testata ADUC
 CANADA - CANADA - Consumo cannabis. Mezzo milione lo fa prima o durante il lavoro. Indagine
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
16 maggio 2019 9:51
 
Da quando il Canada ha legalizzato la cannabis lo scorso ottobre, un numero crescente di canadesi si è goduto la libertà di fumare l’erba quando e dove hanno voluto. Ma una nuova indagine governativa ha riportato che un numero crescente di canadesi sta scegliendo di farlo e poi mettersi al lavoro, sollevando le preoccupazioni degli imprenditori perché potrebbero mettere in pericolo se stessi o gli altri.
Il “National Cannabis Survey” riporta che circa 514.000 canadesi si comportano così prima o durante il lavoro, sulla base dei dati raccolti tra l'ultimo trimestre del 2018 e il primo trimestre di quest'anno. Il sondaggio osserva che "mentre la probabilità di comportarsi in questo modo potenzialmente pericoloso non differisce per età o sesso, c’é invece un differenza in base alla frequenza di utilizzo della cannabis".
In particolare, il 27% dei lavoratori che hanno riferito di aver consumato cannabis quotidianamente ha ammesso di averlo fatto in quantità elevata prima o durante il lavoro, rispetto al solo 7% dei fumatori occasionali.
“Statistics Canada” ha condotto il “National Cannabis Survey” ogni tre mesi dal febbraio 2018, al fine di monitorare come la legalizzazione stia cambiando la cannabis canadese. Il sondaggio più rece nte riporta che 5,3 milioni di canadesi di età pari o superiore a 15 anni, pari al 18% della popolazione del Paese, hanno aumentato i propri consumi nei primi tre mesi del 2019. Durante lo stesso periodo dell'anno precedente - prima che l'uso per adulti fosse legale - solo il 14% degli intervistati aveva sostenuto di aver consumato cannabis.
Durante il primo trimestre di quest'anno, 646.000 intervistati hanno dichiarato di aver provato l’erba per la prima volta nel 2019 - circa il doppio del numero di consumatori rilevati per la prima volta nel 2018. Ma nonostante i timori che la legalizzazione aumenterebbe drasticamente il consumo di cannabis tra i minori, il sondaggio rileva che circa la metà di questi nuovi consumatori ha in realtà 45 anni o anche più. Il sondaggio ha anche rilevato che gli uomini hanno quasi il doppio delle probabilità di consumare cannabis rispetto alle donne, una statistica che è rimasta costante da quando è iniziato il rilevamento demoscopico.
Uno dei risultati più positivi del nuovo sondaggio è il fatto che un numero crescente di canadesi sta acquistando l'erba legalmente, piuttosto che dal mercato nero. Le autorità governative hanno faticato a contenere il fiorente mercato illegale di cannabis del Paese, poiché la scarsità di forniture, la mancanza di prodotti alimentari legali e l'aumento dei prezzi hanno convinto alcuni consumatori a continuare a comprare la loro erba da venditori illegali.
Durante il primo trimestre di quest'anno, solo il 38% degli intervistati ha riferito di aver acquistato erba del mercato nero, che è in calo rispetto al 51% dello scorso anno. Si stima che il 47% degli amanti dell’erba canadese stia ora acquistando legalmente il proprio spinello, una indicazione sul fatto che il Paese potrebbe finalmente realizzare il suo obiettivo di chiudere il mercato nero una volta che ha eliminato la sua catena di approvvigionamento.
(articolo di Chris Moore, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 15/05/2019)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori