testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Narcoguerra. Nel 2017 e' costata il 21% del PIL
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
11 aprile 2018 8:10
 
Nel 2017 l'ondata di violenza criminale che insanguina il Messico ha avuto un impatto economico equivalente al 21% del Pil del paese, cioe' otto volte di piu' di quello che ha speso lo Stato per la sanita' pubblica e sette volte di piu' della sua spesa per l'istruzione. Questa cifra drammatica e' contenuta in un rapporto preparato dall'Istituto per l'Economia e la Pace (Iep), un think tank australiano mondialmente noto per il suo Indice Globale della Pace, che si pubblica attualmente. Carlos Juarez, responsabile per il Messico dell'Iep, ha indicato che il costo dell'impennata di violenza subita dal paese nell'ultimo degli 11 anni della cosiddetta "guerra al narcotraffico" -lanciata nel 2006 dall'allora presidente Felipe Calderon- e' di circa 249 miliardi di dollari, pari a una spesa di 1.747 dollari per ogni cittadino. Secondo le stime dell'Iep l'economia illegale, che e' cresciuta a dismisura in Messico a causa di "decenni interi di corruzione e di debolezza dello Stato di diritto", ha registrato l'anno scorso un fatturato di circa 77,6 miliardi di dollari. Solo gli omicidi, ha sottolineato Juarez, che nel 2017 hanno raggiunta cifre record (almeno 25.339 casi) sono costati all'economia messicana il 10% del suo Pil, giacche' "ogni persona uccisa rappresenta un'unita' di produzione persa per sempre". 
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori