testata ADUC
 USA - USA - Condanna del narcoboss El Chapo. Gli echi sulla politica
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
13 febbraio 2019 16:56
 
L’addetta stampa della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, è stata criticata per aver suggerito che un muro al confine col Messico avrebbe fermato Joaquin "El Chapo" Guzman nel portare droga negli Stati Uniti.
Sanders facendo riferimento alla condanna del signore della droga messicano - riconosciuto colpevole di 10 reati relativi al traffico di droghe da un tribunale statunitense - ha rilevato come la minaccia dei cartelli a sud del confine era "reale".
L'alto funzionario dell'amministrazione Trump ha scritto su Twitter: "Il regno del terrore di El Chapo è finito. Trascorrerà il resto della sua vita in una prigione di massima sicurezza. La minaccia dei cartelli della droga violenti è reale: dobbiamo proteggere i nostri confini".
Alcuni commentatori hanno stigmatizzato il suo tentativo di collegare il caso giudiziario con il problema del muro al confine col Messico, sottolineando che Guzman costruiva tunnel sotterranei per inviava droga negli Stati Uniti - metodi per i quali un muro non servirebbe a nulla.
Alcuni commenti sui social media hanno fatto notare che l’arresto di Guzman non è stata una conseguenza dell’avere un confine molto rigido, ma grazie alla cooperazione tra le autorità statunitensi e messicane. Il leader del cartello è stato arrestato a Los Mochis, Sinaloa nel 2016, poi estradato per essere processato a Brooklyn, New York.
Nonostante le obiezioni al tweet della Sanders, il senatore Ted Cruz ha anche cercato di collegare Guzman con quanto dovrebbe essere utile il muro al confine.
Il senatore repubblicano ha presentato un disegno di legge intitolato "Accordo per l’uso dei fondi nascosti di El Chapo per garantire l'ordine”, che dovrebbe utilizzare il denaro sequestrato al boss del narcotraffico per costruire "barriere di sicurezza alla frontiera".
Cruz ha così twittato: "Esorto i miei colleghi del Senato a intraprendere un'azione rapida su questa fondamentale proposta di legge".
I parlamentari, in via provvisoria, si sono trovati d’accordo nei giorni scorsi per finanziare con circa 1,4 miliardi di dollari le barriere alle frontiere introducendo questa norma che dovrebbe essere introdotta entro l'anno fiscale, che si concluderà il 30 settembre.
L'accordo consentirebbe 55 miglia di nuova recinzione - costruita utilizzando progetti già esistenti come quelli con le lamelle metalliche - ma molto meno delle 215 miglia richieste dalla Casa Bianca a dicembre. La recinzione dovrebbe essere costruita nella valle del Rio Grande del Texas.
Non ci sono grandi particolari in merito, ma i leader repubblicani hanno esortato il presidente Trump ad accettare questo accordo.
Nel frattempo, gli esperti prevedono che Guzman dovrebbe essere inviato in una prigione federale "supermax" a Florence, Colorado, conosciuta come ADX - una struttura così desolata e remota che è stata soprannominata "l’Alcatraz delle Montagne Rocciose".
"El Chapo dovrebbe proprio essere mandato in una simile prigione", ha detto Cameron Lindsay, direttore in pensione che gestiva a suo tempo tre prigioni federali. "Sarei assolutamente sconvolto se non fosse inviato all'ADX."
Unabomber Ted Kaczynski, l’attentatore della maratona di Boston Dzhokhar Tsarnaev, il terrorista dell'11 settembre Zacarias Moussaoui, e il complice dell'attentato di Oklahoma City Terry Nichols, sono tra i detenuti di questo carcere.

Qui gli articoli sul processo di New York: 
https://droghe.aduc.it/articolo/processo+narco+el+capo+new+york+giuria+colpevole_29173.php
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori