testata ADUC
 INDIA - INDIA - I pappagalli dipendenti dall'oppio saccheggiano i campi di papaveri
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
6 agosto 2019 11:16
 
L'India è il più grande produttore mondiale di oppio legale, utilizzato principalmente nell'industria farmaceutica per la produzione di codeina e morfina. Nel centro del Paese, la sola provincia del Madhya Pradesh concentra il 75% di questo appetitoso commercio: 38.000 ettari di papavero vengono coltivati con 30.000 agricoltori addetti grazie ad una licenza speciale. Ma hanno di fronte un nemico inaspettato: i pappagalli.
Da un po’ di tempo la vita dei contadini indiani si è trasformata in un film di Hitchcock, con incursioni di uccelli che si tuffano nei campi. "Un fiore di papavero dà 20/25 grammi di oppio. Mentre un folto gruppo di pappagalli si nutre dalle 30 alle 40 volte al giorno, alcuni addirittura prendono i baccelli. Tutto ciò influisce sulla produzione", lamenta un agricoltore locale intervistato da NDTV, un canale di notizie indiano. Gli uccelli brulicano sugli alberi e sui tetti delle fattorie e attaccano i campi all'alba, rosicchiando i baccelli per sorseggiare il liquido lattiginoso ricco di oppio.
Gli uccelli “suonati” sono completamente dipendenti
Gli uccelli sono così determinati perché l'oppio ha lo stesso effetto del caffè sull'uomo. "Dà loro una sferzata di energia istantanea", ha detto al Daily Mail il dott. Chundawat, specialista in oppio al Mandsaur College of Horticulture. Una volta che hanno provato questa sensazione, cadono rapidamente in una dipendenza. "I voli traballanti e disorientati dei pappagalli rendono evidente la loro intossicazione", riferisce il giornale locale “DNA India”, che si era già occupato del fenomeno nel 2018. Spesso finiscono per schiantarsi su alberi e rami o vengono trovati “suonati” nei campi dopo uno stordimento, volando via una volta svanito l'effetto prima di tornarci di nuovo".
Altoparlanti e fuochi d'artificio: niente aiuta
Tutto questo è di grande preoccupazione per gli agricoltori, già minacciati dalla persistente siccità. "Perdiamo fino al 10-15% del nostro raccolto a causa di questi pappagalli. Non c'è modo di proteggersi da loro", ha detto Narendra Singh, un coltivatore di oppio a Pratapgarh, una città nell'Uttar Pradesh, appena a nord del Madhya Pradesh. Megafoni, fuochi d'artificio ... i tentativi di spaventare gli uccelli non hanno finora prodotto risultati.
In Francia, puoi anche sballare con il pane di papavero

Non c'è bisogno, tuttavia, di essere un pappagallo e vivere in India per sballare col papavero: il 1 marzo, la direzione generale della concorrenza, dei consumatori e del controllo delle frodi (DGCCRF) ha lanciato un avviso sul consumo di pane di papavero, dopo test che mostrano quantità anormalmente elevate di alcaloidi nelle persone che hanno recentemente consumato questo tipo di pane. "Il consumo di solo uno dei sandwich analizzati equivale a 4 mg di morfina, l'equivalente di mezza compressa di Skenan, il medicinale che viene somministrato ai pazienti affetti da cancro! "E sorpreso Jean-Claude Alvarez, capo del dipartimento di farmacologia-tossicologia del Centro ospedaliero dell'Università di Raymond-Poincaré (AP-HP), a Garches (Hauts-de-Seine), fonte dell'allerta. I semi di papavero non contengono alcaloidi, ma possono essere contaminati dal lattice della pianta.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Planéte del 05/08/2019)
 
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori