testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Guerra alla droga. Cartello Jalisco ammazza poliziotti casa per casa
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
30 maggio 2021 15:29
 
 Il violento cartello messicano di Jalisco ha rapito diversi membri di una forza di polizia d'élite nello stato di Guanajuato, torturandoli per ottenere nomi e indirizzi di colleghi e ora sta dando la caccia e uccidendo i poliziotti nelle loro case, nei giorni liberi, davanti alle loro famiglie. È un tipo di attacco diretto contro gli agenti raramente visti al di fuori delle nazioni più colpite dalle gang del Centro America e rappresenta la sfida più diretta fino ad ora alla politica del presidente Andres Manuel Lopez Obrador di evitare la violenza e rifiutare qualsiasi guerra ai cartelli. Il cartello ha già dichiarato guerra al governo, con l'obiettivo di sradicare una forza statale d'élite nota come il gruppo tattico che la banda accusa di trattare ingiustamente i suoi membri.

Se vuoi la guerra, otterrai una guerra. Abbiamo già dimostrato che sappiamo dove sei. Stiamo arrivando per tutti voi", si legge in uno striscione stampato, firmato dal cartello e appeso a un edificio a Guanajuato a maggio. "Per ogni membro della nostra azienda (CJNG) che arresti, uccideremo due dei tuoi tattici, I funzionari di Guanajuato, lo stato più violento del Messico, dove Jalisco sta combattendo le bande locali sostenute dal cartello rivale di Sinaloa, si sono rifiutati di commentare quanti membri del gruppo d'élite sono stati assassinati finora. Ma la polizia di stato ha riconosciuto pubblicamente l'ultimo caso, un agente che è stato rapito da casa sua giovedì, ucciso e il suo corpo scaricato su un'autostrada. L'analista della sicurezza di Guanajuato, David Saucedo, ha affermato che ci sono stati molti casi. "Molti agenti hanno deciso di disertare. Hanno preso le loro famiglie, hanno abbandonato le loro case e stanno scappando e si nascondono", ha detto Saucedo, "Il CJNG sta dando la caccia alle forze di polizia d'élite di Guanajuato". Il numero delle vittime è difficile da stabilire, ma Poplab, una cooperativa di notizie a Guanajuato, ha affermato che almeno sette agenti di polizia sono stati uccisi durante i loro giorni liberi quest'anno. A gennaio, uomini armati sono andati a casa di un'agente di polizia di stato donna, hanno ucciso suo marito, l'hanno trascinata via, torturata e hanno scaricato il suo corpo pieno di proiettili. ovunque si trovino, nelle loro case, nei loro veicoli di pattuglia", si leggeva ancora sullo striscione.

Secondo Poplab, Guanajuato ha avuto il più alto numero di poliziotti uccisi di qualsiasi stato messicano dal 2018, almeno. Tra il 2018 e il 12 maggio, sono stati uccisi un totale di 262 poliziotti, con una media di circa 75 agenti ogni anno, più di quelli uccisi in media ogni anno da spari o altri assalti in tutti gli Stati Uniti, che hanno 50 volte la popolazione di Guanajuato. Il problema a Guanajuato è diventato così grave che il governo statale ha pubblicato un decreto speciale il 17 maggio per fornire un importo imprecisato di finanziamenti per i meccanismi di protezione della polizia e dei funzionari carcerari. "Purtroppo, i gruppi della criminalità organizzata si sono presentati nelle case degli agenti di polizia, il che rappresenta una minaccia e un rischio maggiore di perdita di vite umane, non solo per loro, ma anche per i membri delle loro famiglie", si legge nel decreto, "Sono stati costretti a lasciare rapidamente le loro case e trasferirsi, in modo che i gruppi criminali non possano trovarli".

 I funzionari statali si sono rifiutati di descrivere le misure di protezione, o di commentare se gli agenti dovevano essere pagati per affittare nuove case, o se c'erano piani per costruire speciali complessi abitativi sicuri per loro e le loro famiglie. "Questa è una guerra aperta contro le forze di sicurezza del governo statale", ha osservato Saucedo. Lopez Obrador ha fatto una campagna per cercare di ridurre il conflitto, con un approccio definito di "abbracci, non proiettili" per affrontare le cause profonde del crimine. Da quando è entrato in carica alla fine del 2018, ha evitato di confrontarsi apertamente con i cartelli e ha persino rilasciato un capo per evitare spargimenti di sangue, affermando di preferire una politica a lungo termine per affrontare problemi sociali come la disoccupazione giovanile che contribuiscono all'appartenenza alle bande. Ma l'ex ambasciatore americano Christopher Landau ha detto ad aprile che Lopez Obrador vede la lotta contro i cartelli della droga "come una distrazione. Quindi ha sostanzialmente adottato un programma di laissez-faire nei loro confronti, che è piuttosto preoccupante per il nostro governo".
(La Presse/AP)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori