testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Guerra alla droga. Record storico di reati nei primi cinque mesi del 2020
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
5 luglio 2020 18:24
 
Durante i primi cinque mesi del 2020, nel Paese sono stati segnalati 31.795 reati per traffico di droga, il numero più alto da quando le autorità hanno iniziato a misurare questo crimine nel 2015.
Questo record so è registrato nonostante che ad aprile e maggio si sia verificata una caduta generale dell'incidenza del crimine a livello nazionale, in gran parte causata dal confinamento volontario condotto da gran parte della popolazione per fermare la diffusione dell’epidemia di covid19.
Secondo il segretariato esecutivo del sistema di pubblica sicurezza nazionale (SESNSP), i rapporti mensili rivelano che i crimini per la vendita e il trasferimento illegale di piccole quantità di droga sono aumentati del 14% rispetto alle 27 mila 989 denunce presentate tra gennaio e maggio del 2019.
I numeri ufficiali rivelano che 11 mila 273 indagini sono state avviate dall'inizio della quarantena, un numero persino superiore a quello del periodo novembre-dicembre 2019, quando c'erano 11 mila 175 casi.
All'inizio dell'anno, le indagini per traffico di droga hanno registrato un record mensile con 7.116 a gennaio. mentre per febbraio sono scese a 6.191, e a marzo sono salite a 6.815 casi.
I dati del SESNSP per la capitale del paese mostrano che nei primi cinque mesi di quest'anno sono stati segnalati 2.481 crimini per traffico di stupefacenti, che rappresenta un aumento del 21,3 per cento rispetto ai record dello stesso periodo dell'anno scorso.
A gennaio e febbraio, i mesi più problematici dell'anno, hanno registrato rispettivamente 654 e 565 indagini; a marzo le indagini sono scese a 440 e ad aprile, con l'inizio della quarantena, sono scese a 316 casi.
Per maggio, le autorità della capitale si aspettavano una riduzione ancora maggiore di crimini come rapine e omicidi intenzionali rispetto a quelli che si sono verificati, ma nel commercio di droga, i casi a maggio sono aumentati del 58,8 per cento dopo la presentazione di 502 denunce.
Gli stati con il maggior numero di denunce per la vendita e la distribuzione di piccole quantità di stupefacenti nel periodo gennaio-maggio sono Guanajuato con 5.629, seguito da Coahuila con 4.414 e Baja California con 4.000 363.
A seguire ci sono gli stati di Chihuahua (2.833), Nuevo León (1.567), lo Stato del Messico (1.338) e Aguascalientes (1.360).
La presenza del traffico di droga nel paese si è intensificata negli ultimi mesi con vari attacchi in cui gruppi criminali hanno ucciso almeno una dozzina di persone, come i 12 corpi ritrovati a Caborca, Sonora, il 20 giugno; il massacro di 15 indigeni Oaxacan nella comunità di San Mateo del Mar il giorno successivo.
Gli attacchi dei cartelli per il controllo del territorio e delle vie di distribuzione hanno anche causato la morte di 16 persone a Fresnillo Zacatecas il 26 giugno e il 1 luglio 26 giovani sono stati massacrati nella dependance della comunità di Arandas, a Irapuato, Guanajuato.
La violenza del traffico di droga ha anche toccato Città del Messico, quando il 26 giugno il capo della segreteria della sicurezza della capitale, Omar García Harfuch, ha subito un attacco in cui è stato ferito da un'arma da fuoco e due persone che erano con lui sono morte.

(articolo di Rafael López, pubblicato su Milenio del 05/07/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori