testata ADUC
 PERÙ - PERÙ - Coltivazioni coca: gli errori dell'antidroga Usa
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 agosto 2020 14:20
 
Lo scorso 1 agosto il Perù ha respinto un rapporto dell'ufficio antidroga degli Stati Uniti che aveva rilevato un aumento del 40% della produzione di cocaina e un aumento del 38% delle coltivazioni di foglie di coca nel paese andino nel 2019 rispetto all'anno scorso.

L'ufficio antidroga del Perù, Devida, ha fatto sapere che il rapporto contiene "una serie di errori" nelle sue fonti perché non considera il volume dei raccolti di foglie di coca sradicati quell'anno e il consumo tradizionale della pianta e della sua industria legale, che non diventa mai cocaina.

"Circa 6 milioni di peruviani consumano foglie di coca ogni anno e questo non si trasforma mai in cocaina", ha detto il presidente di Devida, Rubén Vargas, in un comunicato.

L'Ufficio della National Drug Control Policy (ONDCP) della Casa Bianca ha stimato che la produzione di cocaina è cresciuta fino a 705 tonnellate e che le coltivazioni di foglie di coca sono aumentate a 72.000 ettari in Perù nel 2019, ha affermato il Ministero degli Esteri peruviano in un comunicato stampa.

Il ministero degli Esteri ha anche ricordato che l'ONDCP ha omesso i dati "centrali per un'adeguata contabilità" dell'area coltivata a foglia di coca in Perù, "che se inclusi modificherebbero sostanzialmente i risultati ottenuti".

Vargas ha affermato che secondo l'ufficio nazionale di statistica del Perù, più di 9.000 ettari di coltivazioni di foglie di coca erano destinati a soddisfare la domanda tradizionale e industriale che era stata offerta nel 2019, anno in cui 25.000 ettari sono stati distrutti.

"Se si considera il totale sradicato, l'area coltivata supererebbe leggermente i 53.000 ettari e non i 72.000 che lo studio ONDCP indica erroneamente", ha detto.

Vargas ha anche affermato che la produzione potenziale di cocaina "non avrebbe superato le 400 tonnellate" nel 2019 in Perù, che insieme alla Colombia sono i due maggiori produttori al mondo.
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori