testata ADUC
 USA - USA - I nuovi assunti della FBI potranno fumare marijuana
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
22 maggio 2014 10:46
 
La marijuana potrebbe entrare all'Fbi. Per ora le regole dell'agenzia americana prevedono che i propri dipendenti non abbiano fatto uso di cannabis negli ultimi tre anni. Ma qualcosa potrebbe cambiare visto che il direttore, James Comey, sa quanto sia difficile trovare esperti hacker per combattere il cybercrimine che non facciano uso di stupefacenti.
"Devo assumere molte persone per competere con questi cybercriminali, e molti di questi ragazzi vogliono fumare marijuana prima di fare il colloquio", ha detto il numero uno dell'Fbi a un meeting annuale a New York.
Come riporta il Wall Street Journal, il grande cambiamento per Comey arriva quando il Congresso ha autorizzato l'Fbi ad assumere 2.000 nuovi esperti che saranno impiegati soprattutto nella lotta ai crimini online. Durante il suo discorso il numero uno della polizia federale ha aggiunto: "La lotta al cybercrimine è una delle priorità, ma molti informatici e guru dei linguaggi di programmazione sono affezionati alla marijuana".
Dopo la recente legalizzazione della droga leggera in Oregon e Colorado, sembra che negli Stati Uniti qualcosa stia cambiando. A gennaio i commissioner della National Football League, Roger Goodell, aveva detto che la lega avrebbe dato il via libera all'uso della cannabis terapeutica per i suoi giocatori. L'Fbi tuttavia continua ad avere regole ferree sull'uso di stupefacenti: oltre ai tre anni per la marijuana, l'agenzia prevede che i suoi impiegati non abbiano fatto uso di altre droghe nei precedenti dieci anni. La Cia invece richiede solo un periodo di 12 mesi.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori