testata ADUC
 USA - USA - Cannabis terapeutica per lenire la depressione
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
23 luglio 2020 10:49
 
Più di 264 milioni di persone soffrono di depressione in tutto il mondo secondo l'Organizzazione mondiale della sanità.
Si stima che il 76% -85% delle persone nei paesi a basso e medio reddito non ricevano alcun trattamento per la loro depressione, il che è estremamente grave.

La depressione può essere debilitante per chiunque ne soffra. I sintomi includono:
• Cambiamenti nel sonno
• Cambiamenti dell'appetito
• Livello di energia inferiore
• Problemi con la concentrazione
• Bassa autostima

La depressione può portare a pensieri di suicidio e, purtroppo, in alcuni casi può provocare uno vero e proprio.
È un problema molto serio che sta aumentando in tutto il pianeta. Secondo i risultati di un nuovo studio, la cannabis potrebbe fornire un sollievo temporaneo.

Riduzioni a breve termine delle tendenze depressive
Secondo i dati di un recente studio pubblicato sul Yale Journal of Biology and Medicine, l'inalazione di cannabis è associata a riduzioni a breve termine delle tendenze depressive.
Un team di ricercatori dell'Università del New Mexico ha esaminato gli effetti della cannabis per inalazione (fiori secchi) su soggetti che hanno riferito di provare queste tendenze.
Lo studio ha coinvolto 1.819 soggetti e si è svolto nel corso di un mese. I partecipanti avrebbero consumato cannabis a casa seguendo i cambiamenti dei loro sintomi tramite un'app.

Secondo i ricercatori, "quasi tutti i pazienti nel nostro campione [96%] hanno riscontrato un sollievo dei sintomi dall'uso della cannabis per trattare la depressione ... con una riduzione media dell'intensità dei sintomi di -3,76 punti su una scala analogica visiva da zero a dieci".
In media il sollievo dai sintomi è durato fino a due ore e la cannabis con più THC sembrava funzionare meglio.
"I nostri risultati indicano che il THC in particolare è positivamente correlato con una riduzione immediata dell'intensità dei sentimenti depressivi ... Sono necessarie ricerche future sulla cannabis e sulla depressione, confrontando direttamente l'efficacia del trattamento a breve e lungo termine e la gravità dell'effetto collaterale del consumo di cannabis con trattamento antidepressivo convenzionale, in combinazione con approcci terapeutici convenzionali, e in presenza di comportamenti clinicamente scoraggiati, come il consumo di alcol", hanno concluso gli autori dello studio.

Sii cauto
Prima di provare la cannabis per provare a trattare la depressione, o sintomi simili, è bene informarsi da altri che ne hanno già fatto uso e, comunque, procedere con cautela.
La cannabis si è dimostrata efficace per la stragrande maggioranza dei partecipanti a questo studio, tuttavia ciò non significa che funzionerà per tutti in ogni caso.
La pianta di cannabis è complessa ed è disponibile in molte varietà e livelli di potenza. Inoltre, anche il corpo umano e il cervello sono molto complessi. I risultati possono variare.
L'ultima cosa da fare è peggiorare la propria situazione o peggiorare la situazione di qualcun altro. 
La depressione è una condizione molto grave e si dovrebbe sempre chiedere il parere di un medico prima di utilizzare la cannabis per scopi medici.

(articolo di Johnny Green, pubblicato su Cannabis&Tech Today del 09/07/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori