testata ADUC
 EUROPA - EUROPA - Gran Bretagna - Polizia cerca piantagione cannabis ma trova ‘miniera’ di bitcoin
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
29 maggio 2021 17:10
 
 La polizia britannica fa sapere di aver smantellato una "miniera" di bitcoin che ha deviato l'elettricità nella regione delle Midlands occidentali nel centro del paese, dove le forze dell'ordine credevano di trovare una fattoria di cannabis.
"Abbiamo eseguito un mandato di droga in un'area industriale nel Black Country e abbiamo scoperto una miniera di criptovalute che stava rubando migliaia di libbre di elettricità", ha detto la polizia in una nota.
Le criptovalute come il bitcoin operano attraverso una rete decentralizzata: reti di computer indipendenti convalidano le transazioni in tutto il mondo.
I partecipanti, o "minori", utilizzano potenti processori per completare complesse equazioni che dimostrano la loro partecipazione e ricevono automaticamente bitcoin, un'attività ad alta intensità energetica.
"Avevamo appreso che molte persone stavano visitando il sito, che c'erano molti cavi e prese d'aria visibili e un drone della polizia aveva rilevato una notevole fonte di calore", ha detto la polizia.
"Questi sono segnali classici che indicano che è presente una fattoria di cannabis; ma gli agenti hanno trovato centinaia di computer collegati tra loro, parte di quella che riteniamo essere una rete di mining di bitcoin".
"Per quanto ne so, l'estrazione di criptovalute non è di per sé illegale, ma rubare elettricità lo è", ha affermato il sergente Jennifer Griffin, che aggiunge che non sono stati effettuati arresti perché il sito dell'operazione era vuoto. Il materiale è stato sequestrato.
Convertire l'elettricità in bitcoin può essere un'attività molto redditizia: nell'ultimo anno bitcoin ha guadagnato quasi il 400% e venerdì è stato scambiato per quasi 37.000 dollari.
Ma il suo consumo intensivo di elettricità rende il mining di bitcoin raro in Europa. La sua impronta ecologica ha anche spinto il patron di Tesla Elon Musk a rifiutare pagamenti in bitcoin per i suoi veicoli elettrici, dopo aver elogiato i meriti delle criptovalute sin dall'inizio dell'anno.
Secondo l'indice di consumo di elettricità bitcoin di Cambridge (CBECI), le miniere di bitcoin consumerebbero circa 114 TWh (terrawattora) su base annua, o lo 0,5% della produzione globale di elettricità, o poco più del consumo dei Paesi Bassi.

(France Press - AFP)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori