testata ADUC
Cannabis e democrazia in Cina
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 gennaio 2018 9:38
 
 La cannabis è coltivata in Cina da oltre 10.000 anni, dopo che le prime comunità agricole scoprirono che la pianta poteva essere utilizzata sia per le sue fibre forti che per le sue proprietà medicinali. Ma nonostante questa lunga storia, il governo cinese attualmente considera la cannabis pericolosa quanto la cocaina e ne proibisce completamente la coltivazione e l'uso in qualsiasi forma. La cannabis è fiorente invece nella cultura underground del Paese, e gruppi come Wizman 420 si ritrovano in segreto per condividere il loro apprezzamento per la cannabis e la sua cultura.
Wizman 420 – un gruppo di giocatori mediatici, artisti grafici e stoner - sta lavorando per far conoscere in Cina la cannabis, creando fumetti, siti web, abbigliamento e persino il proprio rig dab. L’ubicazione di questo gruppo nella Cina continentale deve rimanere segreta (perché le informazioni che distribuiscono sono illegali), ma il corrispondente della rivista americana MERRY JANE News Christel Escosa è riuscito a rintracciare i fondatori Alice e Yoda per discutere i loro piani per promuovere la democrazia attraverso l'uso di cannabis, per trasformare il Paese in un "orientale chill-land".
(da Merry Jane del 29/01/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori