testata ADUC
 USA - USA - I decessi per overdose sono aumentati di quasi il 30% nel 2020, grazie agli oppioidi sintetici
Scarica e stampa il PDF
Notizia di Redazione
15 luglio 2021 17:13
 
Secondo i dati federali preliminari della sanità pubblica, i decessi per overdose negli Stati Uniti sono aumentati di quasi il 30% nel 2020, risultato di sostanze più letali e degli effetti destabilizzanti della pandemia di Covid-19. I 93.331 decessi stimati per overdose lo scorso anno, un livello record, rappresentano l'aumento annuale più netto in almeno tre decenni a fdronte di 72.151 decessi nel 2019, secondo i dati provvisori rilasciati mercoledì del Centers for Disease Control and Prevention. "Questo è un numero sorprendente anche per quelli di noi che hanno monitorato questo problema", ha affermato Brendan Saloner, professore associato di politica e gestione sanitaria presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. "I nostri strumenti di sanità pubblica non hanno tenuto il passo con l'urgenza della crisi". L'aumento è dovuto in gran parte ad una proliferazione di fentanil, un potente oppioide sintetico il cui uso si è diffuso in tutta la nazione. La pandemia ha amplificato l'epidemia di overdose, portando isolamento sociale, traumi e perdita di posti di lavoro, secondo gli esperti del settore.
I decessi per overdose hanno iniziato ad aumentare nell'autunno del 2019 con la diffusione del fentanyl, ma sono davvero decollati a partire da marzo 2020, quando sono iniziati i lockdown della pandemia. "È davvero una di quelle cose in cui il 2020 ha messo il turbo a qualcosa che era già selvaggiamente fuori controllo”, ha detto il dott. Saloner.
Il fentanyl, che è 50 volte più potente dell'eroina, è ora spesso mescolato ad altre droghe illegali ampiamente utilizzate, spesso quando il consumatore non ne è consapevole. "Il fentanil sta avvelenando la nostra offerta di farmaci", ha affermato Monique Tula, direttore esecutivo della National Harm Reduction Coalition, un'organizzazione che, nell’ottica della riduzione del danno, sostiene le persone che fanno uso di droghe.
Si stima che 57.550 persone siano morte per overdose da oppiacei sintetici, principalmente fentanil, con un aumento di oltre il 54% rispetto al 2019, secondo Robert Anderson, capo del ramo delle statistiche sulla mortalità presso il National Center for Health Statistics del CDC. "Sicuramente il fentanil è il fattore trainante", ha detto.
Secondo i dati del CDC, i decessi per overdose da oppiacei sono aumentati complessivamente di quasi il 37%. Sono aumentati anche i decessi per overdose di metanfetamina e cocaina, ha affermato il CDC. "Ricordo di aver pensato che 30.000 fosse un numero sbalorditivo", ha detto il dottor Anderson. “Ora siamo al triplo. È pazzesco." I dati finali sulla morte per overdose saranno probabilmente rilasciati a dicembre, ha affermato.
I decessi per overdose di droga formano una crisi di salute pubblica gemellata con Covid-19 e mostrano come il bilancio umano della pandemia si estenda ben oltre i 377.883 decessi stimati negli Stati Uniti per questo virus lo scorso anno. Il Covid-19 è stata la terza causa di morte negli Stati Uniti nel 2020, dopo le malattie cardiache e il cancro, secondo i dati preliminari sulla mortalità. Le lesioni non intenzionali, che includono le overdose di droga, sono state la quarta causa principale. Le morti per overdose stanno contribuendo a ridurre l'aspettativa di vita negli Stati Uniti, che potrebbe aver subito il calo maggiore lo scorso anno dal 1943, durante la seconda guerra mondiale. Il CDC dovrebbe riportare i dati preliminari sull'aspettativa di vita del 2020 la prossima settimana. Molte persone che stavano ricevendo un trattamento per la tossicodipendenza o che lo stavano per avere non sono state in grado di ottenerlo nelle prime settimane o mesi della pandemia, o hanno affrontato interruzioni o cambiamenti nel servizio, affermano gli operatori sanitari. La perdita del lavoro o la morte di familiari e amici ha creato stress e traumi, mentre la chiusura di uffici e aziende ha ridotto l'interazione sociale, privando alcuni dei meccanismi di coping su cui si basano. Alcune persone sono rimaste senza casa, per strada, dove hanno avuto problemi ad accedere alle cure, ha detto la signora Tula.
"Riguarda l'isolamento, l'interruzione della vita e forse l'esacerbazione dei sintomi di salute mentale", ha affermato Adam Maslowski, coordinatore clinico dei servizi ambulatoriali per casa di cura Phoenix House a Long Island City nel Queens, NY, che è passato ai servizi di telemedicina all'inizio la pandemia, ma ha anche tenuto aperto un ambulatorio. "Molte persone amano Zoom, ma è importante il contatto faccia a faccia", ha detto. La casa di cura offre assistenza sia di persona che virtuale dalla scorsa estate. Sebbene i bianchi siano la maggior parte dei decessi per overdose, negli ultimi anni sono aumentati anche i neri. In Minnesota, il tasso di mortalità per overdose di droga per i neri è stato quasi il doppio di quello dei bianchi nel 2019, secondo un rapporto del Dipartimento della salute del Minnesota. Mary DeLaquil, autrice del rapporto e epidemiologa del dipartimento, ha affermato che, sebbene quei dati non siano ancora disponibili per il 2020, non si aspetta un miglioramento. "Mi sento abbastanza sicura di dire che non andrà giù nel 2020", ha detto. "In Minnesota e a livello nazionale, stiamo assistendo a un aumento generalizzato delle overdose di droga".
Tiffany Sales si era drogata per tutta la sua vita quando una mattina, la prima settimana di gennaio di quest'anno, è entrata nel bagno di un casinò ad Atlantic City, New Jersey, la sua città natale. La 52enne ex concessionaria è stata trovata morta dopo un po’, una pipa da crack in mano, ha detto sua sorella, Lisa C. Oliver. La signora Sales si era liberata dalla droga diverse volte e aveva svolto lavori di supervisione quando era pulita, ha detto il dottor Oliver, un progettista didattico sanitario e consulente del dolore che vive ad Atlanta. Normalmente in contatto solo sporadico con la famiglia, la signora Sales l’aveva contattata all'inizio della pandemia. "Ha lasciato un messaggio vocale dicendo, con tutto quello che sta succedendo, voglio tenermi in contatto", ha ricordato il dottor Oliver.
L'aumento del numero di morti indica la necessità di misure urgenti e complete per affrontare la crisi, hanno affermato gli esperti di salute pubblica e trattamenti. I governi statali e locali stanno rivendicando oltre 26 miliardi di dollari da produttori e distributori di oppiacei con cause legali. In generale, i governi sostengono che l'industria farmaceutica abbia spinto la prescrizione e la distribuzione di oppioidi oltre quanto necessario dal punto di vista medico, creando una dipendenza diffusa che ha portato a un maggiore abuso di oppioidi di strada come l'eroina e il fentanil illegale. Le aziende affermano di aver venduto o distribuito un prodotto legale prescritto dai medici necessario per la gestione del dolore.
Dopo anni di ritardo, sono in corso tre processi a New York, California e West Virginia. Alcuni casi si sono risolti di recente. Johnson & Johnson ha accettato a giugno di pagare 230 milioni di dollari allo stato di New York per risolvere una causa per gli oppiacei. New York, Massachusetts e altri 13 stati hanno firmato questo mese un accordo con il produttore di OxyContin Purdue Pharma LP e i suoi proprietari, la famiglia Sackler. I governi dovrebbero usare i soldi della liquidazione che dovrebbero ricevere per i programmi di cura e prevenzione, compresi gli investimenti, per aiutare a ridurre le disparità nelle comunità di colore, ha detto la signora Tula. La priorità ora dovrebbe essere quella di aiutare le persone ad alto rischio di overdose, ha detto il dott. Saloner. Quindi, dovrebbero essere prese ulteriori misure per rendere più facile l'accesso al trattamento per le persone che ne hanno bisogno, ha affermato. Includendo la messa a disposizione del trattamento nelle farmacie e nelle cliniche comunitarie e la rimozione dei limiti al numero di pazienti a cui i fornitori possono prescrivere farmaci per il disturbo da uso di oppiacei. "Dobbiamo provare tutte queste cose", ha detto. "È troppo tardi."
(Betsy McKay su The Wall Street Journal del 14/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori