.

La legge federale considera ancora la cannabis come una droga pesante, proprio come la cocaina, e le grandi banche, per paura di essere perseguite per riciclaggio di denaro, sono riluttanti a finanziare il settore.

L'agenzia federale del farmaco negli Stati Uniti, la FDA, ha inoltre sottolineato a novembre che non poteva garantire che il consumo di cannabinolo o CBD, il principio non psicoattivo della cannabis, riconosciuto come rilassante e antidolorifico, potesse essere senza pericoli
I vari sondaggi nel 2020, i referendum sulla legalizzazione della cannabis in vari Stati e le elezioni presidenziali di novembre, dovrebbero comunque  influenzare il futuro del settore.

(da un lancio dell’agenzia France Press – AFP del 31/12/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori