testata ADUC
 NUOVA ZELANDA - NUOVA ZELANDA - La metamfetamina e’ piu’ facile da acquistare che non la cannabis
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 marzo 2018 16:27
 
Il 54% dei consumatori di metamfetamine che hanno partecipato alla prima indagine sulle tendenze dei farmaci online in Nuova Zelanda, ha detto che l’attuale disponibilita’ e’ molto alta.
Il risultati preliminari della prima indagini sulle tendenze in materia di farmaci in Nuova Zelanda hanno messo in evidenza che e’ piu facile acquistare delle metamfetamine che non della cannabis.
Lo studio, realizzato dai ricercatori dell’Universita’ Massey Centro di ricerca SHORE e Wahriki, e’ stato messo in opera per verificare la disponibilita’ di alcool e droghe ed utilizzarli per i servizi di aiuto ai tossicodipendenti in tutte le regioni della Nuova Zelanda. Il primo di una serie di bollettini di ricerca che riportano i risultati, e’ stato pubblicato oggi. Una dettagliata analisi di risultati sara’ presentata al ministero della Sanita’ e ad altri organismi governativi entro un mese.
Il principale ricercatore, il professor Chris Wilkins, dice che la disponibilita’ della metamfetamina e’ molto maggiore nelle regioni del Northland, di Bay of Plentry, di Hawke’s Bay, di Gisborne, di Waikato, di Manawatu-Wanganui, di West Coast e di Southland.
L'indagie online, anonima, promossa da una campagna veicolata da Facebook, e’ stata condotta tra novembre 2017 e febbraio 2018. Un totale di 6,100 persone vi hanno risposto. Ai partecipanti sono state poste una serie di domande sulla disponibilita’ dei farmaci che avevano utilizzato nel corso degli ultimi sei mesi. I dati raccolti, anonimi, sono stati esaminati si’ da garantire la qualita’ e la rispondenza dei dati.

“Questi risultati suggeriscono di porre maggiore attenzione sulle metamfetamina, piuttosto che alla cannabis. Suggerendo anche di rendere in considerazione un aumento dei servizi di aiuto per problemi di tossicodipendenza delle persone che vivono in queste regioni”.
Nell’insieme, il 14% dei consumatori di cannabis ha detto che l’attuale disponibilita’ e' notevole, cosi’ come il 54% dei consumatori di metamfetamine ha detto altrettanto.
“Solo il 14% dei consumatori di cannabis possono acquistare cannabis in 20 minuti o meno, cosi’ come i 31% dei consumatori di metamfetamine ha la stessa tempistica.
Una situazione che solleva serie domande sull’offerta di farmaci. “La maggiore disponibilita’ di metamfetamine e’ il risultato di una strategia intenzionale dei trafficanti di droga, che cercano di massimizzare i loro profitti promuovendo la vendita di un tipo di droga che da’ maggiore dipendenza con margini di guadano maggiori? La attuale strategia di riduzione dell’offerta deve concentrarsi sulla metamfetamina piuttosto che sulla cannabis?
“La metamfetamina e’ largamente considerata come la droga piu’ pericolosa, ma la cannabis e’ piu’ soggetta ad essere sottomessa alle leggi in virtu’ dello spazio e dei tempi necessari alla coltivazione, della sua apparenza fisica e del suo odore notevole”.
Una maggiore disponibilita’ di metamfetamine e’ stata riscontrata in tutte le regioni. ….
Il 45% del campione analizzato e’ di sesso femminile e l’eta’ media e’ di 29 anni (considerando i 16/87enni). Il 21% sono dei maori e il 72% dei Pakeha. Il 35% ha terminato i propri studi secondari, il 33% ha una qualifica politecnica o commerciale e il 28% un diploma universitario. Il 18% sono studenti, 11% disoccupati o fruitori di una qualche sussidio, e il 65% ha un lavoro.
(ForeignAffairs.co.nz del 12/03/2017)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori